Una scatola di sardine cade dal cielo

La vista da 2000 piedi è incredibile.

Inizialmente, il nord di Gaza sembra essere ricoperto da una spessa cenere grigia. Ma poi vedi che sono mucchi di cemento e metallo contorto: case ed edifici distrutti dalle bombe e dai missili israeliani.

Grandi aree sono state distrutte e trasformate in terreni sterili.

Tra le macerie, centinaia di migliaia di palestinesi lottano ogni giorno per sopravvivere, senza accesso a cibo, acqua, assistenza medica o riparo.

Oggi l’aiuto viene dall’alto.

Assediati da ogni parte e lentamente affamati, i palestinesi nel nord di Gaza possono a volte fare affidamento solo sugli aiuti sganciati dagli aerei. Ma sicuramente esiste un modo migliore di questo.

È quasi impossibile vedere questa devastazione dall’alto a causa del controllo militare israeliano.

Ma all’ABC è stato concesso un raro accesso a bordo di una missione della Royal Air Force (RAF) per lanciare nel nord gli aiuti umanitari di cui c’è disperatamente bisogno.

Si tratta di un modo costoso e, secondo alcuni, inefficace per fornire aiuti.

Ma per alcuni palestinesi questa è l’unica speranza.

L’atterraggio inizia su una pista nel profondo deserto giordano, dove le truppe della RAF imballano i pallet con forniture non deperibili come farina, olio, riso, zucchero, cereali per bambini, acqua e tonno in scatola.

La RAF si sta concentrando sulla consegna di articoli non deperibili che non si deterioreranno prima che gli abitanti di Gaza abbiano la possibilità di riceverli. ()
Uomini in uniforme militare che imballano scatole di cartone
I lanci includono farina, olio, riso, zucchero, cereali per bambini, acqua e tonno in scatola.()
Due uomini camminano verso un aereo militare A400 parcheggiato nel deserto
La ABC è stata invitata dalla RAF a fornire aiuti a Gaza. ()

Le piattaforme sono costruite su basi di compensato, ricoperte di cibo e fissate in cima con un paracadute: un’attrezzatura vitale per portare gli aiuti a terra in sicurezza.

Tutto è attentamente progettato e pesato.

I pallet devono essere legati saldamente con pezzi di corda calibrati per evitare danni derivanti da collisioni.

Non possono essere né troppo pesanti né troppo leggeri e le tettoie vengono controllate frequentemente.

Nei precedenti lanci aerei condotti da altri paesi, i paracadute non sono riusciti a schierarsi e i palestinesi sono rimasti schiacciati o uccisi dalla caduta delle travi.

Un uomo che indossa l'equipaggiamento da pilota militare siede nella cabina di pilotaggio
Il volo A400 impiega 40 minuti dalla Giordania a Gaza. ()
Scatole avvolte in plastica all'interno dell'aereo
Le piattaforme devono essere controllate ripetutamente per garantire che atterrino in sicurezza a terra. ()

Dopo aver effettuato tutti i controlli di sicurezza, i pallet vengono trasportati tramite carrello elevatore e imballati in uno dei più grandi aerei da trasporto della RAF, l’A400.

Dopo un volo di 40 minuti verso Gaza, viene premuto il pulsante di lancio e in pochi secondi i pallet rotolano giù dal retro dell’aereo, trasportati dalla brezza, raggiungendo, si spera, il suolo.

La missione è stata un successo logistico.

Ma in realtà il carico è piccolo.

Ciò che serve è una goccia nel mare

Dodici pallet di cibo, del peso di circa 11 tonnellate, equivalgono a un camion pieno di cibo.

Ma in alcune parti del nord di Gaza, questa operazione costosa e rischiosa è l’unico modo perché gli aiuti raggiungano le persone che ne hanno bisogno.

Da quando Israele ha imposto un blocco parziale su Gaza dopo gli attacchi del 7 ottobre, ha controllato quasi esclusivamente il flusso di merci, compresi gli aiuti umanitari, nella Striscia.

READ  La principessa del Galles è sottoposta a chemioterapia per il cancro
Un gruppo di soldati in piedi sul ventre aperto di un aereo
La Royal Air Force britannica ha lanciato 11 tonnellate di aiuti a Gaza durante il suo volo. ()

Tutti i camion che entrano a Gaza attraverso un numero limitato di valichi terrestri sono soggetti a severi controlli da parte delle autorità israeliane.

Gruppi per i diritti umani Hanno accusato Israele di impedire e limitare gli aiuti Causando inutili ritardi nel processo di distribuzione.

L’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani ha messo in guardia dalle “restrizioni diffuse” imposte da Israele sugli aiuti che entrano a Gaza Potrebbe equivalere a un crimine di guerra.

