Ristoranti italiani spiegati: osteria, trattoria e altro ancora

Stai programmando un viaggio in Italia? Potresti chiederti: qual è la differenza tra un'osteria e una trattoria? Che ne dici di un'Enoteca? E ristorante significa solo ristorante? Viaggiando attraverso il paese, troverai molti tipi diversi di ristoranti e le differenze tra loro non sono sempre chiare.


Ora che vivo a Roma da quasi cinque anni – e ho viaggiato per il paese cercando di mangiare in quanti più tipi diversi di ristoranti possibile – ho imparato un paio di cose sulle differenze tra loro. I confini tra le diverse tipologie di ristoranti italiani sono diventati sfumati. In passato esisteva una gerarchia chiara, l'osteria era un tipo di locale più spartano e il ristorante era più elegante e costoso. Tuttavia, al giorno d'oggi, potresti scoprire che mangiare in un'osteria costa più di un ristorante. Continua a leggere per una pratica guida ai diversi tipi di ristoranti che puoi trovare in Italia.





Osteria

Storicamente l'osteria era un locale spartano e senza fronzoli, dove si andava a bere. Le osterie originarie risalgono all'Impero Romano. “Se vai a Ostia Antica o Pompei, troverai osterie dell'epoca”, afferma Elisa Valeria Bove, archeologa e amministratore delegato di un tour operator di fascia alta. L'esperienza rom, spiega che le stanze in affitto sopra la sala da pranzo sono bed and breakfast dove le persone possono ascoltare musica. In passato, gli austriaci non avevano bisogno di avere una cucina, quindi le persone potevano persino portare il proprio cibo.

READ  Eventi chiave nella storia della travagliata acciaieria italiana di Taranto - 2024-01-11


Nel corso del tempo, la definizione di Austria si è evoluta. L'Osteria Francescana, tre stelle Michelin, ad esempio, ha adottato il termine come un cenno alle semplici osterie del passato.


Chelsea Loren/Viaggi + Tempo libero


Trattoria

Se l'osteria è un tipo di locale più informale e il ristorante è più elegante, la trattoria è una via di mezzo. Secondo l'Enciclopedia Italiana Drekani, una trattoria è solitamente più modesta di un ristorante ed è quasi sempre autonoma (cioè non annessa ad un albergo, stazione ferroviaria, nave, ecc.). Quando viaggio per l'Italia, di solito cerco le trattorie perché mi aspetto di trovare versioni classiche dei piatti della tradizione locale a prezzi modici serviti in un ambiente informale, spesso a conduzione familiare.


“Se gestisci una trattoria e servi piatti rivisitati, le persone si aspettano di trovare versioni fedeli dei piatti tradizionali che mangiavano a casa di tua nonna”, dice Bowe. Naturalmente, ci sono sicuramente alcune eccezioni a questa regola.



Ristorante

Quando gli italiani parlano di andare al ristorante, si aspettano un posto con tovaglie bianche, prezzi alti e un servizio superiore, compresa la presenza di un sommelier che li aiuti a scegliere una bottiglia di vino da abbinare al pasto. . In passato, in alcuni locali c'era ancora un elemento di spettacolo, come lo storico Ristorante Diana a Bologna, dove camerieri in giacca bianca servivano tortellini da zuppiere d'argento su proto tavoli. Al Ristorante All'Oro di Roma, stellato Michelin, il concetto e la presentazione sono più moderni, ma c'è ancora un elemento drammatico oltre alle versioni creative dei piatti tradizionali.



Sbarra

Un'enoteca è un wine bar, ma spazia anche da semplici locali piccoli con un'ampia selezione di vini a locali eleganti con menù ben studiati. Prima di andare a cena in un'osteria o in una trattoria, gli italiani potrebbero fermarsi a bere qualcosa in un'enoteca. Personalmente, a volte mi piace andare in enoteca per uno spuntino leggero con del vino invece di una cena formale. Ad esempio, durante un recente viaggio a Bologna, io e mio marito abbiamo pranzato tranquillamente al Ristorante Grazilli e quella sera, invece di andare in un altro ristorante informale e mangiare altra pasta, abbiamo diviso una bottiglia di vino e siamo andati all'Enoteca Storica Fascioli. . e ho condiviso alcuni salumi e focacce con pere e gorgonzola.



