HomescienceUn programma cardiaco inutilizzato può ridurre le riammissioni ospedaliere e ridurre il...

Un programma cardiaco inutilizzato può ridurre le riammissioni ospedaliere e ridurre il rischio di morte

Questo articolo è stato rivisto secondo Science Processo di modifica
E Politiche.
Editori Sono state evidenziate le seguenti caratteristiche garantendo la credibilità del contenuto:

Verifica dei fatti

fonte attendibile

Correzione di bozze

Credito: Pixabay/CC0 dominio pubblico

× Vicino

Credito: Pixabay/CC0 dominio pubblico

Secondo una nuova ricerca della Flinders University, indirizzare le persone a un programma di riabilitazione specialistica dopo un evento cardiaco può ridurre la possibilità di essere riammessi in ospedale e potenzialmente ridurre il rischio di morte, ma sono necessari miglioramenti per garantire che i pazienti possano partecipare.

Mirando a ridurre lo stress psicologico e fisiologico associato alle malattie cardiovascolari, i programmi di riabilitazione cardiaca (CR) combinano supporto, esercizio fisico ed educazione condotta da operatori sanitari nel tentativo di migliorare la salute cardiaca generale dei pazienti.

“Per quanto ne sappiamo, questo studio è l'analisi più ampia e completa dei risultati clinici dei programmi CR, in Australia, fino ad oggi”, afferma l'autore senior dello studio, il professor Robin Clarke della School of Nursing and Health Sciences della Flinders University ed ex direttore del Dipartimento dell'Infermieristica. Rete sanitaria locale di South Adelaide per la ricerca infermieristica e ostetrica.

“Abbiamo scoperto che i programmi CR forniscono benefici significativi nel ridurre i ricoveri ospedalieri e persino i decessi, ma non vengono sfruttati al massimo delle loro potenzialità, con pochissimi pazienti che vengono indirizzati al programma, e di questi pazienti, i tempi di attesa e altre barriere significano che molti non sono in grado di completare il programma per trarne il massimo vantaggio.

pubblicato Nella rivista Cuore, polmone e sistema circolatorioLo studio ha esaminato 84.064 pazienti ricoverati negli ospedali pubblici dell’Australia meridionale tra il 2016 e il 2021 a causa di problemi cardiaci tra cui infarto miocardico (attacco cardiaco), malattie cardiache croniche, battito cardiaco irregolare o impianto di pacemaker.

Un terzo dei partecipanti idonei è stato successivamente indirizzato alla riabilitazione cardiaca e, tra quelli indirizzati, il 36% ha iniziato il programma. Una volta avviato, i tassi di completamento sono stati elevati, con circa il 78% dei pazienti che hanno completato il programma.

“La nostra analisi ha dimostrato che, rispetto a chi non seguiva alcun programma, coloro che lo completavano avevano il 38% in meno di probabilità di morire o di essere ricoverati in ospedale a causa di un problema cardiaco nei successivi 12 mesi, con risultati simili riscontrati per 3 anni dopo”. “Anche il rinvio”, afferma l'autore principale Dr. Allen Piligoli, medico e ricercatore senior presso la School of Nursing and Health Sciences della Flinders University.

“Ricerche precedenti hanno dimostrato i vantaggi della CR e il nostro studio non fa eccezione, ma ciò che abbiamo anche evidenziato è quanto sia realmente sottoutilizzato il programma”, afferma il dott. Pilegoli.

La revisione ha dimostrato che i pazienti di sesso femminile, anziani o con altre patologie come cancro, ictus o obesità avevano meno probabilità di essere indirizzati, mentre la depressione e i lunghi tempi di attesa hanno impedito a molti pazienti di iniziare il programma.

Tuttavia, gli autori hanno scoperto che l’erogazione del programma tramite telemedicina, spesso a chi si trova in aree regionali e remote, era fortemente associata a tassi di completamento più elevati.

“I nostri risultati sottolineano il ruolo fondamentale della riabilitazione cardiaca nel ridurre la mortalità e le nuove ospedalizzazioni cardiovascolari”, afferma il professor Clarke. “Affrontando gli ostacoli alla partecipazione e promuovendo il completamento del programma, possiamo migliorare significativamente gli esiti cardiovascolari nell'Australia meridionale e in tutto il mondo”. “.

“Le iniziative di miglioramento della qualità dovrebbero concentrarsi sul miglioramento del rinvio alla CR o sull’introduzione di un sistema automatizzato, affrontando gli ostacoli alla partecipazione delle donne, migliorando l’accesso ai servizi di telemedicina e riducendo i tempi di attesa al fine di aumentare i tassi di completamento del programma”.

maggiori informazioni:
Allen Piligoli et al., Efficacia clinica e utilizzo della riabilitazione cardiaca post-dimissione: analisi del collegamento dei dati di 84.064 pazienti idonei dimessi dall'ospedale (2016-2021), Cuore, polmone e sistema circolatorio (2024). doi: 10.1016/j.hlc.2024.01.018

READ  Studio: il cambiamento delle nevicate rende la Groenlandia più scura e più calda
Orsina Fiorentini
Orsina Fiorentini
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News