Covid Victoria: regole per le mascherine, facilità di riduzione della folla; Una settimana senza un nuovo caso locale

Nel Victoria sono state annunciate nuove regole su maschere e limiti di folla mentre lo stato raggiunge il suo settimo giorno consecutivo senza un caso Covid acquisito localmente.

Questo articolo sul Coronavirus è libero di leggere a beneficio della salute e della sicurezza della comunità. Fai clic qui per l’accesso digitale completo alle notizie affidabili di Herald Sun e Leader per solo $ 1 a settimana per le prime 12 settimane.

Victoria ha compiuto un’impresa sorprendente per Covid dallo scoppio della malattia che ha costretto la capitale, Melbourne, a chiudere.

Lo stato è ormai passato una settimana senza un nuovo caso registrato dalla trasmissione locale dopo una massiccia affluenza ai test di quasi 27.500 persone.

Attualmente sono 24 i casi attivi.

Il ministro della Sanità Martin Foley ha annunciato che dalle 23:59 di giovedì 8 luglio le restrizioni nella capitale Melbourne saranno allineate con quelle regionali del Victoria.

• Le mascherine saranno comunque richieste all’interno e in pubblico a meno che non si applichi un’eccezione تطبيقتطبيق

• Non ci sarà bisogno di mascherine nelle scuole per studenti e personale

• Le maschere non saranno necessarie nei luoghi di lavoro, specialmente in situazioni in cui i dipendenti non interagiscono con il pubblico

• Le maschere saranno ancora richieste nei ruoli in cui la persona interagisce con il pubblico in generale, ad esempio se serve i clienti in un ambiente di vendita al dettaglio

• Le sale da ballo saranno consentite con un addetto al check-in COVID, ma non più di 50 persone possono essere sulla pista da ballo in qualsiasi momento

• Gli spazi di lavoro, inclusi intrattenimento, vendita al dettaglio, ospitalità, palestre, attività ricreative fisiche, strutture comunitarie, spazi creativi, gallerie e luoghi di culto possono ospitare una persona per 2 metri quadrati a condizione che le guardie del check-in Covid-19 siano nel sito

• Fino a 15 persone possono frequentare la casa al giorno

• Gli stadi all’aperto possono aumentare del 75% della loro capacità – fino a 40.000 persone

• Gli stadi al coperto possono essere aperti al 75% della loro capacità, fino a 7.500 persone

• Anche i teatri potranno aprire al 75% della loro capacità, con un massimo di 2.000 persone

Le nuove impostazioni saranno in vigore per 14 giorni, secondo i consigli della sanità pubblica.

Foley ha affermato che i vittoriani non dovevano guardare oltre un focolaio transfrontaliero del coronavirus in grandi raduni al chiuso. Ecco perché le autorità hanno deciso di mantenere in vigore il massimo delle riunioni private.

READ  130 migranti diretti in Europa temono di morire al largo delle coste libiche

“Sembra un po’ illogico… (ma) quello che abbiamo imparato nel corso di questa pandemia è che le nostre case… sono i luoghi in cui assumiamo di essere i più sicuri, e sono anche i luoghi in cui permettiamo le nostre guardie”, ha detto.

“I cambiamenti di oggi mostrano fino a che punto siamo arrivati: grazie al duro lavoro di tutti i vittoriani, possiamo ancora una volta avere le stesse impostazioni per l’intero stato”, ha affermato Foley.

“Stiamo vedendo in tutto il paese quanto velocemente si sta muovendo il ceppo Delta, motivo per cui dobbiamo rimanere vigili e seguire le indicazioni per proteggere i guadagni che abbiamo fatto”.

La professoressa associata Deb Friedman, parte del team del direttore sanitario, ha evidenziato il rischio in corso di delta variabile, affermando che “tutto ciò che serve è un caso” per innescare l’epidemia nel Victoria.

“Nelle ultime due settimane abbiamo avuto due incursioni che hanno portato a centinaia di contatti primari nelle vicinanze e poi dozzine di siti di esposizione … un caso infettivo che non è stato rilevato nella comunità per alcuni giorni, cosa che non sappiamo” Non voglio davvero pensarci in questo momento.”

Friedman ha detto che non sarebbe necessario indossare maschere ai matrimoni.

“In un luogo in cui tutte le persone si registrano all’evento e possiamo facilmente rintracciare i contatti, e dove le persone consumano cibo e bevande, ci aspettiamo che prevalga il buon senso e che le maschere indossabili non prevarranno in questo tipo di ambiente… Se hai tutto quelle impostazioni che sono Covid-safe, non avrai bisogno di indossare maschere ai matrimoni.”

Il portavoce dell’opposizione David Davis ha invitato il governo statale a emettere consigli sanitari che consentano di allentare le restrizioni, affermando che ci sono ancora molte “incongruenze” tra alcune delle regole.

“Possiamo guardare queste cose da una prospettiva di buon senso, ma diremmo comunque che non ha molto senso”, ha detto Davies.

“Puoi avere un certo numero sulla pista da ballo ma un numero inferiore a casa tua… non ha senso.”

Nel frattempo, Foley ha aggiunto che Victoria vedrebbe un vero declino dei vaccini contro il Covid-19 nelle prossime sei-otto settimane.

“Durante i mesi di maggio e giugno abbiamo accelerato in modo significativo e ringraziamo in particolare il Commonwealth per aver assegnato il vaccino Pfizer … Il fatto inevitabile è che durante il prossimo periodo prima della primavera, Victoria avrà un taglio dei vaccini nel nostro stato .”

