HomeTop NewsUn tribunale russo ha sequestrato beni per un valore di 463 milioni...

Un tribunale russo ha sequestrato beni per un valore di 463 milioni di euro all’italiana UniCredit

Apri Editor’s Digest gratuitamente

Un tribunale di San Pietroburgo ha sequestrato beni per un valore di 463 milioni di euro appartenenti all’italiana UniCredit, il prestatore europeo con il secondo più grande esposizione verso la Russia, secondo i documenti del tribunale.

Il sequestro è una delle più grandi mosse contro una banca occidentale da quando l’invasione su vasta scala dell’Ucraina da parte di Mosca ha spinto la maggior parte dei finanziatori internazionali a ritirare o congelare le proprie attività in Russia. Ciò avviene dopo che la Banca Centrale Europea ha detto ai finanziatori della zona euro che operano nel paese di accelerare i loro piani di uscita.

Secondo l’ultimo rapporto finanziario della principale filiale russa della banca, l’importo sequestrato equivale a circa il 4,5% del patrimonio di UniCredit nel Paese. I beni congelati comprendono azioni e azioni delle filiali di UniCredit in Russia e fondi.

La mossa di venerdì fa seguito alle affermazioni di Ruskhimalliance, una filiale del colosso russo del petrolio e del gas Gazprom, secondo cui avrebbe il monopolio sulle esportazioni di gasdotto.

La controversia è iniziata nell’agosto 2023 quando Ruskimillions si è rivolta a un tribunale arbitrale di San Pietroburgo per chiedere a UniCredit di pagare una fideiussione bancaria nell’ambito di un contratto con la società di ingegneria tedesca Linde.

Rushkimillions è il gestore di un impianto di trattamento del gas e di impianti di produzione di gas naturale liquefatto a Ust-Luka, vicino a San Pietroburgo. Nel luglio 2021 ha siglato un accordo con Linde per la progettazione, fornitura di attrezzature e realizzazione del complesso. Un anno dopo, Linde ha smesso di lavorare a causa delle sanzioni dell’UE.

READ  Overseas East Coast College Touring Program Sud Africa Italia

I Rushmillions si sono poi rivolti alle banche garanti, che si sono rifiutate di adempiere ai loro obblighi perché “pagare la società russa violerebbe le sanzioni europee”, ha affermato la società in tribunale.

Nell’elenco dei garanti figurano, oltre a UniCredit, Deutsche Bank, Commerzbank, Bayerische Landesbank e Landesbank Baden-Württemberg, contro le quali Ruskhimalliance ha intentato causa presso un tribunale di San Pietroburgo.

L’istituto di credito italiano ha affermato di essere a conoscenza del deposito.

Il ministro degli Esteri italiano ha convocato una riunione lunedì per discutere del sequestro che ha colpito la seconda banca più grande del paese, hanno riferito al Financial Times due persone a conoscenza dei piani.

UniCredit è uno dei maggiori istituti di credito europei in Russia e impiega oltre 3.000 persone nella sua filiale. All’inizio di questo mese la banca italiana ha dichiarato che le sue attività in Russia hanno registrato un utile netto di 213 milioni di euro nel primo trimestre, in aumento rispetto ai 99 milioni di euro di un anno fa.

Ha accantonato più di 800 milioni di euro e ridotto significativamente il suo portafoglio prestiti. L’amministratore delegato Andrea Orsel ha dichiarato questo mese che mentre l’istituto di credito “continua a ridurre i rischi” delle sue operazioni in Russia, uscire completamente dal paese sarebbe complicato.

Mentre le tensioni tra Mosca e l’Occidente continuano a crescere, la Banca Centrale Europea ha chiesto agli istituti di credito della zona euro che operano nel paese piani dettagliati sulle loro strategie di uscita, ha riferito venerdì il FT.

Le sfide legali sulle attività detenute dalle banche occidentali hanno complicato i loro sforzi per districarsi. Il mese scorso, un tribunale russo ha ordinato il sequestro di fondi per oltre 400 milioni di dollari da parte di JPMorgan Chase a seguito di un ricorso legale da parte dell’istituto di credito gestito dal Cremlino VTB. Il tribunale ha successivamente annullato parte del sequestro pianificato, ha riferito Reuters.

READ  Le 10 luce per lettura del 2024: Scopri le Migliori Opzioni
Marcello Jilani
Marcello Jilani
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News