SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Virgin Australia ritarda i voli di ritorno in Nuova Zelanda, Bali e Fiji

I piani di Virgin Australia di riprendere i voli all’estero hanno incontrato un altro ostacolo a seguito delle aspettative del governo federale sui confini dell’Australia Rimarrà in gran parte chiuso fino alla metà del 2022.

Dopo che i nuovi proprietari, Bain Capital, hanno riavviato la compagnia aerea come operazione domestica solo a fronte della debole domanda a causa delle restrizioni di viaggio causate da COVID, e I suoi aeromobili internazionali Airbus A330 e Boeing 777 vengono ritirati, Virgin ei suoi seguaci erano entusiasti di vedere il ritorno dei viaggi all’estero a corto raggio.

Tuttavia, Virgin ha scelto di non partecipare In una bolla in tutta la Tasmania tra Australia e Nuova Zelanda a partire dal 19 aprile, affermando che sta adottando un “approccio più realistico” sia ai voli in entrata che in uscita – sebbene sia chiaro che la compagnia aerea ha anche dovuto affrontare carenze di aeromobili a causa del ridimensionamento della flotta di Boeing 737 che è stato di circa il 25% rispetto a quando la compagnia aerea è entrata in gestione.

All’epoca, Virgin aveva designato “la maggior parte dei servizi neozelandesi” per un rimbalzo dal 31 ottobre 2021, ma la compagnia aerea ora afferma che la maggior parte delle destinazioni della Nuova Zelanda – comprese Auckland, Christchurch e Wellington – rimarranno fuori mappa “almeno fino a dicembre 2021 “. Alistair Hartley, responsabile della strategia e della trasformazione di Virgin Australia, afferma una diffusione deludente.

I tour di Queenstown sono ancora in corso

L’unico sopravvissuto è Queenstown, “dove i clienti stanno cercando di viaggiare durante le vacanze scolastiche di settembre e la prossima estate. Tutti gli altri servizi neozelandesi saranno per il momento rinviati”.

READ  I prossimi baby boomer sono i millennial in Cina

I voli Virgin Sydney-Queenstown e Brisbane-Queenstown rimangono chiusi dal 18 settembre, con Melbourne-Queenstown dal 7 dicembre.

Virgin aveva già rinviato due volte la ripresa dei voli neozelandesi quest’anno. Prima a marzo, poi a giugno.

“Esaminiamo costantemente la nostra rete per rispondere ai consigli più recenti e, soprattutto, per valutare se possiamo riprendere i voli internazionali a corto raggio, inclusa la Nuova Zelanda prima, se la domanda di viaggio migliora e le condizioni cambiano”, ha aggiunto Hartley.

Anche nella lista di taglio “al giorno d’oggi”: ritorno a Bali, Fiji, Vanuatu, Samoa e Isole Salomone.

“Siamo realistici sulla ripresa dei voli internazionali a corto raggio e oggi abbiamo ritardato i nostri servizi per l’Oceano Pacifico e per Bali, in Indonesia, almeno fino a dicembre”.

Con l’aumento dei viaggi nazionali e il nuovo concorrente Rex alla ricerca di una propria fetta del mercato degli aerei intercity, Virgin afferma che “continua a rivedere la sua rete nazionale per garantire che risponda alle opportunità di crescita qui in Australia”.

Leggi anche: Qantas ha cancellato i voli internazionali fino a dicembre

David

David Flynn è l’editore della rivista Executive Traveller ed è un po ‘tragico viaggiare con un debole per il buon caffè, lo shopping e un litchi martini.