Circa il 10% dei decessi dovuti allo stent dell'arteria coronaria e all'angioplastica con palloncino sono prevenibili

Linea telefonica: Noah Fromson

Newswise – Più di 500.000 americani ogni anno vengono sottoposti a intervento coronarico percutaneo, o PCI, una procedura minimamente invasiva per rimuovere i blocchi nelle arterie che alimentano il cuore.

Sebbene la PCI, che prevede sia l’angioplastica che lo stent, sia una delle operazioni più comuni al mondo, comporta un rischio di morte piccolo (circa 1-2%) ma significativo. Circa il 10% di tutti i decessi derivanti da un intervento coronarico percutaneo sono prevenibiliLo ha scoperto uno studio condotto dall’Università del Michigan Medicine.

I risultati sono pubblicati in Un vantaggio.

“I decessi in ospedale dopo PCI sono rari e si verificano soprattutto in pazienti che arrivano dopo un attacco di cuore, soprattutto se i loro casi comportano uno shock”, ha detto il ricercatore principale. Hitender Jorm, MBBSdirettore medico presso l'Università del Michigan Health e direttore medico del Blue Cross Blue Shield of Michigan Cardiovascolare Consortium, o BMC2.

“La stragrande maggioranza dei decessi dopo PCI non è prevenibile e è correlata alle condizioni di base dei pazienti sottoposti a questa procedura. Si tratta di un netto cambiamento rispetto agli anni '90, quando la maggior parte dei decessi poteva essere ricondotta a complicazioni procedurali”.

Il gruppo di ricerca ha analizzato i decessi successivi al PCI avvenuti in 39 ospedali del Michigan partecipanti al BMC2 tra il 2012 e il 2014. Questi ospedali utilizzano dati procedurali e di risultato per guidare progetti di qualità volti a migliorare l’assistenza e i risultati dei pazienti.

Le complicazioni procedurali hanno contribuito al 20% dei circa 1.200 decessi segnalati durante il periodo di studio. Poco più di un quarto dei pazienti deceduti erano considerati a basso rischio, il che significa che il punteggio di rischio di morte correlato al PCI stimava che avessero una probabilità di sopravvivenza pari o superiore al 95%.

READ  La straordinaria immagine della NASA dà uno sguardo all'oscurità perpetua del Polo Sud lunare: ScienceAlert

Dei decessi prevenibili, complessivamente il 10,1%, l'angioplastica e lo stent sono stati considerati di scarso valore e potrebbero essere evitati in circa un terzo dei casi.

I ricercatori affermano che i dati suggeriscono la necessità di concentrarsi sul miglioramento dell’adeguatezza del PCI per garantire che i fornitori riducano le morti rare e prevenibili dovute a questa procedura comune.

“I nostri dati possono aiutare a definire il modo in cui i laboratori di cateterizzazione conducono conferenze su morbilità e mortalità, una pratica comune di miglioramento della qualità in molti ospedali, concentrandosi sui pazienti con un basso rischio di morte che successivamente sperimentano un evento avverso”, ha affermato il primo autore Francisco Morrone, MD. . Fellow presso il Centro Robert M. Byrne per la ricerca cardiovascolare presso l'Università della Virginia.

“Tale attenzione potrebbe essere un modo efficace per identificare le pratiche periprocedurali, piuttosto che i fattori legati al paziente, che potrebbero aver avuto un ruolo negli esiti avversi del paziente”.

Autori aggiuntivi: Tra cui Milan Seth, MA, dell'Università del Michigan, Francesco Morrone, MD, dell'Università della Virginia e dell'Università di Milano-Bicocca, Hamim Yu. Changzi, MD, della McLaren Flint Cardiology, Milind Karve, MD, della Sparrow Health, Dilip S. Arora, MD, del Corwell Health South Lakeland, Manoj Sharma, MD, MBA, del Convent Healthcare, Elizabeth Belsticker, MD, del Henry Ford Jackson, Aaron D. Berman, MD , del Corwell University Health William Beaumont Hospital, Daniel Lee, MD , della Medicina cardiovascolare McLaren Bay, Imran Qureshi, MD, del DMC Sinai Grace Hospital, e Lorenzo Azzalini, MD, PhD, MS, dell'Università di Washington.

Finanziamento: Il supporto per BMC2 è fornito da Blue Cross e Blue Shield of Michigan e Blue Care Network come parte del programma BCBSM Value Partnerships.

READ  Uno studio rileva che gli esercizi di base per le persone con asma aiutano a migliorare la funzione polmonare

divulgazione: Sebbene Blue Cross Blue Shield del Michigan e BMC2 lavorino in collaborazione, le opinioni, le convinzioni e i punti di vista espressi dall'autore non riflettono necessariamente le opinioni, le convinzioni e i punti di vista della BBCSM o dei suoi dipendenti.

la citazione: “Causa e prevenibilita' dei decessi ospedalieri dopo PCI: un'analisi delle cause profonde a livello statale di 1.163 decessi”, Un vantaggio. ID digitale: 10.1371/journal.pone.0297596

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto