Almeno 17 persone sono state uccise

17 persone sono state confermate morte dopo che un aereo militare che trasportava almeno 85 persone ha perso la pista e si è schiantato oggi nelle Filippine.

Più di 40 persone sono state salvate dal relitto di un aereo da trasporto C-130 in fiamme che stava cercando di atterrare sull’isola di Jolo nella provincia di Sulu quando l’incidente è avvenuto alle 11:30 (ora locale).

Il generale Cirilito Sobejana ha dichiarato ai media locali: “Durante il trasferimento delle nostre truppe da Cagayan de Oro (nell’isola meridionale di Mindanao), hanno perso la pista, cercando di riprendere il potere ma senza successo. Ha descritto l’incidente come “estremamente sfortunato”. “

“I soccorritori sono sul posto ora e stiamo pregando di poter salvare più vite”, ha detto Sobiana. Agenzia di stampa Francia.

Sobiana ha detto che 40 persone salvate finora stanno ricevendo cure presso il vicino ospedale della 11a divisione di fanteria.

Molti dei passeggeri si sono recentemente diplomati alle esercitazioni militari di base e vengono dispiegati nell’isola travagliata come parte di una task force antiterrorismo congiunta nella regione a maggioranza musulmana.

L’esercito ha una forte presenza nelle Filippine meridionali dove operano gruppi armati, incluso il gruppo Abu Sayyaf rapito a scopo di riscatto.

I C-130, i cavalli da lavoro dell’Air Force, sono utilizzati per il trasporto di truppe e rifornimenti. Sono inoltre frequentemente impiegati per fornire assistenza umanitaria e soccorso in caso di calamità.

L’incidente è avvenuto dopo che un elicottero Black Hawk si è schiantato il mese scorso durante un volo di addestramento notturno, uccidendo tutti e sei a bordo.

Tre piloti e tre piloti sono morti quando l’S70-i si è schiantato vicino al campo di addestramento di Crow Valley a nord di Manila, spegnendo l’intera flotta.

READ  Gli australiani rinunciano ai cani da compagnia come costo della vita

Il paese ha ordinato 16 velivoli multiruolo da una società polacca che li ha realizzati su licenza della divisione Sikorsky dell’azienda statunitense dell’industria della difesa Lockheed Martin.

Undici sono stati consegnati dalla fine del 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto