SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Più di 20 pazienti indiani muoiono di COVID-19 dopo una perdita di bombola di ossigeno, quasi 300.000 nuovi casi mentre la “ tempesta infuria ” del Coronavirus

Almeno 24 pazienti COVID-19 sono morti nell’India occidentale dopo che i loro ventilatori hanno esaurito le scorte di ossigeno, a causa della carenza di gas a livello nazionale e dell’aumento delle infezioni.

Il ministro della Sanità del Maharashtra Rajesh Top ha confermato le morti in un ospedale di Nashik e ha detto che le scorte di ossigeno dell’ospedale erano esaurite a causa di una perdita di riempimento del serbatoio. L’ossigeno scorreva a malapena in tutto il paese.

“La perdita è stata rilevata nella vasca che fornisce ossigeno a questi pazienti”, ha detto il signor Tope.

“L’interruzione delle forniture potrebbe essere collegata alla morte di pazienti in ospedale”, ha aggiunto.

Gli ospedali di Delhi, la capitale e altrove hanno avvertito che le loro scorte di ossigeno medico somministrate ai pazienti con COVID-19 gravemente ammalate si stanno esaurendo.

I pazienti sdraiati sui letti usano bombole di ossigeno in ospedale mentre i parenti ci stanno sopra.
L’ospedale ha esaurito l’ossigeno dopo una perdita alla stazione di ossigeno di Nashik.(

AP

)

Max Healthcare, il più grande fornitore di servizi sanitari del settore privato a Delhi e nei suoi sobborghi, ha detto che alcuni dei suoi ospedali hanno a malapena due ore di fornitura di ossigeno.

La televisione ha mostrato immagini di persone che trasportavano bombole di ossigeno vuote che si affollavano nelle strutture di rifornimento nello stato più popoloso dell’Uttar Pradesh, mentre cercavano di salvare i parenti in ospedale.

Il ministro della Sanità nello stato di Haryana settentrionale ha detto che la situazione era così pericolosa che alcune persone hanno cercato di saccheggiare una bombola di ossigeno, costringendo le autorità a rafforzare la sicurezza.

I lavoratori siedono su un camion carico di bombole di ossigeno per un ospedale di Nuova Delhi, in India.
I lavoratori siedono su un camion carico di bombole di ossigeno per un ospedale nel mezzo dell’epidemia di COVID-19 a Nuova Delhi.(

Reuters: Adnan Abidi

)

Coronavirus “ tempesta ”, 295mila contagi in un giorno

Il primo ministro indiano Narendra Modi ha detto martedì in un discorso nazionale che l’India sta affrontando una “tempesta” di Coronavirus che sta travolgendo il suo sistema sanitario, aggiungendo che le autorità stanno lavorando con paesi e società private per fornire ossigeno rapidamente.

Le autorità dello stato del Maharashtra, che è già parzialmente bloccato, mercoledì in tarda serata hanno ordinato ulteriori restrizioni alla circolazione delle persone all’interno della città e dello stato fino al 1 ° maggio per frenare la diffusione del coronavirus.

I medici curano i pazienti COVID-19 all'ospedale di New Delhi, 15 aprile 2021.
Gli ospedali di Delhi hanno avvertito che le loro scorte di ossigeno medico stanno finendo.(

Reuters: My Dane Siddiqui, File Photo

)

L’ordine diceva che tutti gli uffici, ad eccezione di quelli che forniscono servizi di base, devono operare con il 15 per cento dei dipendenti.

I viaggi in veicoli privati ​​sono consentiti solo in caso di emergenze mediche e solo il personale medico e i dipendenti governativi hanno il diritto di guidare il sistema ferroviario normalmente popolare.

L’India, il secondo paese più popoloso del mondo, ha segnalato mercoledì 295.041 nuovi casi di coronavirus – il più grande aumento giornaliero registrato in qualsiasi paese – che ha spinto i suoi ospedali fino al punto di collasso, hanno detto i funzionari.

Solo gli Stati Uniti hanno registrato un leggero aumento di 297.430 casi in un giorno a gennaio, anche se da allora il loro bilancio è diminuito drasticamente. Anche il numero di morti in India nel 2023 è il più alto in questa epidemia.

Un uomo e una donna, mascherati, firmano la recinzione, diciamo "Il vaccino non è disponibile".
L’India ha finora fornito quasi 130 milioni di dosi di vaccino.(

Reuters: Frances Mascarenhas

)

In aggiunta al senso di allarme, il Serum Institute indiano, che produce il vaccino AstraZeneca COVID-19, ha dichiarato che non sarebbe in grado di aumentare la sua produzione mensile a 100 milioni di dosi da 60 milioni a 70 milioni attualmente fino a luglio, rispetto alla sua previsione precedente. a fine maggio.

Il ritardo potrebbe rallentare la campagna di immunizzazione dell’India, che il governo ha aperto a tutti gli adulti a partire dal prossimo mese nel tentativo di arginare la mortale seconda ondata.

L’India ha finora fornito quasi 130 milioni di dosi di vaccino, la dose più grande al mondo dopo Stati Uniti e Cina, ma è ancora piccola rispetto alla sua popolazione di 1,35 miliardi.

Reuters

READ  Il mostro di Loch Ness visto nel Canale di Caledonia scozzese su filmati di droni