HomeTop NewsCome la mafia italiana è globale

Come la mafia italiana è globale

Vita

È una fregatura uscita direttamente da “I Soprano”.

La Sicilia della fine del XIX secoloGi Secolo: possedimenti di ricchi proprietari terrieri attaccati da avidi banditi.

Temendo per la sicurezza delle proprie case e degli agrumeti, i proprietari terrieri si sono rivolti alle mafie locali per ottenere protezione.

Contraddizione? Dietro gli attacchi originali potrebbero esserci mafiosi ingaggiati per proteggere quei frutteti siciliani.

“Era una truffa schizofrenica sulla sicurezza”, scrive l'ex boss di Gambino Luis Ferrante in “Borgata: Rise of Empire: A History of the American Mafia” (Pegasus Books, 2 gennaio). “Un boss mafioso di solito dà un problema al proprietario e poi si offre di risolverlo dietro compenso.”

Tali estorsioni non erano la cosa peggiore che la potente mafia siciliana avesse fatto nei suoi primi giorni. Hanno ucciso anche alti funzionari.

Nel 1892 l'ex sindaco di Palermo, Emanuele Noterpartolo, non condivideva l'acqua della sua tenuta con bande locali né assumeva i loro lavoratori.

Quindi è stato pugnalato a morte e il suo corpo è stato gettato da un treno in corsa.

Anche Cosa Nostra siciliana (“Cosa nostra”) era interessata ai rapimenti.

Ad esempio, nel 1876, un britannico di nome John Rose – il cui padre possedeva una miniera di zolfo vicino a Palermo – fu tenuto in ostaggio dal mafioso locale Giuseppe Esposito.

Quando i Roses non pagano immediatamente, un biglietto dei rapitori di John gli copre l'orecchio. Il secondo orecchio di John viene incluso in una nota successiva prima che la famiglia Ross sia finalmente d'accordo.

READ  Il grande successo italiano "There's Still Tomorrow" uscirà nel Regno Unito con Vue

Esposito fu additato per il delitto, ma era un passo avanti Carabinieri – Polizia italiana – inviandolo in America.

Nel 1870 si stabilì a New Orleans, una città che un giornale locale descrisse come “infestata da 'famigerati assassini, falsari e ladri siciliani'”.

Era difficile discuterne in una città in cui in un anno si registravano 100 omicidi per vendetta mafiosi. Non sono crimini subdoli, scrive Ferrante.

“A volte venivano trovate solo teste e torsi.”

Più di 5 milioni di italiani immigrarono negli Stati Uniti tra il 1880 e il 1930, di cui circa 1,5 milioni dalla Sicilia.

Circa 1,5 milioni di siciliani emigrarono negli Stati Uniti, compresi molti “intellettuali”. ivgroznii7 – stock.adobe.com

Molti, come Esposito, finirono a New Orleans, ma Ferrante nota, nei ghetti del Lower East Side di New York.

Nonostante la diffusa discriminazione, la maggior parte degli immigrati italiani ha evitato problemi negli Stati Uniti. Altri, invece, sono rimasti aggrappati alle loro radici siciliane.

Quelle radici? Come dirà più tardi Charles “Lucky” Luciano: “Metà delle persone che ho incontrato in Sicilia erano mafiose”.

Le radici siciliane della mafia di New York divennero evidenti nel 1903 l'11Gi Un barile di legno è stato trovato morto all'interno in una strada di Lower Manhattan.

Il cadavere è stato “spinto dentro . . . Dopo essere stata piegata a metà come una branda da due soldi”, scrive Ferrante.

Bucce di cipolla e pezzetti di sigari toscani sul fondo della botte hanno aiutato la polizia di New York a localizzare il Little Italy Cafe frequentato dal boss mafioso Ignacio Lupo (“Lupo il lupo”).

Mulberry Street, il cuore della Little Italy del 1900. Gruppo Universal Images tramite Getty Images

Lupo sfuggì a un'accusa di omicidio in Sicilia e sbarcò a New York nel 1900, dove possedeva un negozio di alimentari italiano in Elizabeth Street insieme a una vicina impresa di costruzioni.

READ  L'Italia include Verratti infortunato nella squadra provvisoria di Euro

Ma il suo vero potere proveniva dalla “borgata” (“famiglia”) fondata sul furto di cavalli, sullo strozzinaggio, sulla contraffazione e sull'estorsione.

Lupo aveva importato Giuseppe Morello dalla Sicilia per lavorare come suo sottocapo. Morello, nato a Corleone, conosciuto come “L'Artiglio” a causa del suo braccio sfigurato, è sfuggito all'accusa di omicidio siciliano.

Una spia di Sing Sing aiuta la polizia di New York a identificare l'assassino del barile come l'assistente di Morello “Beto the Ox”.

A quanto pare, Morello ha rubato dei soldi a un uomo di Buffalo. Ci fu uno scambio di insulti prima che Morello invitasse il bufalonese a fare pace nel suo ristorante “Little Italy”.

Morello Peto, invece, ha pugnalato al collo il loro ospite. Il suo corpo è stato lasciato in strada come avvertimento.

Chiunque sapesse qualcosa del crimine andò in tribunale, quindi senza prove concrete, “Lupo”, “Artiglio” e “Bue” se la cavarono tutti impunemente.

E con ciò, “la mafia di New York se la cavò con il suo primo omicidio altamente pubblicizzato”, scrive Ferrante.

Mentre Ferrante continua ad arrivare Rivolgersi alla polizia per parlare della “Borgada”, la banda, non è mai stata una buona idea, nemmeno quasi un secolo dopo gli omicidi di Barrel.

Prendiamo il caso del 1979 di Khaled Daoud, un immigrato giordano che stava vivendo il suo sogno americano rivendendo legalmente auto usate in Medio Oriente.

Quando la mafia di New York iniziò a rubare le auto di Dawood, lui stupidamente allertò le autorità.

Una talpa della polizia di New York rivelò i legami di Daoud con la mafia durante la sua denuncia, e presto Jordanian fu trovato morto in una carrozzeria di Newark.

READ  Odio di estrema destra e gruppi estremisti in Italia

Anche l'amico che accompagnava Dawood è stato aggredito, le sue parti intime tagliate e imbavagliate. Il messaggio è: non parlare.

È il modo siciliano: l'originale Little Italy o Vecchio Mondo.

Accetta di più…




https://nypost.com/2023/12/30/lifestyle/how-the-italian-mafia-went-global/?utm_source=url_sitebuttons&utm_medium=site%20buttons&utm_campaign=site%20buttons

Copia l'URL da condividere

Marcello Jilani
Marcello Jilani
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News