Anche il presidente degli Stati Uniti Joe Biden lo ha fatto Critiche a Israele per aver utilizzato gli aiuti come merce di scambio Ha invitato il Paese a consentire maggiori aiuti.

Israele nega di aver bloccato gli aiuti e afferma che l’arretrato è dovuto a problemi di distribuzione con le Nazioni Unite, cosa a cui l’organizzazione si è opposta.

A seguito della crescente pressione internazionale, anche da parte degli Stati Uniti, Israele ha aumentato il numero di camion umanitari autorizzati a passare ogni giorno attraverso i valichi di terra.

Ma lo dice l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi – UNRWA L’importo degli aiuti resta deplorevolmente insufficiente.

“Finora nel mese di aprile, il numero medio di camion che entrano nella Striscia di Gaza attraverso i valichi di Kerem Shalom e Rafah è stato [in the south] “Il numero di camion è di 192 camion al giorno, che è ancora ben al di sotto della capacità operativa di entrambi i valichi di frontiera e dell’obiettivo minimo di 500 camion al giorno”, afferma l’UNRWA.

La situazione è particolarmente grave nel nord di Gaza, dove i camion degli aiuti sono rimasti in gran parte bloccati fino a poche settimane fa.

L’UNRWA ha riferito che nel mese di aprile, Le autorità israeliane hanno rifiutato o ostacolato il 35% delle missioni di aiuto nel nord di Gaza.

Alcune parti del nord non ricevono alcuna assistenza via terra, motivo per cui sono prese di mira dai lanci aerei.

Paesi tra cui Giordania, Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Egitto e altri hanno formato una coalizione per lanciare aiuti a Gaza nelle ultime settimane, con diversi voli programmati ogni settimana.

Ombrelli che cadono nel cielo azzurro
I lanci aerei possono essere pericolosi, soprattutto se i paracadute non funzionano correttamente durante l’atterraggio. ()
Un gruppo di persone si è radunato sulla spiaggia
I palestinesi si riuniscono sulla spiaggia sperando di ricevere del cibo consegnato a Gaza. ()

Ma le missioni sono piene di pericoli.

Israele ha imposto restrizioni di volo all’equipaggio, che di solito scarica il carico da un’altezza di 400 piedi.

Nella Striscia di Gaza non possono scendere sotto i 2.000 piedi, rendendo più difficile garantire che i pacchi raggiungano le aree giuste e non mettano a rischio la vita.

Nelle ultime settimane alcuni lanci hanno deviato dalla loro rotta verso il mare e i palestinesi sono annegati mentre cercavano di raggiungerli.

READ  Il giudice stabilisce che Donald Trump ha frodato banche e compagnie assicurative mentre costruiva un impero immobiliare

Anche l’organizzazione per i diritti umani Save the Children ha descritto i lanci aerei come “teatrali” e ha avvertito che stavano alimentando il caos sul terreno.

Una corsa disperata per qualche lattina di pesce

A Gaza, palestinesi disperati guardano il cielo mentre un aereo gigante vola sopra di loro e i pacchi fluttuano verso di loro.

Corrono, guidano e vanno in bicicletta con entusiasmo per raggiungere il luogo in cui credono che arriveranno gli aiuti.

A volte corrono per chilometri in una fuga caotica.

La gente di Gaza sa quanto poco cibo ci sarà in questa goccia. Se sono troppo lenti, mancheranno.

È un crudele gioco di fortuna.

Mohamed Mohamed si precipita verso il sito e raggiunge l’ultima piattaforma quando rimangono solo pochi oggetti.

“Vengo qui tutti i giorni alle sei del mattino e resto fino alle cinque di sera, sperando di trovare da mangiare”, dice “Oggi sono stato fortunato”.

“Posso scegliere alcune cose per nutrire i miei figli perché non posso comprare nulla”.

Mohammed e altri sul posto descrivono le gocce come un’esperienza umiliante, poiché devono correre per procurarsi il cibo, dicono, come i cani.

Riuscì a procurarsi alcune lattine di sardine, riso a lunga conservazione e pasti a base di pollo, bustine di tè, succo di pomodoro e acqua in bottiglia.

“Ci meritiamo dignità”, dice Mohammed. “La colpa degli israeliani è che siamo venuti a mendicare cibo, a essere umiliati per ottenere cibo”.

“Sono completamente depresso e siamo arrivati ​​a un punto in cui la nostra dignità è in gioco a causa del modo in cui ci trattano”.

Li mette in una borsa bianca e se la porta sulle spalle durante il lungo viaggio di ritorno dalla sua famiglia.

Altri prendono solo quello che possono portare in mano e sulle spalle.

