HomeTop NewsFamiliare, ma la Svizzera non ha paura dell'Italia

Familiare, ma la Svizzera non ha paura dell’Italia

Svizzera © Getty Images

Nemici familiari Italia e Svizzera si incontrano a Berlino sabato 16 a Euro 2024 e, sebbene la familiarità non generi disprezzo, gli svizzeri non hanno paura di affrontare il paese che molti dei loro giocatori chiamano casa.

Gli italiani e gli svizzeri hanno da tempo stretti legami, condividono un confine e l’italiano è una delle lingue ufficiali della Svizzera, ma tutto questo è dimenticato a Berlino.

Italia e Svizzera si sono incontrate 61 volte, essendo l’avversario più comune di ciascun paese, mentre gli svizzeri hanno battuto gli italiani solo otto volte, l’ultima volta nel 1993, mentre sono rimasti più impressionati in Germania.

La Svizzera ha sfiorato il primo posto nel Gruppo A prima di subire un pareggio ai supplementari nella finale contro la Germania, padrona di casa, e ha dimostrato di non temere nessuno in questo torneo.

L’Italia aveva bisogno di un gol nel finale per assicurarsi un pareggio per 1-1 contro la Croazia, e i campioni in carica non sono riusciti a impressionare quando hanno superato facilmente gli svizzeri nella fase a gironi, a differenza di Euro 2020.

L’Italia ha battuto la Svizzera 3-0 nella prima partita tre anni fa, battendo la Svizzera con lo stesso risultato.

Il Bologna ha preso d’assalto la Serie A la scorsa stagione, finendo quinto e conquistando la Champions League.

Purtroppo per l’Italia, Luciano Spalletti dovrà fare a meno di Riccardo Calafiori con il difensore del Bologna squalificato. Calafiori ha fatto il percorso opposto a quello di molti giocatori svizzeri quando è arrivato al Basilea prima di tornare in Italia.

Il centrocampista Michael Abischer ha segnato nella prima vittoria per 3-1 della Svizzera contro l’Ungheria, mentre l’attaccante Dan Ntoye ha completato la meta svizzera del Bologna contro la Germania con Remo Frouler.

READ  Le 10 palestra multifunzione del 2024: Scopri le Migliori Opzioni

“Mi dispiace per Ricciardo, avrei voluto affrontarlo all’Olympiastadion”, ha detto Frouler.

“Sabato la sfida sarà la Svizzera contro l’Italia. Non il Bologna contro l’Italia”.

Freuler era in prestito al Bologna dal Nottingham Forest la scorsa stagione, ma prima aveva trascorso sei anni all’Atalanta e non sarà una partita qualunque per il 32enne.

“Certo, questa non è un’altra competizione per me. Ho costruito la mia vita in Italia e ho trovato il paese migliore dove trascorrere la mia vita con la mia famiglia”, ha detto.

“Sabato non ci sarà tutto questo amore, siamo agli ottavi, non c’è spazio per il sentimento”.

Frouler sa che sarà la prossima parte del torneo quella in cui gli svizzeri verranno davvero giudicati.

“È importante fare bene nella prima parte del torneo. Tornei che fanno la differenza, sono capaci di cambiare la dimensione della Nazionale, e così via”, ha detto Frouler.

“Ma io non ho paura, la Svizzera non ha paura dell’Italia.”

Marcello Jilani
Marcello Jilani
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News