SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Stazione sanitaria internazionale di Guangzhou: le foto della struttura di quarantena rivelano il piano Covid della Cina

Nuove incredibili immagini mostrano l’enorme portata dell’ambiziosa strategia di quarantena della Cina, con una struttura tentacolare che può contenere migliaia di persone.

Una nuova struttura di quarantena di 5.000 stanze che verrà aperta entro pochi giorni ha messo in luce l’ossessione della Cina per l’accesso al Covid-zero.

La Guangzhou International Health Station, situata nel sud della Cina, è stata costruita in soli tre mesi, con un costo di 260 milioni di dollari (361 milioni di dollari).

Lo scopo dell’enorme struttura è ospitare i viaggiatori in arrivo, sia che tornino cittadini cinesi o visitatori dall’estero, durante la quarantena nel tentativo di arginare la diffusione del virus, che ha avuto origine a Wuhan alla fine del 2019.

L’impianto di 250.000 metri quadrati è progettato per sostituire gli hotel di quarantena in aree densamente popolate e sarà la prima stazione sanitaria internazionale della Cina.

Tuttavia, gli esperti ritengono che Pechino abbia intenzione di costruire di più in futuro poiché le autorità adottano misure rigorose per debellare il virus.

La vita in isolamento

L’imponente centro ospita innumerevoli file di edifici alti tre piani e quasi 200 dipendenti sono già a terra prima dell’arrivo dei primi arrivi.

Quando il primo passeggero diretto alla struttura atterra, verrà prelevato dall’aeroporto in autobus.

Dovrebbero rimanere nelle loro stanze per almeno due settimane.

Nonostante al centro ci sia un gruppo di lavoratori, è stato fatto ogni sforzo per ridurre i contatti tra loro e gli ospiti potenzialmente infetti, per limitare la diffusione del virus. COVID-19.

Tre pasti al giorno saranno consegnati alle stanze degli ospiti da robot e la loro temperatura sarà controllata da una tecnologia intelligente, non da esseri umani.

READ  Donald Trump intende nominare sua figlia Ivanka a capo della Banca mondiale

Gli ospiti potranno inoltre effettuare il check-in e il check-out utilizzando esclusivamente la tecnologia e avranno accesso a una videocamera per chattare.

‘Intolleranza’

Secondo Lian Zhonghuang, senior fellow per la salute globale presso il Council on Foreign Relations, la struttura è leader mondiale.

“È probabilmente il centro di quarantena più moderno del mondo, se si vuole – ad alta tecnologia, molto sofisticato”, ha detto. CNN.

“Questa non è solo una misura temporanea. (I leader) credono che questa epidemia richiederà del tempo per finire e che la Cina continuerà questo rigoroso controllo dei suoi confini.

“Strutture come questa servono come un modo per istituzionalizzare la strategia di tolleranza zero”.

Regole severe

Quando il piano è stato annunciato per la prima volta a giugno, il principale epidemiologo cinese Zhong Nanshan ha affermato in una dichiarazione che era necessario proteggere la popolazione e l’economia in generale.

Ha detto che Guangzhou riceve fino al 90% dei visitatori internazionali della Cina, il che significa che è la città più pericolosa del paese quando si tratta di un potenziale focolaio di Covid-19.

“Ci saranno 5.000 luoghi isolati e le persone saranno isolate secondo regole rigide per assicurarsi che non si infettino a vicenda”, ha detto.

“A lungo termine, Guangzhou e Shenzhen devono costruire questo tipo di strutture.

“Altrimenti quando ci saranno molti casi in futuro e dovremo isolarli negli hotel, influenzerà l’economia e non possiamo isolarli nel vero senso della parola”.

Secondo Reuters, il tasso di vaccinazione nazionale contro il Covid in Cina era di poco inferiore al 70% all’inizio di settembre.

Il paese ha registrato un picco di casi nelle ultime settimane, poiché le nuove infezioni nella provincia del Fujian, nel sud-est della Cina, sono raddoppiate a metà settembre.

READ  Gli Stati Uniti approvano le potenziali vendite del sistema obice a Taiwan | notizie dalla Cina

Mesi prima, a maggio, una variante del delta aveva causato il caos nella provincia meridionale del Guangdong, di cui Guangzhou è la capitale.

Sebbene questo focolaio allarmante sia stato contenuto entro giugno, ha fatto scattare campanelli d’allarme tra le autorità, che hanno deciso che sarebbero state prese misure più severe per prevenire future esplosioni.

Leggi argomenti correlati:Cina