SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Comune italiano vicino alle stazioni sciistiche vende case a 1 euro

Un’altra città italiana sta vendendo le sue case vuote per un solo euro, questa volta a pochi passi da una serie di stazioni sciistiche.

Situata sugli Appennini, Pratola Peligna è il primo luogo in Abruzzo ad offrire il famoso schema casa da 1 euro.

A due ore a est di Roma, la città offre l’accesso agli sport invernali nelle vicine località di Roccaraso e Pescasserol.

Contiene circa 630 edifici vuoti, fino a 250 dei quali possono essere venduti nell’ambito del regime.

Come altre città, Pratola Peligna offre ai potenziali proprietari un lasso di tempo per rinnovare le loro nuove proprietà.

A differenza di altre città, se i nuovi proprietari di abitazione non si adeguano, impone una multa di 10.000 euro, che devono presentare i piani di ristrutturazione entro sei mesi.

“Questo è davvero lo scenario peggiore”, ha detto il consigliere locale Paulo de Paco. CNN Viaggi. “Vogliamo solo assicurarci che gli acquirenti rispettino effettivamente il loro impegno e non acquistino semplicemente per 1 € e poi scompaiano”.

I proprietari sono inoltre incoraggiati a completare i lavori di ristrutturazione entro tre anni.

L’idea è quella di incoraggiare i nuovi residenti a trasferirsi nella città – che, come altre località in Italia, sta vivendo uno spopolamento, con la popolazione locale che passa da 13.000 a circa 7.000 – insieme al restauro di case in pietra abbandonate nel quartiere storico di Pratola Pligna , detta schiavonia, per il suo antico splendore.

“Il nostro obiettivo è farli risplendere tutti e ripristinare la bellezza del centro storico, anche se ci vorrà un po’ di tempo”, ha detto de Paco.

Le funzioni disponibili sono disponibili su Posizione della città.

READ  Ronaldo parte in panchina mentre la Juventus manca il vantaggio di due gol. Abraham brilla nell'Athletic Arch of Rome di Mourinho, Firstpost

Negli ultimi anni, i piani casa da 1 euro in Italia hanno guadagnato sempre più popolarità.

Con i giovani italiani che migrano sempre più in città e scelgono lavori globali rispetto alle professioni rurali e comunali, molti dei borghi più belli e remoti d’Italia sono ora deserti, con alcuni anziani residenti che iniziano a morire.

Alcuni anziani italiani si sono trovati senza nessuno con cui uscire di casa, lasciandola invece in eredità alle autorità locali, che dovevano decidere cosa farne, mentre alcuni cittadini più giovani hanno ereditato proprietà in zone in cui non avevano intenzione di trasferirsi.

Possedere una seconda casa in Italia significa pagare le tasse, quindi vendere queste case inutilizzate a buon mercato può essere più redditizio che tenerle.

Circa 25 comuni italiani offrono ai potenziali proprietari di case un’offerta che non possono rifiutare: una casa al prezzo simbolico di 1 euro.

L’idea è che migliorare e occupare queste case nei prossimi anni valga di più per le città che venderle a prezzo pieno.

“Non abbiamo bisogno di nuove costruzioni e ulteriori nuove costruzioni. La strategia per migliorare l’ambiente residenziale e ripristinare la nostra identità culturale è far rivivere piccoli centri abbandonati o riqualificare edifici in stato di abbandono, con una storia che rappresenti la nostra storia”.