Sophie Turner non sapeva se voleva diventare madre prima di avere figli

  • Sophie Turner ha condiviso il suo viaggio verso la maternità in una nuova intervista.
  • IL Game of Thrones L’ex co-protagonista Joe Jonas ha chiesto: “Cosa pensi che dovremmo fare?” Quando gli disse che era incinta.
  • Chiama le sue figlie, Willa, 3, e Delphine, 1, “assoluto sole”.

Quando Sophie Turner scoprì di essere incinta della sua prima figlia a 24 anni, non era ancora pronta per avere un bambino. Game of Thrones Lo ha rivelato la star in una nuova intervista.

Mercoledì, Vogue britannico Ha pubblicato un’intervista con Sophie, 28, chi Ha parlato del suo viaggio con la maternità, incluso come si è sentita quando ha scoperto di essere incinta di sua figlia di tre anni, Willa, mentre era in un resort a Bali.

“Era il mio primo giorno lì e incontravo la mia compagna di stanza per la prima volta. Prima di metterci a chiacchierare, le ho detto che dovevo solo andare a fare un test di gravidanza”, ha detto. “Ho fatto il test e ho detto: ‘Sono incinta. Piacere di conoscerti!’

Quando è tornata a casa dal suo viaggio, ha spiegato cosa provava per la gravidanza al marito ormai separato, Joe Jonas. “Ricordo di avergli fatto un test di gravidanza e di avergli detto: ‘Cosa pensi che dovremmo fare? Pensi che dovremmo fare questo?'”, ha detto. “A quel punto, non sapevo davvero se volevo diventare madre.”

Discutere della gravidanza con Joe ha portato a un cambiamento di opinione. “Sapevo che dovevo averla”, ha detto, aggiungendo che diventare madre è stata “la cosa migliore per il mio rapporto con il mio corpo” dopo aver lottato con un disturbo alimentare.

READ  Cody Simpson, Olympic Swimming Hopes, Amazon Head Over Water, Teaser, Ian Thorpe

“Essendo una ragazza, soprattutto una cresciuta sotto i riflettori, ti giudichi davvero”, ha spiegato.

A causa della sua bulimia, il suo viso spesso si gonfiava. (Un disturbo alimentare può causare gonfiore delle ghiandole salivari Novità mediche oggi.) “Così, quando finalmente sono migliorata quando avevo vent’anni, la mia faccia è tornata alla normalità”, ha detto. “Poi, all’improvviso, tutti i commenti riguardavano se avessi rimosso o meno il grasso buccale.”

Sophie attribuisce alla “terapia espositiva” il merito di averla aiutata a riprendersi dal suo disturbo alimentare. “So che quando sono in un cattivo stato di spazio mentale, il mangiare diventa sempre più intenso. Ma ora lo regolo sedendomi in uno stato di disagio e abituandomi a quella sensazione di pienezza”, ha detto. “È tutta una terapia espositiva.”

IL X-Men una stella È anche una grande sostenitrice della terapia e in passato ha assunto farmaci per aiutare a gestire l’ansia e la depressione. Ha anche chiamato un terapista per un aiuto a tempo pieno, che “si sarebbe assicurato che non stessi facendo nulla di malsano con le mie abitudini alimentari”, ha detto. IL Regno Unito. Ciò l’ha aiutata ad apprendere meccanismi di coping sani. “So cosa devo fare per mettermi in un buono stato di vuoto. Non è debilitante: so come uscirne.”

Dopo il parto, la terapista di Sophie le ha chiesto come si sentiva riguardo al suo corpo e lei ha risposto: “Mi esce latte dal seno e sanguina da un mese”.

La risposta del terapeuta l’ha aiutata a riformulare il suo pensiero. “Mi ha ricordato quanto sia sorprendente che i nostri corpi possano fare questo”, ricorda Sophie. “Sembra così semplice, ma non ho mai pensato al mio corpo in questo modo prima d’ora.”

READ  Gucci e JD.com annunciano una partnership digitale e il lancio del flagship store ufficiale Gucci

Sophie e Joe hanno dato il benvenuto a Willa nel luglio 2020 e alla loro seconda figlia, Delphine, nel luglio 2022. Ha detto che crescere le sue due figlie insieme è stato un “vero miracolo solo vederle crescere davanti ai tuoi occhi”.

“Tutto cambia così rapidamente”, aggiunge. “Sono così divertenti, ragazze complete e il sole assoluto nella mia vita.”

Sydney è una scrittrice freelance di bellezza, stile di vita e benessere. Ha scritto per numerose pubblicazioni nel corso della sua carriera, tra cui InStyle, Architectural Digest, Glamour ed Elle, oltre a scrivere testi per numerosi marchi di bellezza e benessere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto