HomeWorldUn'epidemia di gastroenterite sta colpendo duramente il settore dell'ospitalità di Queenstown

Un’epidemia di gastroenterite sta colpendo duramente il settore dell’ospitalità di Queenstown

Le aziende del settore alberghiero di Queenstown stanno cercando di trovare il modo di rimanere aperte senza usare l’acqua del rubinetto a causa di un’epidemia di criptosporidio in città.

Finora sono stati confermati solo 15 casi, ma RNZ ha parlato con diversi locali che hanno affermato di aver avuto disturbi di stomaco nelle ultime settimane ma di non essere andati dal medico.

Ciò significa che a molti bar di Queenstown è stato detto di non usare le loro macchinette del caffè, e i fast food non possono usare i loro distributori di bevande analcoliche. I bar importano ghiaccio da fuori città o servono bevande senza ghiaccio.

Blair Impey del Republic Hospitality Group ha affermato di aver portato un rimorchio da neve da Invercargill per servire la propria attività.

Queenstown Ice rifornisce i tre bar di ghiaccio della città con ghiaccio scolpito, bicchieri di ghiaccio e sculture di ghiaccio. Dopo essersi sbarazzato di tutto il ghiaccio danneggiato in seguito all’avviso di far bollire l’acqua, il proprietario Richard Scott ha affermato di essere riuscito a ottenere un filtro UV al costo di circa $ 3.000.

Inutile dire che i suoi servizi sono oggi molto richiesti.

“Direi che oggi abbiamo fatto 30 affari. Sarebbe il minimo, tipo 10 borse ciascuno o qualcosa del genere, solo per andare avanti. E poi ce ne saranno altri stasera.”

Come molti locali con cui RNZ ha parlato negli ultimi giorni, Scott ha detto di essersi ammalato di mal di stomaco lunedì della scorsa settimana ed è stato fuori servizio per quattro giorni.

READ  Il Premio Nobel per la Chimica va a Monje Boundy, Louis Bruce e Alexei Ekimov per la scoperta dei punti quantici

“Potrebbe essere stata la stessa cosa o qualcosa di diverso. Ma non tutti vanno dal medico per fare il test.”

Il Consiglio distrettuale di Queenstown Lakes è stato criticato per il tempo impiegato per emettere un avviso di ebollizione dopo aver confermato che il parassita Cryptosporidium era all’origine di una serie di malattie locali.

Scott ha detto di averlo scoperto da un amico, non dal consiglio. “Sicuramente il comune avrebbe inviato un’e-mail alle imprese alimentari? Ho ricevuto l’e-mail solo il giorno successivo. Ma a quel punto lo sapevo già, quindi avevo già chiuso tutto.”

Damien Brown, proprietario di Pedro’s By The Lake, ha detto a First Up che il suo staff ha impiegato cinque ore per far bollire l’acqua necessaria per il servizio e lasciarla raffreddare.

“Abbiamo dovuto comprare molta acqua in bottiglia e facciamo bollire quanta più acqua possibile”, ha detto.

Ne avevano bisogno per lavarsi le mani, lavare i piatti, lavare le verdure, usarlo per fare il ghiaccio e per bere. Un bar vicino ha smesso di servire bevande ghiacciate perché non aveva abbastanza acqua per congelarle, ha detto Brown.

“Spero che duri solo pochi giorni… ma qui, nel settore dell’ospitalità, siamo tutti sulla stessa barca”, ha aggiunto.

I funzionari sanitari non hanno ancora trovato la fonte della malattia e hanno affermato che non esiste una correlazione chiara con il cibo o l’acqua.

rnz.co.nz

Italo D'Amore
Italo D'Amore
"Pioniere televisivo a misura di hipster. Risolutore di problemi. Introverso umile e irritante. Lettore. Studente. Esperto di pancetta sottilmente affascinante."
Must Read
Related News