La ripresa delle missioni di Stato è ancora lenta

Il recupero del lavoro di Victoria è ancora indietro rispetto al resto dell’Australia, a circa la metà della media nazionale.

READ  Premier League europea, campionato separatista, principali club collegati, 12 squadre, Premier League inglese, Spagna, Italia, notizie

Sebbene tutti gli stati e i territori in Australia ora vantino più posti di lavoro rispetto a prima della pandemia, i guadagni nel Victoria sono stati più modesti rispetto agli stati, dove i lunghi blocchi sono stati ampiamente evitati.

L’ultimo aggiornamento dell’Australian Bureau of Statistics mostra che a metà giugno nel Victoria c’era l’1,9% dei dipendenti sul libro paga rispetto a metà marzo dello scorso anno.

Ma l’aumento dei posti di lavoro negli stipendi nel Victoria è molto inferiore all’aumento nazionale del 3,4% nello stesso periodo.

È anche lontano dai suoi guadagni del 3,9% nel Queensland e del 5% nel South Australia.

Secondo i dati dell’ABS, i posti di lavoro del personale nel NSW sono aumentati del 3,4% da metà marzo 2020 a metà giugno.

L’Australia ha registrato la sua prima morte per Covid all’inizio di marzo dello scorso anno ed è entrata nel suo primo periodo di blocco alla fine di quel mese.

Shane Oliver, capo economista di AMP Capital, ha affermato che mentre l’economia nazionale ha registrato una notevole ripresa da Covid, era chiaro che Victoria stava avvertendo gli effetti persistenti del suo massiccio blocco di 112 giorni.

“Victoria è in ritardo e penso che la ragione principale sia la chiusura avvenuta nel trimestre di settembre dello scorso anno”, ha detto il dottor Oliver.

“I blocchi hanno avuto un ulteriore impatto sull’economia vittoriana: più tempo trascorri in isolamento, più attività chiuderanno”.

Il dottor Oliver ha affermato che mentre la ripresa economica del paese è stata leader mondiale, è emersa un’economia “incompleta” con alcuni settori fiorenti mentre altri come l’ospitalità e il turismo lo hanno fatto duramente.

Secondo i dati sull’occupazione pubblicati martedì dall’ufficio dell’ABS, i posti di lavoro a libro paga nel Victoria sono aumentati dello 0,4 per cento nelle due settimane fino al 19 giugno alla scadenza delle restrizioni di blocco.

Il blocco di Sydney è stato esteso

Il blocco di sette giorni di Sydney sarà esteso fino al 16 luglio, con i bambini costretti a imparare da casa la prossima settimana mentre le autorità sanitarie lottano per contenere l’epidemia di Covid-19.

Il Nuovo Galles del Sud ha registrato 27 nuovi contagi locali, di cui solo 13 già in isolamento.

Tuttavia, gli studenti delle comunità rurali torneranno alle lezioni di persona il 13 luglio.

Secondo il piano, l’attuale blocco a Greater Sydney, Blue Mountains, Central Coast, Wollongong e Shelharbour sarà esteso fino alle 23:59 del 16 luglio. In tutte le altre parti del NSW, le restrizioni esistenti continueranno.

READ  Supermercato Covid: cambia QR code per fare check-in al NSW Woolies, Coles

Il premier del New South Wales Gladys Berejiklian ha avvertito che il governo dello stato sta valutando “ulteriori azioni” per tre aree del governo locale man mano che il numero dei casi aumenta.

Le aree governative di Liverpool, Fairfield e Canterbury-Bankstown, che comprendono i 110 sobborghi di Sydney, sono state messe in allerta.

Di particolare interesse sono otto sobborghi: Bosley Park, Smithfield, Fairfield, West Hoxton, Bass Hill, St. John’s Park, Canleyville e Greenfield Park.

“Posso dire alle comunità in quella zona, molte delle quali hanno un background simile al mio, per favore non mescolarsi con la famiglia”, ha detto la signora Berejiklian.

“Questo è davvero un momento difficile per la comunità in cui il destino è nelle tue mani”, ha affermato il dott. Kerry Chant, Chief Health Officer del NSW.

Il primo ministro del Victoria, Daniel Andrews, ha dichiarato di non aspettarsi un declassamento del rating della zona rossa di Sydney “in qualunque momento presto”.

Segui il Ultimo aggiornamento nazionale covid qui.

Sotto i 40 anni per ottenere un prelievo gratuito a dosi più elevate

Si prevede che i giovani australiani avranno una scelta di vaccini Covid-19 una volta che ulteriori forniture e nuove opzioni saranno disponibili da settembre.

Sebbene il vaccino AstraZeneca sia ora disponibile per tutti gli adulti, le scorte limitate di Pfizer significano che è stata data la priorità a determinati gruppi.

Il capo del lancio del vaccino, il tenente generale John Froen, ha dichiarato martedì che si aspetta che gli adulti di età inferiore ai 40 anni vengano vaccinati con dosi diverse da AstraZeneca da settembre o ottobre e che probabilmente potranno scegliere il loro vaccino preferito.

A settembre, la fornitura settimanale di Pfizer a Victoria dovrebbe salire a 317.000 dosi, mentre anche circa 30.000 dosi di Moderna faranno parte del lancio, raggiungendo fino a 148.000 dosi nell’ultimo trimestre dell’anno.

“Quando avremo ampie scorte di entrambi, penso che questo potrebbe essere il momento in cui possiamo offrire alle persone più opzioni”, ha detto il generale Frewin.

Ha detto che non si era ancora “formato un’opinione” sul fatto che Moderna – un vaccino mRNA simile a Pfizer – sarebbe stato usato come richiamo o come parte della prima ondata di vaccinazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto