HomeTop NewsSciatore neozelandese “terrorizzato” dai forti venti in Italia

Sciatore neozelandese “terrorizzato” dai forti venti in Italia

“Lo temo”, ha detto uno sciatore esperto Kiwi [her] La vita dopo essere rimasti intrappolati su una sedia da un forte tifone a 70 km/h”.

I video sui social media hanno mostrato una sedia con Stephanie Burt e il suo amico Barnaby Dunning lanciata dal vento durante i 40 minuti di calvario di giovedì.

I due sono stati visti sciare nella località sciistica del Cervino in Italia all'inizio di questa settimana. Lo riferisce il Daily Mail.

Dato che avevano utilizzato lo skilift all'inizio della giornata senza preoccupazioni, non era sicuro farlo senza il consiglio del personale.

Cinque minuti dopo l'inizio del viaggio, prima di raggiungere la cima, l'ascensore ha funzionato male poiché la velocità del vento superava i 70 km orari.

Gli amici, con un altro cavaliere su una sedia dietro di loro, lottavano in aria.

“I nostri sederi erano fuori dai sedili e stavamo tenendo la bolla anteriore e letteralmente dondolavamo in aria”, ha detto Burt.

“L'unico motivo per cui sono vivo è perché sono con Barnaby, che pesa 100 kg e riesce a reggerli. Ad un certo punto, avevo gli sci sulle spalle.”

Le riprese video sui social media mostrano le sedie che oscillano e girano in aria, con i due ascensori occupati che rischiano di scontrarsi.

Burt, 47 anni, ricorda le urla “orribili” dello sciatore dietro di lui mentre il vento faceva dondolare la sua sedia.

“Era come se stesse per morire. Avevo il timore di Dio in quell'ascensore.

“È stata l'esperienza più spaventosa della mia vita.”

L'uomo si è alzato dalla sedia e ha detto alla polizia che temeva per la sua incolumità. Successivamente è stato trasportato in aereo in ospedale.

READ  "Covit-19 e Odontoiatri: Indagine della Società Italiana di Parodontologia e Implantologia (SITP)" - Dyskepoli - - Malattie Orali

La madre di due figli ha detto che aveva pensato di buttarsi anche lei.

“Pensavamo che saremmo stati buttati fuori e abbiamo discusso se sarebbe stato meglio vivere con le gambe rotte o con l’anca rotta. [from jumping off] Piuttosto che buttarlo giù.

“Ricordo di aver pensato tra me: 'Devo resistere'. Ho pensato ai miei figli, a mio marito. Barney ha detto: 'Non saltare'.”

Dopo circa 20 minuti dall'inizio del test, i lavoratori del resort sono saliti per nove metri per aiutare – senza equipaggiamento di sicurezza, sostiene Burt, cosa che il resort nega – su un pilone di sedie per fissare i sensori in modo che le gondole potessero muoversi di nuovo.

Alla fine la seggiovia è tornata al livello più alto, dove Burt e Dunning sono stati lasciati a ricomporsi dopo la scioccante prova.

La coppia ha detto di essere rimasta “scioccata” dopo l'incidente e ha voluto che il resort si assumesse la responsabilità.

“Tutto quello che ho ottenuto da loro è stato: 'Mi dispiace che aveste paura'. Non un grammo di simpatia, non un 'non sarebbe dovuto succedere' – le sedie stavano 'oltrepassando i loro limiti',” ha detto Burt.

“Ma se il mio io di nove anni fosse stato in quell'ascensore, non sarebbe qui oggi. Se fossi stato da solo in quell'ascensore, non sarei qui oggi per raccontare la storia.”

Gli sciatori fanno affidamento sullo staff e sulle loro conoscenze tecniche per garantire la propria sicurezza, mentre lui sa che le condizioni possono “cambiare molto rapidamente”.

“Hanno detto che operavano dal 1936 e non c'era mai stato un incidente mortale. È stato quasi cruento.”

READ  L'agente di Jorkinho parla del suo ritorno in Italia dopo i recenti commenti

Burt ha promesso di “non sciare mai più in Italia”.

Marcello Jilani
Marcello Jilani
"Fan zombi sottilmente affascinante. Fanatico della TV. Creatore devoto. Amico degli animali ovunque. Praticante del caffè."
Must Read
Related News