SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Confini con GNOME: i Garden Center del Regno Unito si sono esauriti dopo il blocco di Suez | giardini

I nani dei giardini e altri mobili da esterno si stanno esaurendo a causa dei problemi della catena di approvvigionamento e della popolarità dei garden center nel Regno Unito durante il blocco.

Le materie prime stanno diventando sempre più difficili da ottenere e L’ultimo blocco Anche dal Canale di Suez ha contribuito alla carenza nazionale di statue.

Ian Byrne, vicedirettore di Highfield Garden World a Whitminster, nel Gloucestershire, ha detto che c’è stato un “enorme picco” nelle vendite di statue da giardino. “Sfortunatamente non vediamo un nano da sei mesi”, ha detto.

Byrne ha detto che i garden center hanno visto un “boom” e questo sta causando problemi con così tanti articoli popolari disponibili.

Ha detto: non c’è [gnomes]. C’è sicuramente una carenza. È qualcosa in comune con i garden center che sono così occupati che ho esaminato alcuni numeri basati su marzo che affermavano che i garden center erano il 97% più occupati di quanto non fossero nel 2019.

“Ogni giorno è stato un giorno festivo. Va bene. Ma sicuramente causa alcuni problemi perché non solo i garden center inglesi prosperano, ma si stanno diffondendo in tutta Europa, quindi causa problemi di fornitura”.

Come molti garden center, Byrne ha contattato fornitori in tutta Europa e Cina per aiutare a spedire i pigmei da giardino nel Regno Unito.

C’è una carenza di statue di qualsiasi tipo. Fotografia: Robert Mabel / Getty / Im

Ha detto: “Le materie prime sono diventate un po ‘un problema, e sfortunatamente le statue sono vittime di questa carenza … Statue di qualsiasi tipo – plastica, pietra o cemento – non sono disponibili. Diverse persone vogliono anche statue”.

“La maggior parte dei garden center non se ne è accorto, anche se lo farà. Stiamo affrontando una tempesta di isolamento totale, tutti sono bloccati a casa e l’unica cosa che le persone possono fare è il giardino”, ha aggiunto Ian Willie, CEO della Garden Center Association.

Anche l’aumento della domanda e la fiducia nelle catene di approvvigionamento hanno causato problemi. Secondo Wylie, le piante dovrebbero essere coltivate per un mercato “just in time”. “Non siamo immuni dal rimanere bloccati in un canale o dai problemi di costi di spedizione dovuti alla Brexit o alla pandemia”, ha detto.

Negli ultimi tre mesi del 2020, le vendite nei negozi di bricolage sono aumentate del 35% mentre quelle dei garden center sono aumentate dell’8,5%, Secondo l’Ufficio nazionale di statistica.

READ  L'esempio di Trump che suona in Asia, il mondo deve intervenire