SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Un incidente in un veicolo spaziale russo rimuove la Stazione Spaziale Internazionale dalla sua posizione | notizie spaziali

I controllori di volo hanno ripreso il controllo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) dopo che è stata deragliata da un’unità di ricerca russa appena arrivata.

Funzionari della NASA hanno affermato che l’incidente di giovedì ha visto i getti del modulo multiuso Noka lanciarsi inavvertitamente circa tre ore dopo la collisione con la posizione orbitale, perdendo brevemente il controllo.

È successo mentre i controllori di missione a Mosca stavano eseguendo alcune procedure di “riconfigurazione” dopo l’attracco, secondo la NASA.

Gli aerei dell’unità si sono inspiegabilmente riavviati, facendo deragliare completamente la Stazione Spaziale Internazionale dalla sua solita posizione di volo a 400 chilometri (250 miglia) sopra la Terra. In risposta, il direttore di volo della missione ha dichiarato una “emergenza spaziale”, hanno detto i funzionari della NASA.

Ma i sette membri dell’equipaggio a bordo dell’aereo – due cosmonauti russi, tre cosmonauti della NASA, un astronauta giapponese e un astronauta dell’ESA dalla Francia – non sono mai stati in pericolo immediato, secondo la NASA.

‘tiro alla fune’

Joel Montalbano, responsabile del programma della stazione spaziale della NASA, ha detto ai giornalisti che l’inaspettata deriva nella direzione della stazione è stata rilevata per la prima volta da sensori di terra automatizzati, seguita 15 minuti dopo da una “perdita di controllo dell’assetto” che è durata poco più di 45 minuti.

Funzionari della NASA hanno affermato che le squadre di volo a terra sono state in grado di ripristinare l’orientamento della Stazione Spaziale Internazionale attivando i propulsori su un altro modulo della piattaforma orbitale.

Nella sua copertura radiofonica dell’incidente, la Russian News Agency (RIA) ha citato gli specialisti della NASA al Johnson Space Center di Houston, in Texas, descrivendo la lotta per riprendere il controllo della stazione spaziale come un “tiro alla fune” tra le due unità.

READ  Arresto di Canberra Covid-19: ACT segnala 18 nuovi casi

Determinare la posizione della stazione è fondamentale per ottenere energia dai pannelli solari e dalle comunicazioni.

Al culmine dell’incidente, ha detto Montalbano, la ISS era fuori allineamento a una velocità di mezzo grado al secondo.

I motori della Nauka alla fine si sono spenti e la stazione spaziale si è stabilizzata ed è tornata al punto di partenza.

Montalbano ha detto che il contatto con l’equipaggio è stato perso per diversi minuti due volte durante l’interruzione, ma che quelli a bordo “non hanno avvertito alcun movimento”.

Se la situazione fosse diventata così pericolosa da richiedere l’evacuazione, l’equipaggio sarebbe potuto fuggire in una capsula dell’equipaggio SpaceX ancora parcheggiata nell’avamposto e progettata per fungere da “scialuppa di salvataggio” se necessario, ha affermato Steve Stitch, responsabile dell’equipaggio commerciale della NASA. un programma.

Montalbano ha detto che non ci sono indicazioni immediate di danni alla stazione spaziale dopo l’incidente. Le manovre di correzione del volo hanno consumato più riserve di spinta di quanto desiderato, “ma niente di cui mi preoccuperei”, ha detto.

serie di scappatoie

Funzionari della NASA hanno affermato che la causa del guasto dei propulsori sul modulo Nauka, lanciato dall’agenzia spaziale russa Roscosmos, non è stata ancora determinata.

Ma Roscosmos ha attribuito il problema post-attracco giovedì ai motori Nauka che hanno dovuto funzionare con il carburante rimanente del veicolo, ha riferito l’agenzia di stampa TASS.

Dopo essere stata lanciata la scorsa settimana dal cosmodromo di Baikonur in Kazakistan, l’unità Nauka da 22 tonnellate, che prende il nome dalla parola russa per “bandiera”, è stata colpita da una serie di scappatoie che hanno sollevato dubbi sul corretto svolgimento della procedura di attracco.

READ  Quanto velocemente ruota la terra intorno al sole e su se stessa?

La sua uscita era stata precedentemente ripetutamente ritardata a causa di problemi tecnici inizialmente previsti per il 2007.

Il modulo Nauka è progettato per fungere da laboratorio di ricerca, deposito e tenuta pneumatica che potenzia le capacità della Russia a bordo della Stazione Spaziale Internazionale.

È la prima nuova cabina per la parte russa della stazione dal 2010. Lunedì, una delle vecchie unità russe, la passeggiata spaziale, è stata staccata dalla stazione spaziale per fare spazio al nuovo laboratorio.

Nauka richiederà diverse manovre, tra cui ben 11 passeggiate spaziali a partire dai primi di settembre, per prepararla all’operazione.

Il problema tecnico ha spinto la NASA a posticipare il lancio pianificato della nuova capsula Boeing CST-100 Starliner almeno fino al 3 agosto su un volo di prova senza equipaggio verso la stazione spaziale.

Lo Starliner doveva decollare in cima a un razzo Atlas 5 venerdì dal Kennedy Space Center in Florida.