HomescienceGli astronomi rilevano una nuova aurora nei gas che circondano Urano

Gli astronomi rilevano una nuova aurora nei gas che circondano Urano

Rifatevi gli occhi con i bordi luminosi di Urano. Siamo seri: un team di astronomi ha scoperto una nuova aurora sul settimo pianeta dal Sole, che brilla alle lunghezze d’onda degli infrarossi.

L’aurora ultravioletta fu osservata per la prima volta sul pianeta nel 1986, ma l’aurora infrarossa non era mai stata vista prima. L’aurora è stata scoperta utilizzando lo spettrometro nel vicino infrarosso del telescopio Keck II (NIRSPEC). menzionato Nell’astronomia naturale. Le osservazioni erano già state effettuate nel settembre 2006, ma una nuova analisi dello ione H3+ rilevato nei dati ha rivelato la presenza dell’aurora.

Emma Thomas, astronoma dell’Università di Leicester e responsabile dello studio, ha dichiarato: “Questo articolo è il culmine di 30 anni di studio dell’aurora su Urano, che ha finalmente rivelato l’aurora infrarossa e ha dato inizio ad una nuova era di indagini sull’aurora su Urano. il pianeta.” L’autore, in una dichiarazione universitaria. “I nostri risultati continueranno ad espandere la nostra conoscenza delle aurore giganti ghiacciate e a migliorare la nostra comprensione dei campi magnetici planetari nel nostro sistema solare, negli esopianeti e persino nel nostro stesso pianeta”.

Urano è un gigante di ghiaccio circa quattro volte più grande della Terra. Ha circa 30 lune, la più grande delle quali può avere strati oceanici e sono mature per la ricerca astrobiologica. Ma il mondo stesso ha anche un valore scientifico; Un rapporto astronomico pubblicato lo scorso anno dichiarava che lo studio di Urano dovrebbe essere la “più grande missione prioritaria” del prossimo decennio.

L’aurora appena osservata è uno dei tanti nuovi sviluppi avvistati su Urano solo quest’anno. Ad aprile, il telescopio spaziale Webb da 10 miliardi di dollari ha fotografato gli anelli polverosi del pianeta, che sono difficili da individuare nelle immagini dei telescopi spaziali più vecchi ma chiari come il giorno per l’occhio attento di Webb. Le immagini di Hubble pubblicate nel marzo 2023 hanno mostrato come l’asse di rotazione del pianeta si è spostato, inclinando il polo nord di Urano verso il sole.

READ  Il nuovo metodo dei nanosheet ha rivoluzionato l’imaging cerebrale per studi multiscala a lungo termine

L’aurora su Urano è causata dallo stesso tipo di interazione che avviene sulla Terra; Le particelle cariche interagiscono con le atmosfere dei pianeti attraverso i loro campi magnetici, emettendo un bagliore luminoso attraverso le lunghezze d’onda della luce visibile e, nel caso di Urano, radiazioni infrarosse e ultraviolette. I ricercatori ritengono che lo studio dell’aurora di Urano potrebbe migliorare la nostra comprensione dell’atmosfera del pianeta e del modo in cui i suoi poli cambiano posizione.

Thomas ha aggiunto: “Non abbiamo molti studi su questo fenomeno, e quindi non sappiamo quali effetti avrà sui sistemi che dipendono dal campo magnetico terrestre, come i satelliti, le comunicazioni e la navigazione”. “Tuttavia, questo processo avviene ogni giorno su Urano a causa del disallineamento unico tra i suoi assi di rotazione e i magneti. Lo studio continuo dell’aurora di Urano fornirà dati su cosa possiamo aspettarci quando la Terra mostrerà un’inversione polare in futuro e cosa ciò significherà per il suo campo magnetico”.

La sonda Urano raccomandata dal 2022 Decadal Survey of Astronomy Goals mapperà i campi gravitazionali e magnetici del pianeta, l’ultimo dei quali è responsabile dell’aurora recentemente osservata. Ma se una tale sonda diventasse realtà, probabilmente non verrebbe lanciata fino al 2031 o 2032, sfruttando l’assistenza gravitazionale di Giove nel suo cammino verso il lontano pianeta ghiacciato.

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News