SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Singapore inizia a vaccinare gli studenti per sedare le epidemie di COVID-19 mentre nuove varianti causano il caos altrove in Asia

Singapore si sta muovendo per vaccinare gli studenti contro COVID-19 dopo una serie di infezioni nelle scuole e nei centri di apprendimento.

La città-stato è tra i primi paesi al mondo a introdurre i vaccini negli adolescenti prima che la vaccinazione degli adulti sia completata.

Ciò avviene in un momento in cui il forte aumento dei casi di coronavirus attribuiti a nuove varianti in altri paesi del sud-est asiatico ha portato a nuove restrizioni, chiusure di fabbriche e tentativi di espandere rapidamente i programmi di vaccinazione in tutta la regione.

Solo la ricca Singapore ha tassi di vaccinazione simili a quelli dei paesi occidentali, con oltre il 36% che riceve almeno un’iniezione, ma l’emergere di casi di nuove varianti ha portato anche a un nuovo blocco il mese scorso.

Il primo ministro Lee Hsien Loong ha affermato lunedì che gli sforzi per frenare l’infezione da coronavirus stanno funzionando.

Di conseguenza, ha detto, il divieto di mangiare all’aperto e le severe restrizioni agli incontri sociali dopo il 13 giugno saranno allentati.

“Con l’eccezione di un altro super-editore o di un grande gruppo, dobbiamo essere sulla buona strada per controllare questo focolaio”, ha detto Lee.

Le persone di età superiore ai 70 anni che indossano maschere si siedono distese sulle sedie.
Le persone aspettano in un’area di controllo dopo essere state vaccinate in un centro di Singapore.(

Reuters: Edgar Sue

)

Il governo ha imposto controlli più severi a maggio dopo aver collegato dozzine di casi locali con il Coronavirus a centri commerciali, ospedali e aeroporto.

Non ce n’era quasi nessuno all’inizio dell’anno.

Quasi tre quarti dei 760.000 anziani di Singapore hanno ricevuto almeno una dose del vaccino o hanno prenotato gli appuntamenti.

Le istantanee, fornite a coloro che hanno superato i 40 anni, sono ora estese agli studenti di età superiore ai 12 anni da oggi.

Il signor Lee ha detto che le autorità sanitarie avrebbero approfittato delle vacanze scolastiche di giugno per vaccinare gli studenti.

“Dopo gli studenti, vaccineremo l’ultimo gruppo rimasto, che ha 39 anni o meno”, ha detto.

Le nuove varianti provocano il caos

Nel frattempo, il numero di nuovi casi quotidiani di COVID-19 in Malesia è aumentato oltre l’India su base pro capite, mentre i casi totali in Tailandia, Vietnam, Cambogia, Laos e Timor orientale sono più che raddoppiati il ​​mese scorso.

Il bilancio delle vittime in Thailandia si è moltiplicato di dieci volte in due mesi – sebbene poco più di mille, è ancora basso per gli standard globali.

Spazio per riprodurre o mettere in pausa, M per disattivare l’audio, Frecce sinistra e destra per cercare, Frecce su e giù per il volume.

Riproduci video.  Durata: 2 minuti e 23 secondi

L’epidemia in Thailandia ha messo a dura prova il sistema sanitario e ha creato confusione su come sottoporsi ai test.

In aggiunta alle preoccupazioni, i funzionari vietnamiti hanno rivelato durante il fine settimana la scoperta di un lotto “molto pericoloso” di varianti del COVID-19 indiano e britannico che si stanno rapidamente diffondendo nell’aria.

Alexander Matthew, direttore della regione Asia-Pacifico presso la Federazione internazionale delle società della Croce Rossa e della Mezzaluna Rossa, ha detto a Reuters che i tassi di infezione da COVID-19 sono molto allarmanti nei paesi del sud-est asiatico.

Venerdì, le Filippine hanno registrato il più alto numero di infezioni giornaliere in quattro settimane.

La media dei nuovi casi in Indonesia per sette giorni ha raggiunto i livelli più alti in più di due mesi domenica.

È stato anche segnalato un aumento dei casi vicino al confine del Myanmar con l’India, sollevando preoccupazioni per il sistema sanitario che è crollato dal colpo di stato del 1 ° febbraio.

In assenza di vaccini, il contenimento è la priorità.

Il Vietnam ha schiacciato le ondate precedenti – il paese di 98 milioni di persone soffre ancora meno di 50 morti – ma lunedì sono iniziate nuove misure di allontanamento nel centro commerciale di Ho Chin Minh.

Fonti del settore nel nord del paese hanno affermato che le fabbriche che riforniscono società tecnologiche globali come Apple e Samsung stanno funzionando al di sotto della capacità a causa dello scoppio.

Le persone che indossano dispositivi di protezione individuale completi stanno per strada mentre un uomo seduto su una sedia di plastica viene testato per il coronavirus.
La Thailandia, che ha tenuto il coronavirus in gran parte sotto controllo per la maggior parte dell’anno, è sfidata da una massiccia epidemia di virus tra i lavoratori migranti.(

AP: Khaleda Ekvitthayavechnukul

)

La più grande azienda agricola della Thailandia, Charoen Pokphand Foods, ha chiuso un impianto di pollame per cinque giorni dopo che i lavoratori sono risultati positivi al COVID-19. Migliaia di casi sono stati trovati in fabbriche, cantieri e carceri.

Poiché la Malesia ha ordinato un “arresto completo” da oggi per arginare la diffusione, i funzionari hanno affermato che alcune fabbriche potrebbero continuare a funzionare a capacità ridotta.

Le autorità sanitarie stanno anche monitorando da vicino qualsiasi recrudescenza in Indonesia e Filippine, i due paesi più popolosi della regione, duramente colpiti dalla pandemia dello scorso anno.

Tassi di vaccinazione lenti

La Malesia ha cercato di intensificare la sua campagna di vaccinazione, ma meno del 6% delle persone ha ricevuto almeno una dose del vaccino – appena la metà di quella in India.

Alcuni paesi del sud-est asiatico hanno posto meno enfasi sull’acquisto di vaccini dai paesi occidentali o semplicemente non possono permetterseli e l’accesso è ora limitato.

“Con una porzione più piccola della popolazione protetta dalla vaccinazione, la stragrande maggioranza della popolazione rimane vulnerabile”, ha detto Teo Yeik Ying, decano della Su Soi Hook School of Public Health presso l’Università Nazionale di Singapore.

A nord, la Cina e Taiwan si sono scambiate più accuse lunedì sui vaccini COVID-19, con Pechino che ha affermato che non dovrebbe essere uno strumento politico mentre il partito al governo di Taiwan ha affermato che la Cina è la “mano nera” che le impedisce di accedere ai vaccini a livello internazionale.

I due hanno combattuto più e più volte dall’inizio della pandemia, su tutto, dalla trasparenza della Cina sulla diffusione del virus alla mancanza di pieno accesso di Taiwan all’Organizzazione mondiale della sanità, che ha esacerbato un rapporto già pessimo.

ABC / filo

READ  L'incendio della Table Mountain si diffonde a macchia d'olio all'Università di Città del Capo, costringendo gli studenti a evacuare