Dopo il Covid, i rapporti Italia-India si rafforzano: Vincenzo Di Luca

In esclusiva con The Sunday Guardian, l’Ambasciatore De Luca riflette sul suo mandato in India, rivelando importanti priorità, iniziative ed esperienze di grande impatto che hanno plasmato le relazioni Italia-India sotto la sua guida.

Mentre l’Ambasciatore Vincenzo Di Luca si avvicina alla fine del suo mandato come Ambasciatore d’Italia in India, riflette su un periodo di trasformazione segnato da sfide senza precedenti e risultati significativi nelle relazioni bilaterali tra India e Italia. Dall’affrontare le sfide della pandemia di Covid-19 alla promozione di partenariati strategici e alla promozione di collaborazioni culturali, educative e tecnologiche, il mandato dell’Ambasciatore Di Luca ha visto la Presidenza italiana del G20 (a partire dal 1° dicembre 2020) e la Presidenza indiana del G20. (dal 1 dicembre 2022), caratterizzato da dedizione, innovazione e un profondo impegno nel rafforzamento delle relazioni tra Italia e India.
In un’intervista esclusiva con The Sunday Guardian, l’Ambasciatore De Luca condivide alcuni approfondimenti sul suo mandato in India, evidenziando priorità chiave, iniziative ed esperienze memorabili che hanno plasmato le relazioni Italia-India durante il suo mandato.
le zone

K. Puoi condividere alcuni spunti sul tuo mandato come Ambasciatore d’Italia in India? Quali sono alcune delle priorità e delle iniziative chiave durante il suo mandato?
R. Il periodo in cui ho lavorato in India (2020-2024) è stato uno dei periodi più insoliti all’estero: da un lato abbiamo attraversato momenti molto difficili come la pandemia di Covid-19, che ci ha insegnato a collaborare. Un’emergenza senza precedenti. D’altro canto, dopo la pandemia, il ritmo delle nostre relazioni politiche ed economiche è aumentato: nel 2020 abbiamo adottato un piano d’azione quinquennale e nel 2023 siamo diventati partner strategici. Ciò ha portato a un ulteriore rafforzamento della nostra cooperazione in altri campi. , Difesa, Migrazione e Mobilità e Scienza ecc., con la finalizzazione dell’Accordo di Cooperazione nel campo della Difesa, dell’Accordo sulla Migrazione e della Mobilità e della Dichiarazione Congiunta tra ASI e ISRO.

K. Lo scambio culturale è spesso visto come un ponte tra le nazioni. Puoi evidenziare alcune delle iniziative culturali che avete intrapreso per rafforzare i legami tra India e Italia?
R. Già nella “fase epidemica” del mio mandato, abbiamo deciso di pubblicare una serie di volumi dedicati a “Italian Scholars in India”, che mira a ricordare e onorare gli studi più importanti prodotti da ricercatori italiani in vari paesi nel corso degli anni . Campi: indologia classica, ambiente economico e sociale dell’India, arte e letteratura. Conosciuta solo da pochi, l’Italia vanta una delle più lunghe tradizioni di esplorazione dell’India fin dall’inizio del XVII secolo. Cattedre di studi indiani furono istituite all’Università di Torino nel 1852, all’Università di Firenze nel 1859 e all’Università La Sapienza di Roma nel 1866, prima dell’Unità d’Italia. Un nuovo impulso per gli studi indiani fu registrato nel 1968, spinto dal movimento studentesco e dal suo rinnovato interesse per le lotte di liberazione delle persone sotto il dominio coloniale.

READ  30 migliori Cartucce Epson Compatibili da acquistare secondo gli esperti

Dopo che la pandemia si è ritirata, abbiamo collaborato con il Consolato in India per promuovere proiezioni di film italiani, mostre d’arte italiane come la straordinaria contemporanea “Collisione Fornesina” e la mostra di design “Codice binario”. Abbiamo invitato musicisti italiani come Katia Ricciarelli, Paolo Fresu ed Edoardo Bennato in India e nella moda con uno spettacolo in residenza di Rahul Mishra. Con la partecipazione di chef rinomati come Cristina Bowerman e Adriano Balthazar, la cucina italiana, che fa parte della nostra cultura, è diventata un punto culminante in India grazie agli eventi della Settimana Mondiale della Cucina Italiana in tutto il paese.
Ciò che caratterizza il nostro programma è lo sforzo di facilitare il dialogo e di riunire le forme d’arte italiane e indiane per promuovere la creatività oltre confine, ad esempio attraverso jam session e masterclass.

