SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Se dipendesse dalla NASA, questa pietra su Marte presto non avrebbe più segreti per noi

Dopo il fallimento del primo campionamento, il rover marziano stazionario si sta preparando per il secondo tentativo. La pietra di Marte svolge questo ruolo di primo piano.

Poche settimane fa, il team di Perseverance ha subito una grave battuta d’arresto. Il carrello robot a quattro ruote ha avuto successo Non prelevare un campione dalla superficie di Marte. Nel frattempo, la squadra sa cosa è andato storto. E così Perseverance si sta preparando per un secondo tentativo, che si spera abbia successo.

prendi campioni
Una delle principali missioni di persistenza sul pianeta rosso è quella di collezionare mostri. Il carrello robotico lo fa utilizzando un trapano e uno scalpello avanzati attaccati all’estremità del suo braccio robotico lungo due metri. In totale, Perseverance contiene almeno 43 campioni di tubi di titanio che saranno riempiti con roccia marziana e regolite. Quindi, Perseverance preparerà queste boccette sigillate per tornare sulla Terra per ulteriori analisi durante una futura missione di restituzione del campione.

Durante il primo tentativo di campionamento, Perseverance ha preso di mira le rocce di un’area del cratere Jezero nota come “Cratere ruvido”. È qui che si trovano gli strati rocciosi esposti più profondi (e più antichi) di Jezero e altre interessanti caratteristiche geologiche. Sfortunatamente, i primi campioni non sono stati prelevati esattamente secondo i piani. I dati che Perseverance ha inviato sulla Terra hanno mostrato che il tubo del campione che aveva portato con sé era rimasto vuoto. Con questo, il primo test di tenacia del rover su Marte purtroppo fallì.

C’è stato un errore
Quindi il team di persistenza ha raccolto nuovi dati e li ha studiati in profondità. Hanno anche esaminato le immagini della telecamera prodotte da WATSON, situate all’estremità del braccio del robot. Alla fine, i ricercatori sono stati in grado di capire il problema. La roccia che Perseverance voleva campionare si è rivelata molto friabile. Le rocce si disintegrano istantaneamente in polvere e polvere a grana fine, rendendo impossibile la conservazione in una provetta per campioni. Sebbene non sia stato possibile raccogliere la roccia frantumata durante il primo tentativo di campionamento, questa provetta contiene ora un campione dell’atmosfera marziana.

READ  Gli astronomi vedono un buco nero che inghiotte una stella di neutroni

riprova
Abbastanza sicuro, l’intento è che la perseveranza fondamentalmente raccolga mostri rock. E così il team di Perseverance si sta preparando per il secondo tentativo. Nel frattempo, il veicolo a motore ha proseguito la sua strada in un crinale di montagna, a circa 455 metri di distanza. La collina era chiamata “Castello”, che significa “castello” in francese; Un’indicazione di quanto sia ripido questo punto sopra il fondo del cratere Jezero. L’orlo è ricoperto da uno strato di roccia che sembra resistere all’erosione del vento, segno che lo scisto può resistere durante lo scavo.

Portare
Perseverance si sta ora preparando per il suo secondo tentativo di salita. Questa settimana, il rover raschierà il suo braccio robotico di sei piedi dalla superficie di una roccia chiamata Rochette. In questo modo, la perseveranza rimuove lo strato superiore, per così dire, dando agli scienziati una visione migliore degli strati inferiori. Quindi possono decidere se vogliono prelevare un campione. Se il team decide di prelevare un campione, verrà tentato un secondo campione la prossima settimana.

Per assicurarsi che questo secondo tentativo avesse un esito migliore, i ricercatori hanno aggiunto un ulteriore passaggio. Dopo che il rover utilizza il sistema di telecamere Mastcam-Z per guardare all’interno del tubo campione, il rover si ferma per il campionamento. Il team può quindi utilizzare questo tempo per rivedere le foto per assicurarsi che le rocce siano state raccolte. Una volta confermato, istruiranno la perseveranza a chiudere la provetta del campione.

Perché i ricercatori di Citadelle dovrebbero voler raccogliere un campione? “È possibile che nell’area di South Sittah fossero presenti rocce antiche”, spiega la ricercatrice Vivian Sun. “Raccogliere prima un campione più piccolo può aiutarci a ricostruire correttamente la linea temporale completa di Jezero”. Alla fine, i ricercatori sperano di riempire tutti i campioni di provette che portano con sé con campioni interessanti provenienti da Marte. “Riportandolo sulla Terra, speriamo di rispondere ad alcune delle domande scientifiche”, ha affermato il ricercatore Ken Farley. “Per esempio speriamo di conoscere anche la composizione dell’atmosfera di Marte. Ecco perché – oltre ai campioni di roccia – ci interessano anche i campioni atmosferici”. Nasce così il primo tentativo “fallito” di campionamento – che, come detto , ha coinvolto un campione dell’atmosfera. Per Marte – non completamente perso.