Thomas è pronto a ripagare la fiducia di Johnson nell’Italia

Il capitano degli Stati Uniti Zach Johnson non ha avuto ripensamenti sull’usare una delle sue sei scelte jolly su Thomas, in un crollo così grave che non è riuscito a raggiungere la postseason del PGA Tour per la prima volta nella sua carriera.

Nemmeno i sei qualificati automaticamente o i vice-capitani hanno avuto voce in capitolo nella selezione.

Thomas è stato una scintilla emotiva nelle sue due apparizioni alla Ryder Cup con un record di 6-2-1 in Francia e Wisconsin, e dice di avere la memoria corta quando si tratta di critiche.

“Certamente non conservo le ricevute”, ha detto.

“Non credo che ci sia alcun vantaggio. Quando si tratta di cose online, tutti hanno un’opinione, la loro opinione è giusta e quella di tutti gli altri è sbagliata… Questo è ciò che contava per me. Zach e i vice-capitani e sei altri ragazzi mi volevano in squadra…

“Sono stato al suo fianco per queste Ryder Cup e sta giocando a golf meglio di lui.” – Jordan Spieth.

“Siamo tutti uno, il nostro compito è solo andare là fuori e cercare di guadagnare punti.”

Martedì è stata la prima giornata intera di prove, con gli americani che partivano dalle ultime nove posizioni con Marco Simone e gli europei in testa, entrambi affrontando una dura camminata su colline e valli in un clima più caldo del solito.

Quindi, cosa rende Thomas così bravo in questo ambiente di squadra? Il suo record è di 16-5-3 mentre è inclusa la Presidents Cup, con molta meno intensità e concentrazione.

“Riesce a mettere la palla in buca più velocemente degli altri ragazzi, ecco perché qui vinci i tornei, ecco perché giochi bene a golf”, ha detto il compagno di squadra Jordan Spieth.

READ  Il fuoriclasse italiano "ha lasciato la squadra dopo aver rotto il naso a un compagno di squadra" e si è scusato

“Gli piace farlo, per gonfiare il pubblico di casa, per calmarlo, per turbarlo. E forse questo gli ha procurato un po’ di attenzione in più.

“Sono stato al suo fianco per queste Ryder Cup e sta giocando a golf meglio di lui.”

Thomas è stato messo da parte per sei settimane dopo che i primi 70 della FedExCup non sono riusciti ad avanzare alla postseason. È tornato due settimane fa al Campionato Fortinet e si è classificato quinto. Altrettanto prezioso è stato il viaggio scouting a Roma, non solo per vedere il campo ma per sentirsi veramente uno dei 12.

E tutti e 12 stanno cercando di porre fine a una serie di sconfitte che risale al 1993, quando nacquero Spieth e Thomas e cinque americani della squadra se ne andarono di casa prima che nascessero.

“Non è qualcosa che ci interessa davvero, a dire il vero”, ha aggiunto Spieth.

“La maggior parte dei ragazzi non fa parte di nessuna squadra perdente. Io ero in un paio di queste, ma mi sentivo come se avessi giocato un buon golf. Puoi solo provare ad avere un record di vittorie.”

©GolfAustralia. Tutti i diritti riservati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto