SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Gli archeologi hanno portato alla luce ossa di elefante di 400.000 anni in Italia

Circa 400.000 anni fa, gli ominidi preistorici – forse i Neanderthal – hanno prodotto resti scheletrici senza precedenti di carcasse di elefanti in un sito del Pleistocene medio in Italia, alcuni progettati con metodi sofisticati che non sono diventati comuni da più di 100.000 anni. Nuova ricerca condotta dagli archeologi dell’Università del Colorado Boulder.

Elefanti (Paleoloxodon antigus) e piccoli oggetti direttamente sul sito di Castel de Guido in Italia.  Credito immagine: Villa et al., Doi: 10.1371/ Journal.  Telefono.

Elefanti con zanne dritte (Paleoloxoton) E piccoli oggetti sul sito di Castell de Guido, Italia. Credito immagine: Villa E altri., doi: 10.1371 / Journal.pone.0256090.

“Al momento vediamo altri siti con strumenti scheletrici, ma non esistono forme così ben definite”, ha detto la dott.ssa Paola Villa, supervisore associato al Colorado Museum of Natural History e ricercatrice presso l’Istituto Italiano de Paleontology Umana.

Manufatti ispezionati dal Dr. Villa e colleghi Castell de Guido, Sito archeologico a cielo aperto a circa 20 km a sud di Roma, sul versante meridionale del complesso vulcanico del Monte Sabadini.

Il sito è stato scavato tra il 1979 e il 1991 su un’area di 1.100 m22. Gli scavi hanno portato alla luce un gran numero di resti di animali e manufatti (tutti strumenti e nuclei piccoli e grandi, piatti e scaglie intatte).

“Centinaia di migliaia di anni fa, era il luogo di una valle scavata da un ruscello medievale, circondata da elefanti d’avorio dritti (Paleoloxoton) Hanno placato la loro sete e occasionalmente sono morti “, hanno detto gli archeologi.

“Gli ominidi di Castell de Guido hanno occupato il posto per molti anni e hanno fatto buon uso del resto”.

“Hanno realizzato gli strumenti utilizzando un approccio sistematico e standardizzato, come un individuo che lavora in una catena di montaggio vecchio stile”.

READ  Un viaggio lento in Italia: Be my trip

Nello studio, i ricercatori hanno identificato un totale di 98 strumenti in osso di elefante dal sito di Castell de Guido.

Alcuni strumenti sono stati indicati e, in teoria, possono essere utilizzati per tagliare la carne. Altri sono cunei che aiutano a dividere pesanti femori di elefante e altre ossa lunghe.

Ma uno strumento si distingue dagli altri: un’unica opera d’arte scolpita da un osso di animale selvatico era lunga e morbida a un’estremità.

Assomiglia agli archeologi che usano un lisosoma o uno strumento delicato che gli ominidi usano per curare la pelle. Gli strumenti Lisoir non erano comuni fino a circa 300.000 anni fa.

“In altri siti 400.000 anni fa, le persone stavano usando i frammenti ossei che hanno trovato”, ha detto il dott. Villa.

Gli autori sospettano che gli ominidi di Castell de Guido siano Neanderthal.

“Circa 400.000 anni fa, hai iniziato a vedere l’uso familiare del fuoco, l’inizio della dinastia di Neanderthal. Questo è stato un periodo molto importante per Castell de Guido”, ha osservato il dott. Villa.

“La gente di Castell de Guido aveva un’intelligenza cognitiva che ha permesso loro di sviluppare una complessa tecnologia ossea”.

“In altri incontri, le persone avevano abbastanza ossa per realizzare alcuni pezzi, ma non abbastanza per avviare una produzione standardizzata e sistematica di strumenti ossei”.

Il risultati Pubblicato sulla rivista BLOSE One.

_____

B. Villa E altri. 2021. Ossa di elefante per il liutaio del Pleistocene centrale. BLOSE One 16 (8): e0256090; doi: 10.1371 / Journal.pone.0256090