SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Rapina a Pompei: come la polizia artistica saluta i clandestini del cimitero | Italia

By giorno, il Tombaroli, O grave turbolento, ha segnato il posto. Hanno usato strumenti lunghi e affilati per perforare la terra, sotto la quale c’era un sentiero che conduceva a ricche case romane a 700 metri a nord-ovest del principale sito archeologico di Civita Giuliana, un sobborgo dell’antica Pompei.

Di notte, hanno scavato una rete di tunnel. Ciascuno era lungo circa 40 metri, partendo dalla propria casa o da edifici abbandonati nelle campagne vicino al sito, e attaccato al passaggio, da dove sono passati attraverso le antiche mura mentre si dirigevano verso le case per catturare il loro bottino.

Nel corso degli anni, i loro metodi astuti hanno avuto successo, consentendo a Dombaroli, un gruppo di padre e figlio, di rubare manufatti dal sito e venderli ai contrabbandieri d’arte di tutto il mondo per grandi somme. Poi, nel 2012, sono entrati in azione – dalla Polizia d’Arte italiana, Divisione Conservazione Culturale dei Carabinieri.

Parte di un dipinto di Villa Arianna a Pompei, recentemente restituito al Museo Archeologico Libro d’Orsi a Costellammare di Stapia, Italia. Foto: Fronte Parco Archeologico di Pompei / AFP / Getty

Un buco ricoperto di lamiere, terra e raccolti portò il pannello a scavi illegali e tutti e tre i dipinti furono destinati all’esportazione. Questi monumenti sono stati recentemente restituiti al Parco Archeologico di Pompei.

Il generale Roberto Ricardi, capo della squadra italiana per la conservazione dei beni culturali, ha dichiarato: “I Tombaroli sanno che i loro scavi possono andare bene o male”. I tombaroli ci sono generalmente noti e hanno un’esperienza significativa … spesso generazioni di loro. Ma questo non è il loro unico lavoro: di solito creano attività agricole o commerciali. “

I ladri saccheggiano i siti culturali italiani da decenni, ma il loro commercio non ha dato frutti a causa dell’intensa repressione della polizia artistica italiana dal 2012, di cui 302 a livello nazionale.

Nel 2020, il team ha trovato 24 scavi illegali, arrestato 68 ladri e recuperato 17.503 manufatti. L’unità controlla i siti archeologici sopra o sopra il suolo in elicottero. Una squadra di subacquea pattuglia i siti archeologici al largo della costa italiana.

Tra gli oggetti recuperati l’anno scorso e recentemente riportati a Pompei c’erano altri tre dipinti scolpiti dalle pareti di Villa Ariana e Villa San Marco – un tempo di proprietà di famiglie nobili nel sito storico di Stabia, vicino al sito del Parco Archeologico. Scavi – anni ’70. È noto che questi monumenti furono contrabbandati all’estero e alla fine acquistati da antiquari inglesi, americani e svizzeri negli anni ’90. Gli oggetti sono stati poi riconsegnati in Italia, dove, con l’aiuto di un archeologo, la polizia ha potuto individuarli nella collezione personale di un uomo d’affari milanese. L’archeologo ha anche notato che i dipinti sono stati costruiti per renderli più preziosi.

Estratto da un dipinto di Villa San Marco a Pompei.
Estratto da un dipinto di Villa San Marco a Pompei. Foto: Fronte Parco Archeologico di Pompei / AFP / Getty

“A partire da Tombaroli, chi è in contatto con i venditori concorda un prezzo con i contrabbandieri internazionali. Quando c’è valore d’arte o significato storico, i contrabbandieri agiscono”, ha detto Ricardi.

I mercanti criminali creano quindi un falso modo cartaceo per ingannare gli acquirenti facendogli credere che stanno acquistando beni legalmente derivati.

In passato, i monumenti saccheggiati nei più grandi musei del mondo sono finiti. Nel 1996, il Getty Museum di Los Angeles ha acquistato manufatti, compresi dipinti rubati da Pompei, che ha portato a un’indagine sul supervisore del museo a Roma dopo le accuse secondo cui il governo italiano aveva cospirato per derubare l’arte del saccheggio del traffico. articoli restituiti contrabbandati dall’Italia.

La maggior parte dei monumenti rubati dal paese finisce con acquirenti nei paesi dell’Europa settentrionale e negli Stati Uniti, sebbene anche i paesi dell’Estremo Oriente e del Medio Oriente siano emersi come mercati chiave.

Parte di un dipinto, probabilmente proveniente da Villa Arianna a Pompei.
Parte di un dipinto, probabilmente proveniente da Villa Arianna a Pompei. Foto: Fronte Parco Archeologico di Pompei / AFP / Getty

Il patrimonio culturale italiano, comprese le opere d’arte, ha un valore di 686 miliardi di dollari ed è una delle prede preferite dei trafficanti.

Il Comitato per la conservazione del patrimonio culturale è stato istituito nel 1969 sulla base di un articolo della costituzione del paese del dopoguerra, che chiedeva alla nuova repubblica di preservare il suo patrimonio paesaggistico, storico e artistico. Tuttavia, la conservazione e il restauro dei tesori storici della regione è ancora molto lontano. Nel 1816 lo scultore italiano Antonio Canova trattò con Parigi per restituire l’opera d’arte rubata da Napoleone Bonaparte. Il duca di Wellington è stato determinante nella restituzione delle merci saccheggiate da Napoleone e dal suo esercito.

Il team dispone di un database di circa 1,3 milioni di file di manufatti e monumenti archeologici rubati.

“Il lavoro è una grande sfida”, ha detto Ricardi. “Ma si tratta di rivendicare la storia e la bellezza che ha regalato all’Italia nel passato e nel presente”.

READ  La Banca d'Italia nomina Deutsche Bank per la consulenza sulla vendita di Cariz