Qantas risponde al messaggio ‘vergognoso’ scritto sulla rivista di bordo

Una nota scritta a mano sulla parte anteriore di una rivista di bordo su un volo Qantas è stata definita razzista dai passeggeri, poiché il marito di un ex senatore indigeno e olimpionico l’ha visto sul suo volo.

Il marito di Nova Peris, Scott Appleton, stava viaggiando da Alice Springs a Darwin martedì quando una donna anziana seduta accanto a lui ha visto il messaggio sulla console di fronte a lei. Il messaggio era un insulto dispregiativo contro gli indigeni australiani e si ritiene che sia una risposta al riconoscimento della nazionalità da parte di Qantas annunciato durante ogni sbarco.

Peiris ha condiviso una foto della lettera online e ha detto: “Speriamo che Qantas chieda ai suoi appaltatori di pulizie di rimuovere i libri Qantas dagli aerei che contengono messaggi razzisti”.

Gli australiani hanno descritto il promemoria come “disgustoso” e “vergognoso”.

“In un paese che dice di non essere razzista, questo è ciò che i membri delle Prime Nazioni devono sopportare”, ha scritto un uomo.

Sembra che Appleton abbia informato un assistente di volo e abbia consegnato a bordo la rivista vandalizzata. Secondo quanto riferito, era soddisfatto della risposta dell’equipaggio di cabina, affermando di essere rimasto scioccato dal contenuto della copertina. Resta inteso che l’equipaggio di cabina ha immediatamente rimosso il caricatore di bordo.

“Hanno gestito la situazione molto bene e sono stati molto sensibili nel modo in cui l’hanno gestita”, ha detto Appleton al giornale. Tempi nazionali indigeni.

Qantas ha dichiarato a Yahoo News che si impegna a sostenere gli indigeni australiani come compagnia aerea nazionale.

READ  Vertice dei leader del G20: Joe Biden, Rishi Sunak, Emmanuel Macron e Xi Jinping; chi resterà dove

Un portavoce della Qantas ha detto: “Siamo sconvolti dal fatto che qualcuno faccia commenti così razzisti”. “Ci impegniamo a sostenere le nostre comunità aborigene e isolane dello Stretto di Torres e siamo orgogliosi che il nostro equipaggio riconosca il nostro Paese su ogni volo che atterra in Australia”.

Hai un suggerimento per la storia? e-mail: [email protected].

Puoi anche seguirci su Facebook, Instagram, tic toc, Twitter E Youtube.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto