SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Swap and Go: camion elettrici per viaggiare tra Sydney e Brisbane utilizzando batterie intercambiabili | Trasporti

Una società australiana sta progettando di pilotare camion elettrici con batterie intercambiabili che consentano viaggi quasi senza sosta per i veicoli pesanti tra Sydney e Brisbane.

Sviluppato da Janus Electric, le batterie possono essere sostituite in tre minuti, eliminando la necessità di collegare i camion e caricarli fino a 12 ore.

Secondo quanto riferito, la carica media della batteria sarà compresa tra 400 e 600 chilometri, con i conducenti che dovranno solo fermarsi alle stazioni di ricarica e cambio situate lungo la strada di prova iniziale tra Brisbane e Sydney.

Le stazioni saranno posizionate strategicamente, in concomitanza con le pause obbligatorie per i conducenti, tra cui Hemmant a Brisbane, Taree e Coffs Harbour sulla Pacific Highway e Prestons a Sydney.

Lex Forsyth, direttore generale, Janus Electric, ha spiegato che il processo non è stato così complicato come sembrava.

“Quello che siamo stati in grado di fare è creare un fattore di forma della batteria standard che possa adattarsi al 90% dei camion. Puoi paragonare il modello a una bombola del gas intercambiabile e funzionante. Non preoccuparti della bombola del gas che ottieni, fintanto che tu ottenere 9 kg di gas. È così che abbiamo progettato il sistema “.

“Effettuando la conversione su camion esistenti, non è così difficile come tutti pensano perché tutto è prodotto secondo gli standard. Quindi ci sono punti in comune tra i camion”.

“È straordinariamente semplice, ma si tratta di essere in grado di portare la migliore tecnologia in un unico posto”.

Forsyth ha detto che Janus Electric ha sviluppato un processo di sostituzione della batteria semplice e veloce.

“Il camion si muove in una stazione di cambio e ricarica, e ci sono batterie già sullo scaffale, dove vengono caricate o caricate, e il nostro sistema software è dietro a questo, assicurando che ci siano sempre batterie lì per cambiare”.

Forsyth dice che ogni conversione costerebbe all’incirca $ 85.000 per l’auto, ma gli operatori della flotta otterrebbero in cambio il vecchio motore diesel, che secondo lui potrebbe portare fino a $ 15-25.000 nel mercato dell’usato.

Sebbene le batterie da 600 kWh costeranno circa $ 110.000, la società le affitterà invece agli operatori di camion per $ 110 per un uso una tantum o $ 140 per 24 ore.

Si credeva che gli utenti potessero rompere anche dopo un solo anno, considerando i risparmi sulla manutenzione e sulla vendita del motore.

I processi di conversione di solito richiedono circa una settimana e verranno eseguiti su camion già programmati per la ricostruzione del motore, che spesso avviene ogni cinque anni.

“Di solito è il motore diesel che è consumato, non il resto del camion”, ha detto. “Quindi, invece di spendere soldi per la ricostruzione, possono convertire i loro camion”.

Forsyth ritiene che il passaggio a batterie intercambiabili potrebbe avere un impatto enorme sul settore, a partire dall’allentamento della dipendenza dai prezzi del petrolio.

“Possiamo davvero iniziare a dare al settore un costo energetico fisso. Non c’è esposizione al mercato del petrolio. La maggior parte delle aziende addebita commissioni aggiuntive sul carburante che viene trasferito ai clienti, ma possiamo stabilire il costo per gli operatori della flotta”.

Ha anche affermato che anche i costi di manutenzione, uno dei più grandi per gli operatori di flotte, sarebbero ridotti grazie all’introduzione di batterie sostituibili.

“Il motore principale di solito ti costa dai 7,5 agli 8 centesimi / km e il motore più vecchio che stai cercando ha una manutenzione superiore a 14 centesimi / km. Ma lo ridurremo a 3 centesimi / km”.

Forsyth ha sottolineato quanto il cambiamento sarebbe vantaggioso anche per i conducenti, poiché i motori funzionano in modo più silenzioso rispetto ai motori diesel convenzionali.

“È solo un camion più silenzioso ed efficiente da guidare”: Lex Forsyth di Janus Electric con la sua batteria intercambiabile progettata per veicoli pesanti.

“L’effetto sulla stanchezza del conducente è notevole, perché abbiamo rimosso le vibrazioni, i fumi e il rumore dal camion. Sono diventati più simili a macchine da guidare”.

“È solo un camion più silenzioso ed efficiente da guidare.”

Ha detto che era fiducioso che l’industria avrebbe consumato batterie, dicendo che molti stavano ora pensando alla loro impronta di carbonio.

“I clienti ora stanno decisamente valutando la loro impronta di carbonio e non vedono l’ora di scoprire come diventare cittadini aziendali migliori.

“I numeri economici sono molto logici per l’operatore della flotta per apportare il cambiamento, perché il nostro equilibrio del cambiamento sono i prezzi del petrolio, e crediamo che con l’avanzamento degli obiettivi di carboidrati netti zero vedremo un assorbimento significativo”.

Truck Transport Association of Australia (ATA) Trasporti Il consulente per le infrastrutture e le infrastrutture Sam Marks ha affermato che l’approccio innovativo all’autotrasporto era il benvenuto, ma che doveva essere accompagnato da un lavoro aggiuntivo da parte del governo.

ATA accoglie con favore l’innovazione australiana per promuovere il trasporto su strada a zero e basse emissioni, ad esempio attraverso il continuo sviluppo di batterie intercambiabili.

“L’applicazione di questa tecnologia dipenderà dalle prove proposte, dalle esigenze commerciali delle singole società di autotrasporti e dai requisiti dei produttori di veicoli”.

In una dichiarazione, ATA ha affermato di ritenere che l’accesso a nuovi modelli di camion, il passaggio alla produzione di massa e modelli più competitivi in ​​termini di costi saranno essenziali per la transizione verso tecnologie a zero e basse emissioni.

“Questa transizione deve includere camion elettrici e a idrogeno forniti da produttori d’oltremare. I governi devono affrontare le regole di progettazione dei veicoli, la disponibilità di infrastrutture di ricarica e rifornimento e la necessità di un incentivo all’acquisto temporaneo per accelerare l’introduzione di veicoli pesanti a basse emissioni. nel mercato australiano. “.

Bahyad Jafari, presidente dell’Electric Vehicles Council, ha affermato che l’esperienza del camion riflette il desiderio dell’industria dei camion di trovare soluzioni alla sua impronta di carbonio.

“Certamente nel settore degli autotrasporti, vedo molto entusiasmo da parte degli operatori logistici e dei loro clienti per la decarbonizzazione, riconoscendo che hanno un ruolo da svolgere nell’affrontare i nostri sforzi di decarbonizzazione, oltre a riconoscere i vantaggi delle nuove tecnologie”.

“Questo è assolutamente tipico dell’ingegnosità australiana in questa transizione globale verso l’elettrificazione, e vediamo aziende australiane all’avanguardia nell’innovazione e nelle soluzioni”.

Al-Jaafari ha avvertito che ci saranno alcune barriere e ostacoli che devono essere superati prima di adottare la tecnologia su scala più ampia, ma ha espresso speranza per i risultati.

“Vediamo più operatori del settore degli autotrasporti che sviluppano e producono più camion elettrici, ma come per tutto il resto, quando vengono introdotte nuove tecnologie, c’è poco da imparare”.

“Queste grandi barriere includono ciò che la tecnologia può davvero fare, così come più barriere culturali, il tempo di cui le aziende hanno bisogno per esplorare e comprendere i vantaggi del passaggio ai camion elettrici”.

Una delle sfide speciali su cui Jafari si è concentrato era il costo, affermando che era imperativo che la riduzione a lungo termine dei costi operativi compensasse le spese iniziali.

“Di solito vi ritroverete con costi iniziali più elevati e costi operativi inferiori, il che significa che a lungo termine sarà più economico gestire una rete di trasmissione elettrica pesante”.

“Se i loro concorrenti all’estero sono in grado di passare alle auto elettriche e ridurre significativamente i loro costi operativi, e non possono farlo qui, sarà un peso per loro”.

“E, naturalmente, quando lo fai, riduci le emissioni da una fonte di emissioni molto grande”.

Il prossimo passo, ha detto Forsyth, è continuare a testare i veicoli e spera di avere cinque veicoli nel programma pilota entro novembre.

Janus Electric riceverà ordini di trasferimento dopo il Brisbane Truck Show, sperando di dimostrare la tecnologia.

In cinque anni, sperano di avere più di 1.000 camion nel loro sistema.

READ  Avviso di criptovaluta come l'aumento dei prezzi dei Dogecoin di SNL