Sbarra

Potresti rimanere sorpreso nel sentire gli italiani invitarti a incontrarli in un bar per colazione, ma la parola “bar” in Italia non ha lo stesso significato che ha negli Stati Uniti. In Italia, i bar sono solitamente aperti la mattina presto . La sera chiude poco prima di cena e servono caffè e bevande alcoliche. Nello stesso bar, infatti, ci si può recare per un cappuccino e cornetto al mattino, un panino veloce a pranzo e un Aperol spritz la sera.



Acqua di noci

Come ci si potrebbe aspettare, il bar o la caffetteria si concentra sul caffè. Oggi questi locali sono sostituiti dai bar, ma è ancora possibile trovare alcuni caffè tradizionali come la Tazza d'Oro e il Caffè Sant'Eustachio a Roma, il Caffè Florian a Venezia e il Gran Caffè Gambrinus a Napoli. Queste aziende spesso tostano e vendono le proprie miscele di chicchi ed espresso. “Questi caffè storici, soprattutto a Napoli, si sono evoluti per servire l'aperitivo, ma sono nati come caffè quindi portano il nome cafeteria”, spiega Bowe.


Poike/Getty Images


Scrivania calda

Se mai ti capita di avere fame mentre cammini per l'Italia tra un pasto e l'altro (quando i ristoranti con posti a sedere sono chiusi), potresti voler cercare Tavola Calda. La parola significa “tavola calda”, ma è più simile a un locale in stile caffetteria dove puoi scegliere tra piatti già pronti al bancone. A differenza dei banconi dei bar che solitamente presentano panini e pasticcini, Tavola Calda offre una varietà di piatti caldi tra cui pasta, riso, carne, pesce e verdure. Questi sono posti dove puoi mangiare un boccone economico e veloce.



Radica

Frigidoria è un posto specializzato in fritture Supplì (Arancini di riso fritto alla romana) e Aranjini (Arancini di riso fritti alla siciliana). “Gli italiani possono essere d'accordo sul fatto che l'origine della frigitoria sia a Napoli, ma si trovano in tutta Italia”, scrive l'autrice romana Maria Pasquale nel suo libro, “La Città Eterna: Ricette e Storie da Roma” Cita esempi come l’offerta, Filetti di merluzzo (merluzzo fritto), Fiori di zucca (fiori di zucca fritti ripieni di mozzarella e acciughe), crocchette, Mozzarella (Palline di mozzarella fritte), e Olive ascolane (olive arrostite ripiene di carne).



Forno

In italiano esistono due parole diverse, entrambe riferite alla panificazione. Un forno (che significa forno) di solito si concentra sul pane, anche se possono anche preparare biscotti o crostate. “Si dice che il concetto di acquistare il pane da un panificio (piuttosto che cuocerlo a casa) abbia avuto origine a Roma intorno al 280 a.C. e durante il regno dell'imperatore Augusto (dal 27 al 14 a.C.) c'erano 250 panifici a Roma. e perfino una corporazione di fornai”, scrive Pasquale. All'Antico Forno Rossioli di Roma la gente fa la fila per il pane e la pizza, anche se a Natale vendono anche alcuni dolci, tra cui il panettone.



Pasticceria

La pasticceria è un tipo di panetteria che si concentra sui dolci. È qui che gli italiani vanno per torte, biscotti e pasticcini. Ad esempio, se vuoi provare qualcosa di reale Maritozzo (pane dolce diviso a metà e ripieno di panna montata) A Roma dovreste andare alla Pasticceria Regoli, che vende anche crostate di frutta, bignè e altri dolci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto