SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Shirley Contreras: i prigionieri di guerra tedeschi e italiani chiamarono la regione la loro casa durante la seconda guerra mondiale | notizie locali

Quando gli eserciti alleati si diffusero in Africa e in Europa nel 1943, centinaia di migliaia di prigionieri di guerra tedeschi e italiani furono catturati e collocati nei campi di concentramento locali dietro le linee di battaglia stabilite in Nord Africa.

Dato che la durata della guerra era sconosciuta, si doveva fare di più con i prigionieri. Non è stato possibile ospitarli e nutrirli tutti nella zona in cui sono stati catturati.

Il governo degli Stati Uniti ha deciso di trasferire i suoi prigionieri in un sistema di campi sviluppato negli Stati Uniti. La logica era che le navi Liberty che portavano rifornimenti in Europa stavano tornando negli Stati Uniti vuote, quindi perché non prendere prigionieri di guerra con loro? Potevano essere ospitati e nutriti negli Stati Uniti dove c’era abbondanza di cibo e riparo piuttosto che dover trasferire loro risorse su navi in ​​arrivo già sovraccariche.

Dopo lo scoppio della seconda guerra mondiale, all’Ufficio del vice feldmaresciallo generale fu affidata la responsabilità di affrontare il problema dei prigionieri. In pochissimo tempo, l’organizzazione ha messo a punto una serie di piani che sembrano semplici rispetto ai metodi utilizzati oggi, ma il sistema ha funzionato.

C’erano cinque principali campi di prigionia in California situati a Camp Cook, Lombok, Camp Angel Island, Camp Bell, Camp Stockton e Fort Ord. Il campo di prigionia di Camp Cook si trovava nell’attuale sito della Vandenberg Space Force Base.

Un ramo del campo dei prigionieri di guerra (POW) situato a Camp Cook, è stato istituito presso l’Edwards Ranch/Goleta Branch Camp accanto all’autostrada 101, situato a circa nove miglia a ovest di Goleta. Attivato il 20 ottobre 1944 come ramo agricolo del campo di prigionia, era destinato a contenere 250 prigionieri tedeschi.

READ  La folla all'asta domestica di Sydney mostra l'impatto della crisi dei prezzi degli immobili in Australia

Nessun contratto di locazione è stato preparato per l’uso del terreno da parte dei militari per ospitare prigionieri di guerra. Tuttavia, sono stati conclusi contratti tra funzionari dell’esercito e associazioni agricole locali per l’utilizzo del lavoro dei prigionieri di guerra. Questi contratti sono stati scritti per la durata del raccolto di una determinata coltura e sono stati rinnovati se fosse necessario un lavoro successivo. Il campo distaccato ricevette i suoi primi prigionieri nel novembre del 1944.

Sulla base di una descrizione delle strutture del sito, si stima che il campo occupasse meno di 5 acri. Lo spazio occupato dal sottocampo è sconosciuto.

Il campo filiale di Giulietta era comandato dal primo tenente Charles W. Small e dal sottotenente Wilford O’Potter. Il campo aveva 30 guardie e sei torri di guardia. La maggior parte dei prigionieri erano professionisti (medici, dentisti, insegnanti, cassieri). È stato notato che tre di loro erano civili di età superiore ai cinquanta

Il campo ospitava fino a 302 prigionieri di guerra e si impegnavano in lavori di frizione, che includevano la raccolta dei limoni e l’imballaggio delle noci al Goleta Walnut Exchange in Kellogg Street. Le strutture del campo consistono in sei torri di guardia, una torre dell’acqua, 14 capanne Nissen/conset, bagno con doccia, cucina/sala da pranzo e mensa, nonché un edificio amministrativo, caserme, infermeria e tre tende utilizzate per la ricreazione. .

Con lo scoppio della guerra, agricoltori e lavoratori agricoli sani furono costretti a prestare servizio per difendere il loro paese. Senza queste persone, i raccolti non possono essere coltivati ​​e raccolti. Pertanto, è stata accolta una nuova fonte di lavoro. Prigionieri tedeschi e italiani che potevano svolgere il lavoro e generare entrate per l’esercito, erano una pronta soluzione al problema. Il loro lavoro pagava le strutture del campo, restituiva un profitto all’esercito e in realtà costava all’agricoltore meno dei normali braccianti.

READ  Le persone vaccinate rappresentano il 75% dei recenti casi di COVID-19 a Singapore, ma pochi si ammalano

Poiché i grandi campi di prigionia potevano collocare i prigionieri solo vicino a un numero relativamente piccolo di fattorie, il sistema dei sottocampi è stato sviluppato in modo che il posto di lavoro potesse essere situato nella posizione desiderata. A causa della grande importanza del sottocampo nell’economia dello stato, del gran numero e dell’ampia distribuzione di questi campi, era il centro di importanza.

L’esposizione dei prigionieri allo stile di vita americano ha contrastato l’intenso lavaggio del cervello dei prigionieri nazisti dando a molti prigionieri la possibilità di conoscere la campagna americana, l’economia, l’agricoltura e la sua gente. Nei piccoli campi, i soldati americani hanno anche conosciuto meglio i prigionieri, cosa non così facile nei grandi campi centralizzati.

Come stipulato nella Convenzione di Ginevra, ogni campo di prigionia deve essere ispezionato da qualcuno del governo svizzero. Il risultato di ogni ispezione è stato un rapporto dettagliato sul campo e sulle sue condizioni al momento dell’ispezione.

Ogni sottocampo era costituito come un’organizzazione autonoma con un capo del campo che di solito era un capitano di grado. Ogni campo aveva un portavoce tedesco per i prigionieri. Tutti i servizi erano locali ma supportati da camion di rifornimento di Camp Cook. I sottocampi di Julita e Satikoy avevano piccole infermerie e un ufficiale medico di Camp Cook visitava regolarmente quei campi.

Un serio problema con i primi prigionieri derivava dal loro indottrinamento con l’ideologia nazista. Molti dei primi campi avevano al loro interno potenti organizzazioni di spionaggio che terrorizzavano i prigionieri e facevano pressione su di loro affinché non lavorassero volontariamente con i loro rapitori. Il sistema di missione è stato stabilito dai capi del campo e sono stati fatti tentativi per implementarlo, ma alcune organizzazioni nei campi hanno resistito. Per questo motivo il campo di Giulietta è stato testimone di scioperi sindacali.

READ  Le banche europee possono assorbire una crisi economica molto grave

La guerra con la Germania terminò ufficialmente il 7 maggio 1945, quando la Germania si arrese incondizionatamente agli Alleati a Reims, in Francia, ponendo così fine alla seconda guerra mondiale e al Terzo Reich. Tuttavia, due giorni dopo, il 9 maggio, la Germania si arrese di nuovo.

Ci volle circa un anno per riportare a casa gli ex prigionieri di guerra, e alcuni di loro in seguito tornarono a vivere negli Stati Uniti.

Shirley Contreras vive a Orcot e scrive per la Santa Maria Valley Historical Society. Può essere contattata al 623-8193 oa [email protected] Il suo libro “The Good Years”, una selezione di storie che ha scritto per il Santa Maria Times dal 1991, è in vendita presso la Santa Maria Valley Historical Society, 616 S. Broadway.