SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Un giudice italiano ordina il processo a quattro ufficiali egiziani per l’omicidio di Regeni

Martedì, un giudice italiano ha ordinato il processo a quattro alti membri dei servizi di sicurezza egiziani, sospettati del loro ruolo nella scomparsa e nell’omicidio dello studente Giulio Regeni al Cairo nel 2016.

Regeni, uno studente laureato presso l’Università di Cambridge, è scomparso nella capitale egiziana nel gennaio 2016. Il suo corpo è stato ritrovato quasi una settimana dopo e un’autopsia ha dimostrato che era stato torturato prima della sua morte.

I pubblici ministeri italiani affermano che le loro indagini hanno mostrato che quattro funzionari egiziani erano responsabili del “rapimento aggravato” di Regeni, mentre uno dei quattro era coinvolto in “un complotto per commettere un omicidio aggravato”.

Il giudice Pierluigi Palestrere, che ha presieduto un’udienza preliminare, ha detto che c’erano prove sufficienti per accusare gli uomini e ha ordinato che il processo iniziasse il 14 ottobre.

Non ci sono stati commenti immediati dall’Egitto. La polizia e gli ufficiali egiziani hanno ripetutamente negato qualsiasi coinvolgimento nella scomparsa e nell’omicidio di Regeni. Leggi di più

I pubblici ministeri italiani ed egiziani hanno indagato insieme sul caso, ma in seguito le due parti si sono discostate e hanno raggiunto conclusioni completamente diverse.

I nomi dei quattro imputati sono stati citati negli atti del tribunale a nome del maggiore Magdi Sharif dei servizi segreti generali. Il maggiore generale Tariq Sabre, ex capo dell’Agenzia per la sicurezza dello Stato. Il colonnello della polizia Hisham Helmy. Il colonnello Atheer Kamal è un ex capo delle indagini nel comune del Cairo.

Sharif è stato l’unico dei quattro ad affrontare un omicidio premeditato.

Il diritto alla verità

Fonti giudiziarie italiane hanno affermato che le loro controparti egiziane non hanno fornito gli indirizzi dei quattro funzionari e nessuno di loro dovrebbe assistere al processo.

READ  Perché i partenariati pubblico-privato sono importanti per la crescita verde | nuovi tempi

Martedì gli avvocati della difesa nominati dal tribunale hanno sostenuto che il caso non avrebbe dovuto andare avanti poiché non era certo che nessuno dei sospettati fosse a conoscenza del procedimento.

Il giudice ha ribaltato l’obiezione, dicendo che la notizia dell’indagine sarebbe arrivata a loro a prescindere.

L’avvocato della famiglia ha detto che i genitori di Regeni erano in aula martedì e hanno accolto con favore la decisione del giudice.

“Ci auguriamo che Julio non venga privato almeno del suo diritto di conoscere la verità. È stato privato di tutti gli altri diritti”, ha detto ai giornalisti Alessandra Ballerini.

Regeni era al Cairo per condurre una ricerca sui sindacati indipendenti in Egitto per la sua tesi di dottorato. I colleghi dicono che era anche interessato al dominio dello stato e dei militari sull’economia egiziana. Entrambe le questioni sono delicate in Egitto.

I pubblici ministeri affermano di avere prove che dimostrano che Sharif ha convinto gli informatori a seguire Regeni e alla fine è stato arrestato. L’atto di accusa afferma che Sharif e altri funzionari egiziani non identificati hanno poi torturato Regeni per un periodo di diversi giorni, provocandogli “gravi sofferenze fisiche”.

Fornendo i dettagli dell’autopsia, i pubblici ministeri hanno detto che i denti di Regeni erano rotti, mentre ha anche riportato fratture multiple alle spalle, al polso, alle mani e ai piedi. Alla fine è stato ucciso da un colpo al collo.

I nostri criteri: Thomson Reuters Trust Principles.