SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Gli scienziati sviluppano un test COVID di cinque minuti | Busselton Dunsborough Mail

Scienziati australiani hanno sviluppato un test della saliva in grado di rilevare COVID-19 in cinque minuti.

Il dispositivo di test portatile utilizza la luce a infrarossi per rilevare il virus nei campioni di saliva e gli scienziati affermano che potrebbe essere in grado di controllare 5.000 persone al giorno.

In un primo test, il dispositivo di screening è stato in grado di rilevare correttamente il virus in 27 pazienti su 29.

Ma la ricerca, condotta dalla Monash University e dal Doherty Institute, sta solo raggiungendo una fase di “prova di concetto”, quindi potrebbe essere necessario del tempo prima che i tamponi nasali diventino superflui.

L’innovativo dispositivo utilizza la luce a infrarossi per interagire con le vibrazioni delle molecole nei campioni di saliva, ottenendo un’impronta chimica unica che viene quindi analizzata utilizzando algoritmi di apprendimento automatico.

Poiché il dispositivo funziona così velocemente, si spera che venga utilizzato per lo screening negli aeroporti, negli stadi, nelle università e nelle scuole, nonché per lo screening dei pazienti per ulteriori test COVID.

Secondo il professor Biden Wood della Monash University, il dispositivo è veloce, economico e facile da usare e riduce il rischio di infezione per i pazienti e gli operatori sanitari.

Il professor Wood ha svolto gran parte del lavoro iniziale sul dispositivo presso l’Australian Synchrotron di Melbourne.

Il professor Damien Purcell del Doherty Institute ha affermato che il nuovo test evita il disagio causato dai tamponi nasali.

“Chiunque può contribuire al campione semplicemente gocciolando in un contenitore sterile”, ha detto venerdì.

Tecniche a infrarossi simili sono state utilizzate in passato per lo screening della malaria e dell’epatite.

La ricerca è stata condotta con l’Università di Melbourne, il Royal Melbourne Hospital, il Dublin Institute of Technology, l’Università di Strathclyde, Elitra Syncroton Trieste e Science Park Trieste.

I risultati sono stati pubblicati venerdì sulla principale rivista di chimica tedesca Angewandte Chemie.

Australian Associated Press