SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Un’incredibile scoperta dell’isola della grotta dell’Oman in fondo al pozzo dell’Inferno

È una delle grotte più misteriose del mondo, ritenuta dai locali una prigione sessuale. Ma ora, per la prima volta, gli esploratori hanno raggiunto il fondo.

Una squadra di cavernicoli dell’Oman ha effettuato quella che si ritiene sia la prima discesa sul fondo del mitico pozzo yemenita di Barhut, una meraviglia naturale evitata da molti locali, che credono sia una prigione per le razze.

Il “pozzo” proibito dell’inferno, il cui foro rotondo e scuro crea un buco largo 30 metri nel fondo del deserto del Governatorato di Al-Mahra nello Yemen orientale, affondando a circa 112 metri sotto la superficie e, secondo alcuni resoconti, emette odori strani.

“C’erano serpenti, ma non ti daranno fastidio a meno che tu non li disturbi”, ha detto all’AFP Mohammed Al Kindi, professore di geologia presso l’Università tedesca di tecnologia di Amman.

Ha detto: “Alcuni dicono che è il luogo dove gli apostati e gli infedeli vengono torturati dopo la morte”.

“Altri pensano che verranno decapitati una volta arrivati ​​lì.”

I filmati forniti all’AFP hanno mostrato le formazioni delle grotte e le perle grigie e verde lime, che si sono formate dalla caduta dell’acqua.

“Abbiamo raccolto campioni di acqua, rocce, suolo e alcuni animali morti, ma non sono ancora stati analizzati”, ha detto, aggiungendo che presto verrà pubblicato un rapporto.

I funzionari yemeniti hanno dichiarato all’AFP a giugno di non sapere cosa si trovasse nelle profondità del cratere, che hanno stimato in “milioni e milioni” di anni, aggiungendo che non avevano raggiunto il fondo.

“Abbiamo notato cose strane all’interno. Abbiamo anche sentito un odore strano… È una condizione misteriosa”.

READ  Il governatore del Texas Greg Abbott risulta positivo al COVID-19 mentre le autorità sanitarie statunitensi esortano le persone a vaccinarsi

Molti residenti della zona sono cauti nel visitare o addirittura parlare del vasto cratere per paura della sfortuna.

Il paese è precipitato in una devastante guerra civile dal 2014 che ha portato a quella che le Nazioni Unite descrivono come la peggiore crisi umanitaria del mondo, con due terzi dei suoi 30 milioni di persone che dipendono da qualche forma di aiuto.