HomeTop NewsForza Italia! Gli italiani hanno forza e profondità sulla Transat Jacques...

Forza Italia! Gli italiani hanno forza e profondità sulla Transat Jacques Vabre Normandie Le Havre

Forza Italia! Gli italiani hanno forza e profondità sulla Transat Jacques Vabre Normandie Le Havre

di TJV Media 28 ottobre 03:25 EST
29 ottobre 2023

Forza Italia!  Gli italiani hanno forza e profondità sulla Transat Jacques Vabre Normandie Le Havre

Capitani italiani, fotografati durante la Transat Jacques Vabray a Le Havre, Francia © Vincent Cruchet / Alia


L’Italia è una delle nazioni più forti alla Transat Jacques Vabre Normandy Le Havre, grazie alla ‘Scuderia’ di quattro yacht top Class 40 capaci di salire sul podio in una flotta record di 44, che inizieranno le loro 4600 miglia nautiche. Domenica la corsa da Le Havre alla Martinica.


La squadra italiana ha tenuto oggi una conferenza stampa per i media.

I quattro capitani dei Class40 sono seguiti con entusiasmo da Giancarlo Pedote, che corre nella classe IMOCA. Bédot, 47 anni, che ha concluso ottavo nell’ultima Vendée Globe, è entrato nell’equipaggio Brysmian appena aggiornato nella sua quinta Transat Jacques Vabre Normandie Le Havre, navigando con il 26enne Gaston Morvan, una delle stelle nascenti delle regate oceaniche francesi.

Dopo essere arrivata seconda nella Mini Transat dieci anni fa, Pédot, laureata in filosofia, ha corso con successo nella classe Ocean Fifty e ha vinto la gara nel 2015, gareggiando nella Classe 40 come trampolino di lancio verso l’IMOCA, sempre con il supporto del suo sponsor di lunga data Prysmian. . Group, leader mondiale nei cavi elettrici.

Il francese Pedot è costretto ad avere un forte e giovane co-capitano francese: “Nella mia ultima gara, due anni fa, con Martin Le Pape, le cose hanno funzionato bene tra noi. Quando siamo arrivati ​​sesti, tutte le caselle erano soddisfatte, compreso il risultato ” A Fort-de-France, venti Anche se le giornate in mare sono state lunghe e abbiamo sofferto il caldo, è stato meraviglioso. Ora è un capitolo completamente nuovo e vogliamo che sia bello. Dobbiamo lavorare insieme per raggiungere il nostro obiettivo comune, che è fare del nostro meglio con i mezzi che abbiamo a disposizione.”

READ  Coppa del mondo di rugby in diretta: preparazione di Irlanda vs Romania e ultimi aggiornamenti di Italia vs Namibia

“Penso che sarà una partenza molto forte da Le Havre, di solito è così. Penso che sia tutto sotto controllo nella direzione di gara e siamo fiduciosi su ciò che ci aspetta nella settimana dopo la partenza.” Bedot ha detto dopo la conferenza stampa: “Va bene con Gaston, non abbiamo ancora viaggiato insieme, ma questa Transat sarà insieme. Proviamo le stesse sensazioni e penso che potremo avere buone discussioni. Risultati perfetti. Sono fiducioso questa gara.”

Ma la cosa più emozionante della conferenza stampa è stata quella di evidenziare come, per la prima volta in Italia, si disputano quattro gare di Classe40 di ultima generazione, altamente competitive.

“Ciò che mi colpisce è la qualità incredibilmente alta di tutte le barche e i progetti italiani, e i capitani, gli sponsor, i team sono ad un livello senza precedenti. Devono tutti finire sul podio o almeno essere outsider. Possono fare bene.” ha detto il più esperto italiano Pietro Luciani, che regata sullo yacht francese Dekuple ed è vicepresidente di classe.

La flotta conta ora tre Musa 40 tutti italiani e molto potenti. Alla Grande-Brelli potrebbe avere migliori speranze con Ambrogio Beccaria, secondo classificato di Road to Rum. Il suo buon amico, lo specialista in elettronica Alberto Riva – che lo ha preparato sulla strada del rum – ora ha l’Akrobática varato di recente, che è andato in acqua solo nell’agosto di quest’anno, mentre Influence 2 di Andrea Fornaro è una versione invernale.

L’ex pilota di Figaro Alberto Bona è considerato un forte contendente al podio con la sua IBSA, Sam Manouard ha progettato Mach40.5, che ha vinto le gare Caribbean 600 e Les Sables Horta Les Sables in questa stagione.

READ  L'arte brillerà a Napoli quest'estate. Ecco una guida per addetti ai lavori alle attrazioni e alle deviazioni della città leggendaria

Il punto di forza del suo Alla Grande-Brelli di Beccaria è che non ha punti deboli, è un grande tuttofare.

Ha detto del suo preferito in conferenza stampa: “In realtà dico sempre che è meglio essere un favorito che piacere. Lo prendo per buono. Penso che ci sia una buona ragione per essere dichiarato favorito e mi sento molto a mio agio”. con quello.”

Entusiasta: “Credo che ci siano tre squadre forti, quindi ci sono tutte le possibilità di avere almeno una squadra italiana sul podio, forse due e tre sono impossibili da pensare. Alberto Riva adesso ha una grande barca, io sono così” . Piacere di vederlo qui, è un ragazzo eccezionale.” Corridore e anche un buon marinaio, e con non poche miglia da percorrere, può correre una grande regata.

Anche Alla Grande-Pirelli è ottimizzato per questa regata: “Abbiamo lavorato molto sulle vele in generale, con la J2 abbiamo fatto qualcosa di nuovo, abbiamo migliorato lo spazio per la coperta, che è molto bella e nuova. La J1 ha il loadsharing. , più dure e più grandi. Insomma le vele sono più grandi.”

Con venti superiori a 30 nodi attesi lunedì e martedì, spiega Beccaria, “credo che la strategia sia passare dall’essere velisti da regata a essere dei bravi velisti. La nostra barca e noi, se dopo tre giorni la barca è al 100%, avremo fare del nostro meglio.” .”

Marcello Jilani
Marcello Jilani
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News