K. L’istruzione e la tecnologia sono aspetti importanti della diplomazia moderna. Come avete lavorato per migliorare la cooperazione in questi ambiti tra Italia e India?
R. All’Ambasciata d’Italia a Nuova Delhi abbiamo puntato molto sulla mobilità degli studenti internazionali, e il recente Accordo Bilaterale sulla Mobilità e sulla Migrazione mira ad attrarre più studenti indiani e a favorire lo scambio tra gruppi di ricerca italiani e indiani.
La cooperazione tra Italia e India nel campo della Scienza e della Tecnologia (S&T) ha una solida base basata su oltre 250 accordi bilaterali firmati tra università e istituti di ricerca e su un protocollo amministrativo bilaterale. Più in generale, il protocollo prevede tre attività principali: programmi di mobilità dei ricercatori, programmi di maggiore importanza e centri di eccellenza. I Centri di Eccellenza sono il risultato di collaborazioni tra diversi istituti di ricerca o istituzioni innovative di entrambi i paesi partner, che di solito coinvolgono 3-4 istituzioni.
All’interno di questa collaborazione vengono affrontati vari temi scientifici: cambiamento ambientale, ricerca sanitaria, patrimonio culturale e naturale, fisica dei materiali, intelligenza artificiale e robotica, biotecnologia e aerospaziale.
Inoltre, con più di 400 programmi di studio tenuti interamente in inglese, gli istituti di istruzione superiore italiani si collocano come la decima scelta nel flusso globale di studenti dell’istruzione superiore. Essendo un paese del G20 e del G7 e il secondo paese manifatturiero in Europa, l’Italia rappresenta un’eccellente opzione di investimento per la futura carriera degli studenti indiani. E in India operano più di 600 aziende leader italiane, alla ricerca di giovani professionisti formati secondo il metodo italiano. Già decine di migliaia di studenti indiani si sono laureati nelle università italiane, ma dal 2022 subentrerà Uni-Italia, l’associazione italiana. Promuovendo l’istruzione superiore italiana e spostando gli studenti stranieri verso l’Italia, si prevede un’ulteriore espansione con l’apertura di un altro ufficio a Delhi oltre a Mumbai.

READ  Il miglior angolo d'Italia di cui non hai sentito parlare: le Marche

K. La presidenza indiana del G20 rappresenta un momento significativo nella diplomazia globale. Quali furono le principali caratteristiche della collaborazione dell’Italia con l’India in questo periodo?
R. La costituzione di un partenariato strategico nel marzo 2023 ha segnato una rinnovata cooperazione bilaterale tra Italia e India, ma anche una crescente intesa in ambito multilaterale, maturata attraverso il succedersi di leader di forme chiave: dalla Presidenza italiana del G20 (in 2021 che inizierà ufficialmente il 1 dicembre 2020) e alla Presidenza indiana del G20 nel 2023 (che inizierà ufficialmente il 1 dicembre 2022), alla Presidenza italiana del G7 nel 2024.
Oltre a ciò, la Presidenza indiana del G20 del 2023 si basa su alcune delle innovazioni introdotte dall’Italia nel 2021, come la connettività sanitaria e finanziaria, il percorso culturale e il modello dedicato all’uguaglianza di genere, tutti introdotti da Delhi. ordine del giorno. Allo stesso modo, i temi già affrontati dal nostro Presidente sono stati ripresi dall’India e posti al centro della sua presidenza, ovvero crescita e riduzione del debito, sviluppo delle banche multilaterali e inclusione finanziaria.

K. Puoi condividere qualche esperienza o risultato memorabile durante il tuo periodo come ambasciatore di cui sei particolarmente orgoglioso?
R. Considerando da dove veniamo – una relazione rovinata da un caso giudiziario decennale che ha coinvolto due ufficiali della marina italiana, chiuso solo nel 2021 – mi sento privilegiato di aver visto un così grande miglioramento nelle nostre relazioni bilaterali. Contribuire al piano d’azione 2020 e creare un partenariato strategico nel 2023 è stata un’esperienza straordinaria, che credo getterà le basi per l’ulteriore sviluppo della nostra cooperazione.

READ  Hakimi dice che l'Inter potrebbe dominare l'Inter e l'Europa sotto Conte

K. Come vede il futuro delle relazioni Italia-India, in particolare nei settori della cultura, dell’istruzione e della tecnologia? Come Ambasciatore, che consigli daresti al tuo successore?
R. Essendo due antiche civiltà, l’Italia e l’India rispettano e custodiscono la propria eredità, ma anche il potenziale per emergere da essa per il futuro. In termini di cultura, stiamo attualmente continuando ad aumentare la nostra cooperazione nella conservazione e nello sviluppo del patrimonio culturale e nello scambio di ricercatori e studenti. In prospettiva puntiamo a stimolare gli investimenti in entrambe le direzioni, nella ricerca e sviluppo e nei settori innovativi in ​​generale. Non c’è da stupirsi che abbiamo aperto un nuovo consolato a Bangalore, dove si concentra la maggior parte dell’innovazione del Paese. E le imprese italiane possono essere parte di questo processo, ampliando le filiere e creando opportunità di innovazione e trasferimento tecnologico. I settori più rilevanti del futuro sono, per la maggior parte, il manifatturiero avanzato, l’edilizia (e il settore del mobile), le infrastrutture e la transizione energetica.

Cosa voglio per il mio erede? Scopri la straordinaria ricchezza di questo paese e la sua incredibile diversità di lingue, religioni, cibo, arte, musica e architettura. Un consiglio che gli avevo già dato era di viaggiare per il paese, perché in India c’è molto di più di quello che possiamo vedere tra le accoglienti mura di Chanakyapuri. Ma ovunque, come ho visto molte volte negli ultimi quattro anni, verrete accolti con “aditi devo pava” – “l’ospite è Dio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto