Atterraggio morbido per l’economia italiana: perché l’inflazione in Italia è inferiore a quella del resto d’Europa?

Il tasso di inflazione in Italia è salito all'1,3% a marzo rispetto a un anno fa, anche se a un ritmo più lento del previsto.

annuncio

Forse non esiste esempio migliore di “atterraggio morbido” dello stato attuale dell’economia italiana.

Sebbene l’attività economica in Italia abbia rallentato in modo significativo rispetto agli elevati tassi di crescita post-pandemia osservati nel 2021 e nel 2022, lo ha fatto in misura sufficiente a smorzare efficacemente l’inflazione senza causare una recessione.

In sostanza, ha raggiunto un delicato equilibrio, a cui i banchieri centrali miravano da tempo quando affrontavano le crescenti pressioni sui prezzi.

Andamento dell'inflazione in Italia

Il tasso annuo di inflazione al consumo in Italia ha raggiunto l'1,3% nel marzo 2024, secondo i dati preliminari pubblicati venerdì dall'Istat, l'ufficio statistico del paese.

Questa cifra rappresenta un aumento rispetto al tasso precedente dello 0,8%, anche se ad un ritmo più lento rispetto al tasso previsto dell'1,4%. Anche l'inflazione mensile ha registrato un modesto aumento dello 0,1%, inferiore alle aspettative dello 0,2%.

Questo lieve aumento dell'inflazione può essere attribuito al calo dei prezzi dell'energia (-10,8% a marzo rispetto al -17,3% di febbraio) e all'accelerazione dei prezzi dei servizi di trasporto (4,4% rispetto al 3,8%).

Al contrario, i prezzi dei prodotti alimentari non trasformati hanno rallentato nel mese di marzo (+2,6% contro +4,4%). Anche la dinamica annuale dei prezzi del “carrello” ha mostrato un calo (+3,0%), mentre l'inflazione core ha raggiunto il +2,4% (in modesto aumento dal +2,3%).

Il tasso di inflazione annuale dell’Italia è sceso di oltre 10 punti percentuali da quando ha raggiunto il massimo di quattro decenni nell’ottobre 2022, quando ha raggiunto il picco dell’11,8%, e rimane ben al di sotto della media della zona euro, che era al 2,6% a febbraio. per scendere marginalmente al 2,5% a marzo.

READ  Una piccola spinta all'economia italiana: la domanda tedesca di pasta

Perché l’inflazione in Italia è così bassa?

A parte il miglioramento dei fattori dal lato dell’offerta che incidono sull’inflazione, come il calo significativo dei prezzi dell’energia, anche le pressioni inflazionistiche in Italia si sono attenuate grazie agli effetti dal lato della domanda.

Fondamentalmente, la politica monetaria ha effettivamente influenzato l’economia italiana negli ultimi anni.

Gli alti tassi di interesse fissati dalla Banca Centrale Europea hanno scoraggiato le imprese e le famiglie dal contrarre prestiti, raffreddando così l’economia e calmando di fatto l’inflazione.

Il totale dei prestiti alle famiglie e alle imprese italiane resta in territorio di contrazione, scendendo ulteriormente del -2,6% a gennaio e del -2,7% a febbraio, secondo gli ultimi dati dell'Associazione bancaria italiana (ABI).

Aspettative di inflazione in Italia

Secondo le ultime previsioni della Commissione Europea, il tasso di inflazione in Italia dovrebbe raggiungere il 2,0% nel 2024 e il 2,3% nel 2025, spinto dall'atteso aumento dei salari, soprattutto nel settore pubblico.

“Si prevede che l'inflazione rimarrà ben al di sotto della media dell'area euro”, ha affermato Paolo Mameli, economista di Banca IMI.

L’analista ha spiegato che l’inflazione core in Italia è rimasta costantemente al di sotto della media dell’Eurozona negli ultimi due anni, un modello che dovrebbe continuare a causa del percorso limitato di crescita dei salari.

Nel complesso, si prevede che l’inflazione complessiva in Italia aumenterà leggermente nel corso dell’anno e rimarrà strettamente legata alla soglia del 2% in media sia nel 2024 che nel 2025.

È importante sottolineare che il calo dell’inflazione italiana non è stato accompagnato da una contrazione economica o da un deterioramento delle condizioni commerciali.

READ  Mercati preoccupati per la crescita economica italiana: il Fisco della BCE

L’Italia ha davvero avuto un atterraggio morbido?

Nel febbraio 2024, le indagini del Purchasing Managers' Index (PMI) sull'attività nel settore dei servizi in Italia hanno mostrato segnali di espansione, registrando il livello di crescita più elevato osservato in otto mesi.

annuncio

Tariq Kamal Chowdhury, economista della Banca Commerciale di Amburgo, ha sottolineato la resilienza del settore dei servizi italiano, sottolineando la “crescita costante” dei nuovi ordini e una “spinta gentile” dall’estero, che porta ad una “forte situazione occupazionale”.

Gli ultimi dati sul mercato del lavoro mostrano che il tasso di disoccupazione italiano ha raggiunto il minimo da 16 anni pari al 7,2% nel gennaio 2024.

Eleanor Dennison, economista presso S&P Global Market Intelligence, ha evidenziato un miglioramento del sentiment tra le aziende italiane del settore privato, con una prospettiva più positiva per “investimenti, occupazione e profitti” in vari settori.

Bert Cullen, capo economista dell'Eurozona presso ING, ha notato una crescita delle esportazioni più lenta in Germania e Paesi Bassi rispetto a Spagna, Portogallo, Grecia e Italia, esprimendo ottimismo sulle società industriali nei paesi dell'Europa meridionale.

Nel complesso, l’Italia è riuscita a superare con successo un atterraggio morbido, gestendo efficacemente una crescita moderata e mantenendo l’inflazione sotto controllo. Andando avanti, sarà necessario monitorare gli effetti di potenziali tagli dei tassi di interesse entro la fine dell’anno e l’andamento dell’economia globale sui modelli di inflazione in Italia.

annuncio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto