SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Facebook esorta gli utenti a leggere un articolo di notizie prima di condividerlo online

(Credito: Facebook)

Per evitare la diffusione di informazioni errate, Facebook sta testando una funzione che ti dice prima di leggere un articolo prima che venga ricondiviso online.

“A partire da oggi, stiamo testando un modo per promuovere una partecipazione più informata agli articoli di notizie”, ha affermato la società Egli ha detto. “Se condividi un collegamento a un articolo di notizie che non hai aperto, ti mostreremo un messaggio che ti esorta ad aprirlo e leggerlo prima di condividerlo con altri.”

Il social network ha pubblicato uno screenshot del lavoro, che mostra il popup “Leggi prima di condividere” che appare sull’app Facebook dell’utente. “Condividere articoli senza leggerli può significare perdere i fatti di base”, continua il mentore.

Se la funzionalità suona familiare, è perché Twitter ha testato lo stesso sistema lo scorso giugno. Per promuovere un sano dibattito sulla piattaforma, Twitter ha iniziato a chiedere agli utenti di leggere un articolo su cui non avevano ancora cliccato prima di ritwittare la storia al pubblico.

Il pop-up “Leggi prima di ritwittare” ha avuto un tale successo che a settembre Twitter ha deciso di estendere la funzione a tutti gli utenti. Durante i test, l’azienda ha scoperto che le persone hanno aperto gli articoli in media del 40% in più dopo aver visto il prompt. Il lavoro ha anche portato a un aumento del 33% del numero di persone che hanno cliccato sul link dell’articolo prima di ritwittare.

Tuttavia, il sistema di lettura prima della condivisione sia da Facebook che da Twitter equivale sostanzialmente a un popup, non a una restrizione. Puoi ignorare il prompt e ripubblicare un articolo di notizie, indipendentemente dal fatto che tu lo abbia letto o meno.

READ  Sony ammette che i problemi di rifornimento di PS5 continueranno probabilmente nel 2022

Facebook non ha detto quanto sarebbe ampio il test del router. Ma negli ultimi mesi, l’azienda ha lavorato per ridurre la quantità di contenuti politici sulla piattaforma, citando input dal pubblico.

“Uno dei commenti più importanti che stiamo ascoltando dalla nostra comunità in questo momento è che le persone non vogliono la politica e stanno lottando per controllare la loro esperienza con i nostri servizi”, ha affermato Mark Zuckerberg, amministratore delegato di Facebook. “Quindi, uno dei temi di quest’anno è che continueremo a concentrarci sull’aiutare milioni di altre persone a partecipare a comunità sane”.