HomescienceGli esperti sollecitano la vaccinazione perché il virus respiratorio sinciziale e “tutta...

Gli esperti sollecitano la vaccinazione perché il virus respiratorio sinciziale e “tutta una serie di virus” si stanno diffondendo in tutto il Paese

I casi registrati di virus respiratorio sinciziale (RSV) sono quasi raddoppiati rispetto allo scorso anno in tutta l’Australia, poiché “un’intera gamma di virus” continua a diffondersi in tutto il paese.

Secondo il National Notified Disease Surveillance System del governo federale, ad aprile in Australia sono stati registrati 56.063 casi di infezione da RSV.

Si tratta di quasi il doppio dei 29.390 casi registrati nello stesso periodo dell’anno scorso.

Solo lo scorso mese sono stati registrati 24.124 casi, rispetto ai 14.286 casi registrati nell’aprile 2023.

Il Nuovo Galles del Sud ha registrato l’aumento maggiore, rappresentando la metà di tutte le nuove segnalazioni di aprile, seguito da Queensland e Victoria.

I dati preliminari di maggio mostrano che i numeri continuano a crescere.

La maggior parte di questi casi si verifica nei bambini piccoli, con quasi tre quinti dei casi quest’anno che si verificano in bambini di età pari o inferiore a quattro anni.

Tuttavia, è impossibile determinare se l’aumento registrato sia insolito, perché le autorità hanno iniziato a raccogliere dati nazionali coerenti sul virus respiratorio sinciziale solo dall’inizio dello scorso anno.

L’aumento potrebbe essere in parte dovuto a ulteriori test

Il professor Adrian Esterman, epidemiologo dell’Università dell’Australia Meridionale, ha affermato che l’aumento significativo dello scorso anno potrebbe essere dovuto al fatto che un numero maggiore di persone viene sottoposto a test per le infezioni respiratorie in generale.

READ  Presentazione di una nuova tecnologia per il cancro al seno presso l'ospedale privato Baringa

Ma crede anche che quest’anno ci saranno più scambi di RSV rispetto all’anno scorso.

Il professor Adrian Esterman è un epidemiologo e biostatistico presso l’Università dell’Australia Meridionale. Foto scattata nel luglio 2023.(Lettere di notizie)

“Le persone sono più consapevoli delle infezioni respiratorie e ora hanno maggiori probabilità di consultare il proprio medico di famiglia, e i medici di base sono più consapevoli delle infezioni respiratorie e sono più propensi a sottoporre i pazienti a test”, ha affermato.

“Ma probabilmente ci saranno ancora più casi quest’anno”.

Il rapporto sulla sorveglianza respiratoria del governo federale condivide un punto di vista simile, ma afferma che l’aumento potrebbe essere dovuto all’aumento della quantità di coronavirus nella comunità.

“Il numero più elevato di notifiche di virus respiratorio sinciziale osservato nel 2024 fino ad oggi potrebbe essere dovuto all’aumento della diffusione del virus respiratorio sinciziale nella comunità”, afferma il rapporto di sorveglianza respiratoria australiana del governo.

“Ma potrebbe anche essere influenzato da cambiamenti nel comportamento di ricerca della salute associati all’aumento della diffusione di COVID-19 durante il periodo estivo in molte giurisdizioni, come l’aumento dei test per le infezioni respiratorie virali”.

Ciò riflette i dati di sorveglianza del virus, che mostrano che il coronavirus si è diffuso in gran numero dall’inizio dell’anno.

Si diffondono anche altri virus

Il professor Robert Bowie, pediatra di malattie infettive presso l’Università di Sydney, ha affermato che il virus respiratorio sinciziale è stato un problema durante i 40 anni in cui ha lavorato in pediatria.

“Abbiamo sempre un aumento nel tardo autunno e all’inizio dell’inverno di RSV.”

Anche se nella maggior parte dei casi il virus respiratorio sinciziale assomiglia a un lieve raffreddore, può portare a malattie gravi e talvolta fatali nei bambini piccoli, negli anziani e negli individui immunocompromessi.