Alcuni palestinesi caricano sacchi di farina e riso sulle biciclette e manovrano il carico attraverso le dune di sabbia.

Nessuno di loro sa quando arriverà il prossimo cibo.

Tutto quello che potevano fare era guardare il cielo e sperare.

La soluzione potrebbe trovarsi sulla costa marittima di Gaza?

Per far fronte alla massiccia carenza di aiuti forniti al nord di Gaza, gli Stati Uniti, in collaborazione con Israele, stanno costruendo un molo navale al largo della costa di Gaza, che consentirebbe la consegna degli aiuti via mare.

Il costo di costruzione del corridoio è stimato a circa 320 milioni di dollari e consentirà ogni giorno a 90 camion carichi di aiuti di entrare nel nord di Gaza.

Si prevede che questo numero raggiungerà alla fine i 150 camion al giorno.

Anche se ciò potrebbe fornire un impulso significativo all’interno di Gaza, gli Stati Uniti riconoscono che la rotta marittima sarebbe meno efficace dell’opzione di aumentare le consegne di camion via terra.

READ  L'olimpionico bielorusso dice che la "punizione" la aspetta a casa | Notizie sui Giochi Olimpici

John Kirby, portavoce della sicurezza nazionale della Casa Bianca, afferma che la piattaforma galleggiante ha i suoi limiti.

“Onestamente, nulla può sostituire le strade e i camion che arrivano”, dice.

Il piano elaborato dalle forze armate Usa e da Israele è dettagliato.

Vista a volo d'uccello di una grande nave nell'acqua
A circa 11 chilometri dalla costa di Gaza è in costruzione un pontile galleggiante per portare aiuti a Gaza. ()

I pallet degli aiuti verranno caricati su navi commerciali a Cipro dopo essere stati sottoposti a ispezione da parte di funzionari israeliani, quindi navigheranno per circa 400 chilometri fino alla piattaforma galleggiante, che è ora in costruzione a circa 11 chilometri al largo della costa di Gaza.

Questo processo potrebbe richiedere fino a due giorni.

All’arrivo i pallet verranno caricati sui camion in attesa sul pontile galleggiante.

Questi camion verranno poi trasferiti su navi più piccole della Marina americana prima di salpare verso un ponte metallico galleggiante a due corsie.

Lì i camion verranno scaricati nuovamente sul ponte lungo 550 metri che l’esercito israeliano collega alla spiaggia.

Vista a volo d'uccello di un piccolo molo nell'acqua
Si ritiene che il ponte si collegherà a questo molo di Gaza, in modo che gli aiuti possano essere trasportati sulla terraferma. ()

Non ci saranno forze americane sul terreno a Gaza.

Si ritiene che il molo sia stato costruito a grande distanza dalla spiaggia per proteggerlo dagli attacchi dei militanti palestinesi.

Alcuni palestinesi vedono la creazione del corridoio marittimo come un modo per trincerare l’esercito israeliano a Gaza.

Non è inoltre chiaro quanto saranno efficaci le consegne via mare nell’affrontare la carestia a causa delle difficoltà nel consegnare il cibo una volta all’interno di Gaza.

Finora sono state consegnate solo due spedizioni marittime di cibo per testare il corridoio marittimo tra Cipro e il nord di Gaza.

Gli operatori umanitari del secondo gruppo, compreso l’australiano Zumi Frankcom, sono stati uccisi dall’esercito israeliano.

“Per noi è un disastro”

Si prevede che la costruzione del molo sarà completata entro pochi giorni, a quel punto probabilmente i lanci di cibo verranno interrotti.

L’equipaggio della RAF sa che il loro contributo è piccolo, ma dicono che è un modo per garantire che un po’ di cibo raggiunga la terra oggi.

Ma inevitabilmente ci saranno molti palestinesi nel nord di Gaza a rimanere esclusi, incluso Issam Nasser, che ha camminato per diversi chilometri in preda alla disperazione.

Descrive una scena caotica in cui le persone si affrettavano per ottenere tutto ciò che potevano.

“Non potevo sopportare nulla”, dice “Era pazzesco qui.”

Ha aggiunto: “È una vergogna per i palestinesi che gli aiuti ci arrivino in un altro modo”.

“È caotico per noi.

“Gli aiuti dovrebbero arrivare alle nostre porte e non in questo modo, perché stiamo rischiando la vita per venire qui”.

Crediti

  • Reporting: Alison Horne e lo staff della ABC a Gaza
  • Fotografia: Haider Jones, Reuters e Maxar Technology
  • Riprese video: Haider Jones, la RAF e l’equipaggio della ABC all’interno di Gaza
  • Produzione digitale: Lee Tonkin e Rebecca Armitage

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto