HomescienceUno studio controverso afferma che i geni SARS-CoV-2 possono essere integrati nel...

Uno studio controverso afferma che i geni SARS-CoV-2 possono essere integrati nel genoma umano

Uno studio controverso ha mostrato la possibilità di materiale genetico da SARS-CoV-2 Il virus che provoca COVID-19 Può essere integrato nel nostro genoma. Il documento pubblicato su Atti dell’Accademia Nazionale delle Scienze (PNAS), può fornire una spiegazione del motivo per cui le persone che si sono riprese dal COVID-19 possono ancora essere testate per il virus mesi dopo. Dipende anche dai risultati di a Prestampa molto discussa Degli stessi autori, uscito nel dicembre 2020.

Detto primer ha ricevuto una discreta dose di scetticismo all’interno della comunità scientifica, con molti che lo definiscono “pericoloso” tra le preoccupazioni che potrebbe sollevare dubbi sul fatto che i vaccini a base di RNA possano alterare il DNA umano. Gli autori hanno sottolineato, tuttavia, che nessuna delle due serie di risultati Prestampa o PNAS suggerisci questo.

Pubblicazioni successive di altri ricercatori hanno sollevato lacune nella metodologia utilizzata; 1 Copia preliminare hanno dimostrato che l’integrazione del DNA virale riportata nello studio è stata probabilmente introdotta dalla stessa tecnica utilizzata per rilevarla, e non era, infatti, una vera integrazione mediante trascrizione inversa. Il processo di creazione del DNA da un modello di RNA Come suggerito originariamente.

Rudolf Janisch, Ph.D., e Richard Young, Ph.D., professori di biologia presso Istituto Whitehead E il Massachusetts Institute of Technology, che ha guidato il lavoro, ha riconosciuto queste questioni e le ha affrontate بهذه critica. Il team ha utilizzato tre diverse tecniche di sequenziamento per determinare se l’RNA SARS-CoV-2 potesse essere integrato nel genoma umano in coltura, tramite la trascrizione inversa, e i tre metodi hanno trovato prove che lo fosse. Copie di DNA dell’RNA virale erano presenti nel genoma delle cellule ospiti e si è scoperto che erano integrate dal meccanismo mediato da LINE1. Elementi di carattere 1 17% del genoma umano E il Sono le sequenze genetiche che codificano la trascrittasi inversa, l’enzima responsabile della trascrizione inversa.

READ  Mistero molecolare risolto - Gli scienziati di Harvard hanno scoperto un modo precedentemente sconosciuto con cui le cellule scompongono le proteine

Sebbene questi risultati sembrino supportare l’ipotesi originale, che il frammento di DNA SARS-CoV-2 possa essere integrato nel genoma umano mediante trascrizione inversa, va notato che circa il 30 percento del DNA virale integrato mancava del riconoscimento LINE-1 luogo. Pertanto, è possibile che un altro metodo sia responsabile dell’integrazione.

Per quanto riguarda il significato clinico di questi risultati, non sono ancora state riscontrate prove di complementarità nei pazienti. Tuttavia, il team ha riportato l’integrazione di SARS-CoV-2 nei tessuti di pazienti COVID-19 vivi e sottoposti ad autopsia: “È importante sottolineare che tali copie fantasma sono state rilevate nei tessuti derivati ​​dal paziente”, hanno scritto. I nostri dati indicano che in alcuni tessuti dei pazienti, la maggior parte delle copie virali deriva da sequenze integrate. I nostri dati forniscono informazioni sulle conseguenze dell’infezione da SARS-CoV-2 che possono aiutare a spiegare perché i pazienti continuano a produrre RNA virale dopo il recupero».

Sono necessarie ulteriori ricerche sul potenziale impatto della complementarità sul decorso della malattia, nonché sulle implicazioni per altri virus a RNA che causano malattie, come febbre dengue Il virus dell’influenza.


Questa settimana all’IFLSCIENCE

Ricevi settimanalmente le nostre più grandi storie di scienza nella tua casella di posta!

Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News