SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Gli esperti hanno avvertito che la velocità di lancio del vaccino COVID in Australia dovrebbe raddoppiare in modo che i confini si riaprano entro un anno

Gli epidemiologi hanno avvertito che l’Australia dovrà raddoppiare la velocità di lancio del vaccino COVID-19 per poter aprire in sicurezza i suoi confini internazionali entro 12 mesi.

Le persone che entrano in Australia dall’estero hanno dovuto completare una quarantena alberghiera di due settimane da marzo 2020, in una mossa che ha visto Lucky Country evitare il peggio della pandemia.

questa settimana, Sono iniziati i viaggi senza quarantena tra l’Australia e la Nuova Zelanda Il presidente di Qantas Alan Joyce ha dichiarato in precedenza che spera di offrire più bolle di viaggio quest’anno.

Tuttavia, due importanti epidemiologi hanno detto alla ABC che era improbabile che accadesse e hanno avvertito che la maggior parte degli australiani avrebbe bisogno di essere vaccinata prima che i confini internazionali riaprissero in modo sicuro.

Finora l’Australia ha vaccinato circa 1,86 milioni di persone.

“L’attuale pubblicazione richiederà anni al ritmo che stiamo iniettando”, ha detto Mary Louise Maclauz, epidemiologa dell’Università del New South Wales.

Una donna indossa occhiali neri contro un muro blu
Mary Louise Maclauz afferma che l’85% delle persone di età compresa tra 20 e 49 anni deve essere vaccinato prima della riapertura dei confini.(

ABC News: Brendan Esposito

)

Venerdì circa 70.000 persone sono state vaccinate contro il nuovo virus Corona in Australia, ma il professor Maclaus ha affermato che sarebbe necessario raggiungere 140.000 persone al giorno affinché i confini internazionali si aprissero in sicurezza entro 12 mesi.

Questa settimana, i leader di stato e territorio hanno raggiunto un accordo con il governo federale Il vaccino AstraZeneca è rapido per le persone sopra i 50 anni a partire dal prossimo mese.

In precedenza, i lavoratori in prima linea e le persone di età pari o superiore a 70 anni potevano ricevere un’iniezione, ma si prevede che la mossa accelererà il programma di vaccinazione australiano.

Ma il professor Maclauz ha detto che anche le persone di età compresa tra i 20 ei 49 anni – che rappresentano la metà di tutti i casi di COVID-19 in Australia – devono essere vaccinate prima che l’Australia apra i suoi confini al resto del mondo.

L’Australia prevede di somministrare alle persone di età inferiore ai 50 anni l’iniezione Pfizer, che a questo punto deve essere prodotta all’estero.

Il professor Maclauz ha detto che l’85% degli australiani di età compresa tra i 20 ei 49 anni deve essere vaccinato prima che i confini internazionali possano essere aperti in sicurezza a causa del “rischio di essere infettati dal virus COVID per lungo tempo e del rischio di trasmissione ad altri”.

“Proteggeranno gli anziani [once vaccinated]Lei disse.

Il governo federale ha ordinato 40 milioni di dosi di vaccino Pfizer, sufficienti per vaccinare 20 milioni di persone.

Foto di una donna nel suo ufficio
La professoressa Raina MacIntyre afferma che i medici generici dovrebbero essere utilizzati in modo più efficace per attivare la vaccinazione.(

ABC News: Brendan Esposito

)

Il governo afferma di aver ricevuto finora 1 milione di dosi del vaccino Pfizer e si prevede che riceverà un totale di 20 milioni di dosi nel corso del 2021.

La professoressa Raina MacIntyre, esperta in biosicurezza globale e malattie infettive dell’Università del New South Wales, stima che il 70-80% della popolazione debba essere vaccinato prima dell’apertura dei confini internazionali.

Ma lei ha detto: “Di questo passo, non ne avremo neanche lontanamente” quello, e ha chiesto che l’applicazione inizi a fare un uso migliore dei medici di base.

“La prima cosa su cui dobbiamo concentrarci è porre fine al programma di vaccinazione”, ha detto il professor MacIntyre.

All’inizio di questa settimana, il primo ministro Scott Morrison ha detto che la decisione di revocare il divieto di viaggio internazionale non sarebbe stata affrettata.

Joyce ha detto all’inizio di questa settimana che 630 dipendenti Qantas sono stati in grado di tornare al lavoro a causa dell’apertura della bolla dei viaggi tra Australia e Nuova Zelanda.

Un aereo Qantas può essere visto sull'asfalto dell'aeroporto di Sydney mentre un uomo ombroso passa attraverso una finestra all'interno dell'edificio.
Qantas vuole vedere più bolle di viaggio internazionali aperte.(

ABC News: Luke Rosen

)

Non vede l’ora di riprendere i viaggi internazionali in ottobre, che era il programma originale del governo federale per vaccinare la maggior parte degli australiani.

“Se dovessimo finire in sei mesi, dovremmo fare 100.000 iniezioni di entrambi [vaccines] Nella giornata tra oggi e ottobre, ha detto il professor Maclauz.

“Ma non lo faremo. Non accadrà.”

READ  Giove appare calmo ai raggi ultravioletti e decisamente terrificante agli infrarossi