Gli scienziati usano la cottura per rilevare per la prima volta l’ossidazione interna

Un banchetto preparato dai ricercatori dell’Università della British Columbia ha rivelato la presenza di ossigeno all’interno per la prima volta.

Oxy non lo fa

Il singolo ossigeno è un ossidante. Questi composti chimici possono essere benefici – l’ozono nella stratosfera ne è un esempio – ma possono anche causare stress ai nostri polmoni, contribuendo allo sviluppo di cancro, diabete e malattie cardiache a lungo termine.

La cottura dei cibi può rilasciare carbonio bruno, molecole che hanno la capacità di formare ossidanti quando assorbono la luce. Inoltre, Esposizione alle emissioni della cucina È stato collegato a malattie croniche negli chef.

Storicamente, si pensava che non ci fosse abbastanza luce all’interno per ottenere molta chimica reattiva, ma ci sono molte fonti di luce nelle cucine moderne.

Germogli + luce solare = ossidante

I ricercatori dell’Università della British Columbia pensavano che se tutti gli ingredienti giusti fossero stati messi a punto, cioè cucinando in una zona illuminata, avrebbero potuto trovare ossigeno singleton all’interno dove non era stato scoperto prima.

Hanno studiato cucinando tre pasti che rappresentavano colazione, pranzo e cena: frittelle, cavoletti di Bruxelles e verdure saltate in padella, e campionando l’aria ed esponendola a tre diversi tipi di luce: luce ultravioletta, luce solare e fluorescente.

Hanno rilevato un singolo ossigeno approssimativamente alla stessa concentrazione per tutte e tre le piastre. Tuttavia, la sua concentrazione più alta si è verificata negli esperimenti illuminati dal sole, il che significa che è probabile che le cucine illuminate naturalmente vedano più di questo ossidante.

Lo sfogo è salutare

La pandemia di COVID-19 ha contribuito ad aumentare la consapevolezza del pubblico sulla qualità dell’aria interna.

READ  La turbolenza offre una spinta agli uccelli - ScienceDaily

I ricercatori raccomandano la ventilazione e il filtraggio dell’aria nelle cucine per ridurre l’esposizione agli aerosol durante la cottura.

“I nostri prossimi passi includono la determinazione di come questo agente ossidante influisce sugli esseri umani e quanto respiriamo quando cuciniamo. Potrebbe avere un ruolo in alcune malattie legate alla cucina?” ha detto l’autrice senior, la dottoressa Nadine Borduas Dedekind, assistente professore di chimica presso l’Università della British Columbia.

/Liberazione generale. Questo materiale dell’organizzazione/degli autori originali può essere di natura cronologica ed è modificato per motivi di chiarezza, stile e lunghezza. Mirage.News non assume posizioni aziendali o partiti e tutte le opinioni, posizioni e conclusioni qui espresse sono esclusivamente quelle degli autori. Visualizzale integralmente qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto