SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Cosa succede con l’influenza aviaria? La Cina segnala il primo caso umano di ceppo H10N3

Le autorità sanitarie cinesi hanno affermato che un uomo di 41 anni aveva contratto un raro ceppo di influenza aviaria noto come H10N3 ed era in ospedale dalla fine di aprile, descrivendolo come il primo caso umano del ceppo segnalato a livello mondiale. La Commissione sanitaria nazionale ha affermato che l’uomo ha sviluppato febbre e altri sintomi il 23 aprile ed è stato ricoverato in ospedale nella provincia di Jiangsu cinque giorni dopo. Martedì, la Commissione sanitaria ha dichiarato che le sue condizioni erano stabili e ha indicato che era pronto per essere dimesso dall’ospedale.

Come si è infettato l’uomo?

La Commissione sanitaria non ha fornito dettagli su come l’uomo sia entrato in contatto con il virus. Casi di influenza aviaria nell’uomo sono stati segnalati più comunemente tra coloro che sono in stretto contatto quotidiano con il pollame, come gli allevatori di polli. Il comitato ha consigliato al pubblico di evitare il contatto con pollame malato e morto.

L’influenza aviaria può uccidere le persone?

L’influenza aviaria può essere fatale per l’uomo. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, il tasso di mortalità tra i ceppi altamente contagiosi, come l’H5N1, può essere di circa il 60%. Tuttavia, afferma l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’influenza aviaria non si trasmette facilmente dagli uccelli all’uomo.

Quanto è diffusa l’influenza aviaria in Cina?

La Cina ha visto diversi focolai di influenza aviaria, incluso uno Al culmine dell’emergenza coronavirus L’anno scorso, quando l’influenza aviaria H5N1 ha ucciso 4.500 polli nella provincia centrale di Hunan, le autorità ne hanno abbattuti altri 18.000.

A maggio, il ministero dell’Agricoltura cinese ha dichiarato che il ceppo di influenza aviaria H5N8 aveva ucciso centinaia di uccelli selvatici in Tibet, spingendo le autorità a disinfettare le aree tra cui un parco nazionale delle zone umide.

Un paziente affetto da influenza aviaria è stato curato in un ospedale di Wuhan, in Cina, nel febbraio 2017. La Cina ha visto diversi focolai di influenza aviaria.


immagine:

Immagini AFP/Getty

Le autorità sono interessate?

La Cina ha affermato che il rischio di un’epidemia su larga scala è molto basso. Ha affermato che gli sforzi delle autorità sanitarie locali nel rintracciare e monitorare i contatti non hanno riscontrato altri casi o trasmissione da uomo a uomo. Ha detto che il ceppo H10N3 non ha la capacità di infettare efficacemente gli esseri umani.

Cosa dicono gli esperti?

Le infezioni umane da virus dell’influenza aviaria sono rare ma non rare, ha affermato Adolfo Garcia Sastre, professore nel dipartimento di microbiologia della Icahn School of Medicine del Mount Sinai di New York.

“È molto probabile che questa infezione sia solo uno dei rari casi di influenza aviaria, senza altre conseguenze”, ha affermato il professor Garcia Sastre. “Tuttavia, è importante garantire che questo sia solo un incidente raro e isolato”.

La Cina è in anticipo sull’ultimo caso di influenza aviaria?

La Cina ha dichiarato di aver identificato il 28 maggio attraverso il sequenziamento del genoma che l’uomo aveva il ceppo H10N3. Martedì ha rilasciato la sua dichiarazione sui risultati.

Mentre la Cina è stata criticata per mancanza di trasparenza Nelle prime fasi della pandemia di coronavirus, si vede che l’apparato sanitario pubblico in generale è diventato più trasparente dallo scoppio del 2003 della sindrome respiratoria acuta grave, o SARS, quando la segretezza ufficiale ha ostacolato la risposta.

Copyright © 2020 Dow Jones & Company, Inc. tutti i diritti sono salvi. 87990cbe856818d5eddac44c7b1cdeb8

READ  Le scuole poco ventilate diffondono la variabile delta