I 14 sfollati sono arrivati ​​in Italia da Israele con un volo charter operato da Taiwan

Taipei, 22 ottobre (CNA) Un totale di 14 sfollati da Israele sono arrivati ​​in Italia venerdì pomeriggio su un volo pagato dal governo per evacuare i cittadini taiwanesi nel paese mediorientale mentre il conflitto armato con Hamas continua ad intensificarsi.

Il Ministero degli Affari Esteri (MOFA) ha dichiarato che il volo della Israir Airlines è partito dall’aeroporto internazionale Ben Gurion alle 00:41 (ora israeliana) di venerdì ed è arrivato all’aeroporto internazionale di Roma-Fiumicino alle 15:00 (ora italiana) di venerdì. ) comunicato stampa.

Il volo da 179 posti trasportava solo 14 passeggeri, tra cui nove cittadini taiwanesi (una famiglia di cinque persone, tre viaggiatori con lo zaino in spalla e uno studente).

Sul volo di evacuazione c’erano anche quattro cittadini del Guatemala, alleato centroamericano di Taiwan, e uno del Paraguay, alleato sudamericano del paese, ha aggiunto il ministero.

Al loro arrivo all’aeroporto di Roma, sono stati accolti da Vincent Tsai (蔡允中), rappresentante di Taiwan in Italia.

Dopo l’arrivo a Roma, i cittadini taiwanesi e gli altri stranieri erano liberi di decidere se volevano tornare a Taiwan o nei rispettivi paesi d’origine, ma dovevano pagare le spese di viaggio e di alloggio, ha affermato il MOFA.

Secondo il ministro degli Esteri Joseph Wu (吳釗燮), 137 cittadini della Repubblica di Cina (Taiwan) hanno scelto di rimanere in Israele e di non essere deportati in altri paesi o rimandati a Taiwan.

Ottantotto di loro erano taiwanesi e studenti d’oltremare, mentre i restanti 49 erano taiwanesi che hanno sposato cittadini israeliani e hanno ottenuto la cittadinanza israeliana, ha detto Wu.

Wu ha anche affermato che almeno 35 cittadini della Repubblica popolare cinese (RPC) sono arrivati ​​venerdì all’ufficio di Taiwan a Tel Aviv, sperando di imbarcarsi su un volo charter sponsorizzato da Taipei.

READ  L'Italia lancia 'Hydrogen Valley' per rafforzare la catena di fornitura - PV Magazine International

Ma alla fine nessuno di loro ha prenotato il volo dopo che l’ufficio di rappresentanza di Taiwan ha chiesto i dati del passaporto per prendere accordi, ha detto Wu.

La Repubblica Popolare Cinese non ha ancora organizzato voli charter per evacuare i propri cittadini da Israele. Invece, ai cittadini cinesi è stato consigliato di lasciare Israele da soli, poiché sono ancora disponibili voli commerciali per il paese del Medio Oriente.

Il Ministero degli Affari Esteri cinese stima che circa 1.000 cittadini cinesi abbiano lasciato Israele per conto proprio in seguito alla guerra tra Israele e Hamas.

Quando è stato chiesto di spiegare la decisione del governo di organizzare il volo charter venerdì, dopo aver inizialmente raccomandato ai taiwanesi di lasciare Israele per conto proprio, il MOFA ha affermato che la decisione è stata presa a causa della rapida escalation del conflitto armato dal 17 ottobre.

Quel giorno si è verificata un’esplosione nel parcheggio del cortile dell’ospedale arabo Al-Ahli a Gaza City, provocando numerose vittime e feriti, ha detto il ministero.

Attualmente, il MOFA ha mantenuto l’avviso di viaggio per Israele al secondo livello di allerta arancione più alto, consigliando alle persone di evitare viaggi non necessari nel paese.

Il MOFA continua a lanciare un allarme rosso di alto livello per la Striscia di Gaza e la Cisgiordania, chiedendo ai taiwanesi di non recarsi in nessuna delle due aree.

Il Ministero utilizza un avviso di viaggio a quattro livelli per quanto riguarda i rischi per la sicurezza.

Livelli bassi, grigi, indicano cautela; Il giallo suggerisce di riconsiderare il viaggio; L’arancione indica che i viaggi non necessari dovrebbero essere evitati; E i rossi chiedono ai nazionali di non recarsi a destinazione.

READ  Italia vs Spagna: Pronostico UEFA Nations League, Kick Off Time, TV, Diretta streaming, Notizie di gruppo, Risultati h2h, Contraddizioni

Il MOFA ha elevato l’avviso di viaggio per Israele da grigio a giallo l’8 ottobre, un giorno dopo che un gruppo militante palestinese ha attaccato i civili israeliani. Centinaia di persone sono state uccise durante l’attacco e più di 100 sono state rapite e tenute in ostaggio.

In risposta all’incidente, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha dichiarato che Israele era “in guerra” con Hamas e ha successivamente lanciato attacchi aerei di ritorsione.

(Di Joseph Yeh)

Articolo finale/cs

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto