Entro il 2120, la maggior parte delle comunicazioni sulla Terra non sarà più biologica: ScienceAlert

La vita sulla Terra è una gloriosa danza di dati. Dai canti degli uccelli da cortile agli scambi chimici degli alberi della foresta, la condivisione di informazioni tra gli organismi è una parte essenziale della loro esistenza ed evoluzione.

Anche gli esseri umani fanno parte di quella danza, con conversazioni di amicizia davanti al caffè mattutino, titoli audaci sui giornali e video TikTok per adolescenti.

Al momento, i dati umani sono solo una parte dello scambio di dati in tempo reale sulla Terra, ma potrebbero presto diventare la parte dominante. E se lo stesso valesse per tutte le civiltà avanzate, ciò potrebbe influenzare la nostra ricerca di vita aliena.

Anche se sarebbe quasi impossibile ottenere una misura esatta della velocità dei dati scambiati tra organismi terrestri, è possibile stimare la velocità come ordine di grandezza.

Un modo per farlo è osservare il numero di cellule viventi e condividere i dati su di esse perché costituiscono la maggior parte della vita sulla Terra. Sulla base di molti studi, il numero totale di procarioti, come i batteri, è di circa 1029 cellule. Queste cellule si scambiano un’informazione in circa 3 ore, quindi la biosfera terrestre scambia su larga scala circa 1024 bit di informazione ogni secondo.

Al contrario, l’ambiente tecnologico, o la somma totale delle informazioni digitali che gli esseri umani si scambiano, è un po’ più facile da stimare. Basandosi sullo scambio di dati su Internet, il nostro bit rate è di circa 1015 bit/secondo, ovvero un miliardesimo della velocità della biosfera.

Ma mentre la biosfera è rimasta relativamente stabile nel tempo (a parte qualche estinzione di massa occasionale), i nostri dati digitali stanno crescendo a un ritmo esponenziale. Se il nostro oceano tecnologico continuerà ad espandersi a ritmi storici, supererà la biosfera in meno di un secolo.

READ  Parte del sole viene rifratta, il che sconcerta gli scienziati

Allora cosa c’entra questo con le civiltà aliene?

I dati vengono scambiati a livello fisico. Che si tratti di reazioni chimiche, fibre ottiche o circuiti elettrici, tutti i dati necessitano di energia per essere creati e mantenuti. Attualmente, quell’energia è incentrata sui dati della biosfera, ma potrebbe essere dominata dai dati della tecnosfera in un batter d’occhio cosmico.

Se questa tendenza è tipica delle civiltà avanzate, è più probabile che lo spettro energetico di un pianeta con vita intelligente sia tecnologico, piuttosto che biologico. Potremmo quindi essere in grado di distinguere i mondi di una civiltà aliena cercando una chiara firma del calore artificiale.

Ma anche se non ci preoccupiamo degli alieni, il crescente oceano tecnologico avrà conseguenze disastrose per la vita sulla Terra.

Gli esseri umani hanno già un enorme impatto sulla biodiversità della Terra e sulle temperature globali. Se continuiamo con il nostro trend di crescita esponenziale, possiamo ridurre drasticamente le risorse di dati della vita non umana. Forse è qualcosa di cui dovremmo parlare.

Questo articolo è stato originariamente pubblicato da l’universo oggi. Leggi il L’articolo originale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto