SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Cosa potrebbe accadere al KRI Nanggala nei suoi ultimi momenti?

Dopo una ricerca di cinque giorni, il relitto del sottomarino indonesiano scomparso KRI Nanggala è stato scoperto a più di 800 metri di profondità nel mare di Bali.

Senza superstiti dell’equipaggio di 53 persone – e assolutamente senza certezza sulla causa del disastro – la Marina indonesiana avrà bisogno di determinare quanto impegno dedica all’esame e al salvataggio del relitto.

Un’ispezione iniziale della nave affondata indica che il relitto è in tre pezzi, con lo scafo e la poppa separati.

La Marina indonesiana (TNI-AL) ha pubblicato un filmato ripreso da un veicolo telecomandato della Marina di Singapore che sembra mostrare una delle pinne attaccate alla poppa della barca.

Altre foto possono mostrare sezioni dell’interno, ma non è del tutto chiaro quale parte della barca siano esattamente.

Ci è voluto un anno per trovare il sottomarino argentino San Juan dopo che è affondato nel 2017. La scoperta di Nangala all’inizio della ricerca indica che la barca era vicina all’ultima posizione segnalata. Quindi qualunque cosa vada storta è probabile che accada perché il sottomarino si stava immergendo.

A questo punto è impossibile sapere cosa abbia causato l’incidente. Le cause possono includere un guasto fisico o meccanico con conseguente allagamento catastrofico di uno o più compartimenti. Non ci vuole una significativa perdita di galleggiamento perché un sottomarino perda il controllo della sua profondità.

Ci sarebbe stato un incendio, cosa di cui i sottomarini temono particolarmente nel loro ambiente chiuso. Oppure potrebbe essere un errore umano. I sottomarini, tuttavia, hanno sviluppato con cura e perforato procedure operative standard su larga scala. Il fallimento fisico è la causa più probabile.

READ  Olimpiadi Tokyo 2020: Simone Biles si ritira dal singolare all-around

Indipendentemente dal grilletto, il tragico destino del KRI Nanggala avrebbe potuto essere risolto semplicemente superando la profondità alla quale il suo telaio e le sue attrezzature non potevano resistere all’aumento della pressione. Non esiste un numero preciso e veloce per la profondità esatta alla quale ciò si verifica.

I sottomarini come il Nanggala hanno una profondità operativa sicura di almeno 260 metri. Ciò che è noto come “profondità di schiacciamento” sarà molto di più. Ma il rischio di collasso della struttura aumenta molto rapidamente con l’aumentare della profondità. A 800 metri, Nanggala non aveva alcuna possibilità di sopravvivere.

Le autorità indonesiane sperano di salvare il relitto di Nangala, secondo i rapporti. Questo è possibile e c’è un precedente per questo. La missione americana del 1974, denominata in codice progetto “Azzorre”, includeva il recupero segreto (da acque molto profonde) di grandi componenti di un sottomarino sovietico caricato con missili affondati.

Tuttavia, portare in superficie circa 1.300 tonnellate di metallo da una profondità di oltre 800 metri rimane una proposta formidabile. Solo poche organizzazioni salvate sarebbero in grado di intraprendere una simile missione.

Sarà anche molto costoso. Si potrebbe sostenere che la marina indonesiana con risorse limitate ha cose migliori su cui spendere i suoi soldi, compresi i restanti quattro sottomarini.

Inoltre, non vi è alcuna garanzia che la causa esatta del disastro verrà mai scoperta. I sottomarini sono macchine grandi e complesse ei sistemi di “scatola nera” dell’aviazione non copriranno tutti i potenziali problemi che potrebbero essere sorti con il Nanggala.

L’approccio migliore sarebbe quello di seguire l’esame video iniziale dei detriti con una mappatura più dettagliata del sito dei detriti e di tutti i materiali dispersi sul fondo del mare. Combinato con il recupero selettivo degli ingredienti, questo può aiutare a fornire alcune risposte.

READ  Michael Avenatti, avvocato che ha rappresentato Stormy Daniels contro Donald Trump, incarcerato per tentato ricatto di Nike

Prevenire una futura catastrofe

La Marina indonesiana sottoporrà ora la propria organizzazione al controllo. Sebbene il Nanggala possa subire un guasto fisico, c’è ancora una revisione degli standard di addestramento e delle procedure operative in atto.

Il braccio sottomarino della marina è stato sfidato dalla sua recente espansione di una forza da due a cinque barche. Ci sono state nuove operazioni di messa in servizio nel 2017, 2018 e solo il mese scorso – con il primo sottomarino assemblato in Indonesia, il KRI Aluguro, che è stato accettato in servizio.

L’altrettanto anziana sorella di Nanggala, Cakra, che ha recentemente subito un aggiornamento e una ristrutturazione, potrebbe essere messa fuori servizio per ridurre la possibilità di un altro incidente. In ogni caso, Cakra sarà esaminato attentamente per vedere se ci sono problemi ancora non riconosciuti legati al superlavoro del metallo o altre possibili cause di guasto.

Nonostante il vantaggio di una completa ristrutturazione e “nessuna vita” di molti dei componenti chiave coinvolti, oltre alla sostituzione dei sistemi legacy, Cakra è in funzione da poco più di 40 anni. questo è molto tempo

Solidarietà da tutto il mondo

La perdita di 53 marinai è una tragedia per l’Indonesia e le sue marine. In tutto il mondo, il personale della marina e dei sottomarini in particolare condividerà il dolore dell’Indonesia.

Le operazioni sui sottomarini sono intrinsecamente ad alto rischio e richiedono molto da ogni membro dell’equipaggio. Richiede livelli straordinari di lavoro di squadra e assoluta fiducia nella professionalità di tutti a bordo. Questa cultura professionale è così intensa che è in questi momenti che compare la solidarietà internazionale.

READ  Studente di Melbourne e attivista per il clima in corsa per un posto nel consiglio di amministrazione del gigante energetico AGL | Cambiamento climatico

A parte la rapidità e la trasparenza nella gestione della situazione da parte della Marina indonesiana, è stato incoraggiante vedere la disponibilità di altri paesi a fornire un’assistenza immediata ed efficace e la velocità con cui si sono incontrati.

Ciò è stato chiaramente dimostrato dal ruolo importante svolto dalla nave di salvataggio sottomarino di Singapore nella scoperta del relitto. Ma anche Australia, India, Malesia, Stati Uniti e altri paesi si sono affrettati a fornire un’eventuale assistenza.

Questo articolo è originariamente apparso Conversazione E ripubblicato con il permesso