READ  Casi di COVID in NSW in aumento, casi di COVID in Victoria in aumento, casi di ACT COVID in aumento, blocco del NSW che continua, blocco del Victoria che continua, blocco dell'ACT in continuazione
Un uomo in giacca e cravatta fissa la telecamera

Il professor Bui afferma che il vaccino contro il Covid-19 diventerà probabilmente un richiamo annuale, proprio come l’influenza. (ABC Sunshine Coast: Jessica Ross)

Ma a parte il virus respiratorio sinciziale, il professor Bui ha affermato che in generale si sono verificati aumenti in una varietà di batteri e virus diversi.

Questi includono la pertosse, dove i casi sono aumentati quest’anno dopo livelli molto bassi del virus dai tempi del Covid, e Mycoplasma pneumoniae, un batterio che causa sintomi simil-influenzali e per il quale i governi del NSW e del Victoria hanno emesso avvisi negli ultimi mesi.

Ciò è legato alle restrizioni legate al coronavirus e alla riduzione della circolazione delle persone, ha affermato il professor Bui.

“Durante il lockdown, durato da uno a due anni, le persone erano molto meno esposte alle malattie infettive, la loro immunità era diminuita e la trasmissione era minore”, ha affermato.

“Quindi le persone stanno diventando suscettibili alle infezioni, e non si tratta solo di RSV o influenza, ma di tutta una serie di virus”.

“Quindi abbiamo a che fare con molte infezioni diverse, in questo momento, e con l’inverno, poiché le persone trascorrono più tempo in casa, c’è una maggiore trasmissione di diverse infezioni.”

Bassi tassi di vaccinazione

I dati del governo federale mostrano che i tassi di vaccinazione contro il virus sono generalmente inferiori quest’anno rispetto allo scorso.

Anche i tassi di vaccinazione contro il coronavirus sono diminuiti e i vaccini contro il virus respiratorio sinciziale (RSV) sono stati recentemente messi a disposizione degli australiani, ma non su base diffusa.

Il professor Esterman ha affermato che il basso tasso di vaccinazione è probabilmente dovuto all’esitazione.

READ  Uno studio mostra che gli incendi estremi e diffusi possono avere un impatto sul clima - Portale della NASA sul cambiamento del livello del mare

Ma ha insistito sul fatto che gli australiani più anziani e vulnerabili dovrebbero continuare a proteggersi dalle malattie respiratorie attraverso la vaccinazione e l’uso di maschere.

“La maggior parte delle persone semplicemente non se ne preoccupa e, sfortunatamente, questo porta alla diffusione della malattia”, ha detto.

“Gli anziani devono proteggersi con i vaccini e devono essere aggiornati sul vaccino contro il COVID e l’influenza”.

Un medico tiene un ago vicino alla spalla di un paziente.

Un professionista sanitario somministra la vaccinazione.(Unsplash: Nabu è morto)

Il presidente dell’Australian Medical Association, Steve Robson, ha affermato che, nonostante la “fatica da vaccinazione”, è davvero importante che le persone prenotino il vaccino perché c’erano segnali che “potrebbe essere un brutto inverno”.

“Il coronavirus sta ancora mietendo vittime, e l’influenza sta ancora mietendo vittime”, ha detto.

“Non è troppo tardi, siamo all’apice della stagione influenzale e questa potrebbe essere una decisione salvavita.”

Richiede il vaccino RSV per i neonati

Il Royal Australian College of General Practitioners ha anche invitato i governi di Victoria, Tasmania e South Australia a rendere gratuita la vaccinazione contro l’RSV per i bambini a rischio.

L’Australia occidentale e il Queensland lo offrono a tutti i bambini nel primo anno di vita, mentre il Nuovo Galles del Sud lo offre solo ai bambini vulnerabili dal punto di vista medico.

La presidente del RACGP Victoria, Anita Muñoz, ha affermato che le famiglie del Victoria attualmente devono finanziare da sole il vaccino per i propri figli.

“Penso decisamente che ci sia un grande senso di urgenza”, ha detto il dottor Muñoz.

“Quando pensiamo che le infezioni legate al RSV potrebbero causare il ricovero in ospedale di bambini vulnerabili, pensiamo che sia molto utile proteggerli”.

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News