SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Rugby: “Non mi piace quello che vedo” – l’ex allenatore degli All Blacks John Hart afferma che Ian Foster dovrebbe essere lasciato in pace

Lachlan Waugh dell’NZ Herald si unisce a Cheree Kinnear per mostrare un fine settimana ricco di azione con gli All Blacks che affrontano le Fiji, il 14° round dell’ANZ Premier e altro ancora. Video / NZ Herald

L’ex allenatore degli All Blacks John Hart ha affermato che la pressione costante su Ian Foster sta danneggiando la squadra nazionale e ha invitato i neozelandesi a sostenerlo.

Parlando con D’Arcy Waldegrave su Newstalk ZB, Hart non si è trattenuto dal notare che i media stavano rendendo la vita inutilmente difficile a Foster e che le discussioni sulla sua abilità rispetto a quella del concorrente Scott Robertson dovrebbero essere rimandate alla fine della seconda guerra mondiale. stagione internazionale.

“Non mi piace quello che vedo e sento, specialmente da alcune sezioni dei media che penso stiano esercitando un’eccessiva pressione sull’allenatore”, ha detto Hart.

“Il fantasma di Scott Robertson sullo sfondo non aiuta. Per i media, ogni volta che c’è qualcosa di diverso dal 100% di prestazioni, ci sono domande dell’allenatore; non aiuta l’allenatore o aiuta la squadra.

“Penso che la cosa più importante in questo momento sia restare dietro a Foster e alla fine dell’anno o quando sarà il caso, verrà emesso il verdetto se andrà avanti.

“E’ un ragazzo intelligente, è un buon allenatore e deve affrontarlo e lasciarlo andare avanti”.

L'ex allenatore degli All Blacks John Hart.  foto/fotosport
L’ex allenatore degli All Blacks John Hart. foto/fotosport

Robertson ha rifirmato con il rugby neozelandese la scorsa settimana fino alla fine del 2024, e mentre continuerà nella sua attuale posizione di capo allenatore dei Crusaders, ha ancora gli occhi puntati sulla sostituzione di Foster alla fine del 2021.

“Se non ottengo il lavoro, ci sarà un’uscita dopo il 2023; ma se voglio rimanere in giro posso farlo”, ha detto Robertson di una clausola particolarmente adatta nel suo nuovo contratto.

READ  La nuova collezione Magnifica di Bulgari riporta lo stile italiano audace negli anni '50

Mentre Robertson non può fare a meno di avere la mente di Foster, Hart crede di avere sfide più urgenti, in particolare quando si tratta di adattare un piano di gioco degli All Blacks per una formazione che non può essere all’altezza della forza di coloro che sono venuti prima.

Questa sfida è stata rivelata lo scorso fine settimana contro le Fiji mentre la squadra ha lottato per la parità al momento del crollo.

“I Fijiani hanno sorpreso tutti”, ha detto Hart. “Sono usciti con un corpo che potrebbe non essere stato previsto e potrebbe aver vinto il crollo e all’improvviso la gente ha iniziato a guardare tutti i neri e ad interrogarli”.

“Penso che sia una preoccupazione… è solo una preoccupazione del fatto che non penso che siamo una squadra naturalmente che farà solo la cintura della squadra fisicamente e penso che questo significhi che dobbiamo ottenere di più dal suo gioco .”

Ian Foster, allenatore degli All Blacks.  foto/fotosport
Ian Foster, allenatore degli All Blacks. foto/fotosport

Tuttavia, Hart crede che la squadra abbia le carte in regola per superare quella che ora sembra essere una debolezza all’interno della squadra.

“Penso che ce l’abbiamo ed è per questo che ero elettrizzato da alcune delle abilità… specialmente nei passaggi nelle retrovie, in entrambe le partite.

“Mi piace quello che hai visto e penso che gli All Blacks abbiano vinto, non credo che possiamo contare solo sul fatto di essere fisicamente migliori di tutte le squadre. Potremmo farlo forse contro l’Australia, non necessariamente contro altre squadre del nord o Sud Africa.

“Quindi penso che bilanciare correttamente il nostro gioco sia la sfida che dobbiamo affrontare, in termini di essere in grado di mettere pressione in primo piano e utilizzare le abilità degli attaccanti e presentarsi. Anche fisicamente”.

READ  La bellezza della mobilità sostenibile con Maserati al Padiglione Italia a Expo 2020 Dubai

Hart si aspetta di vedere i segni di un All Blacks concentrato e resiliente nel secondo test di domani contro le Fiji, che secondo lui dominerà la squadra di casa.

“Penso che gli All Blacks, nel prossimo test, saliranno ad un altro livello”.