SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

Operatori di assistenza agli anziani appassionati di Covid Gap ostacolati dalla “diffusione caotica” in Australia | Cura degli anziani

Anglicare Australia afferma che i suoi operatori di assistenza agli anziani sono desiderosi di farsi vaccinare, ma sono ostacolati dai fallimenti nel lancio “caotico e confuso” del governo.

Gli assistenti agli anziani sono stati dati fino al 17 settembre a Ricevi una prima dose O affrontare l’esclusione dal lavoro.

A partire dalla scorsa settimana, solo il 40% circa della forza lavoro aveva ricevuto la prima dose.

Sia le associazioni di settore che i dipendenti hanno il governo ha avvertito L’ostacolo più significativo per il personale di assistenza agli anziani continua ad essere la mancanza di squadre di vaccinazione che visitino il personale sul posto di lavoro.

Kasy Chambers, amministratore delegato di Anglicare Australia, ha affermato che il personale di assistenza agli anziani in tutta la rete senza scopo di lucro – tra cui oltre 20 case di cura per anziani a Sydney e Illawarra colpite dal Covid – è “appassionato di vaccinazione”.

Accusando il governo di cercare di incolpare i lavoratori per i bassi tassi di vaccinazione, ha affermato: “Sono stati i fallimenti della startup a causare il calo dei tassi di vaccinazione, non le azioni dei lavoratori.

“Agli anziani è stato detto che sono un gruppo prioritario per le vaccinazioni. Invece di farsi vaccinare facilmente, sono lasciati a navigare in un processo di implementazione disordinato e confuso”.

Il governo aveva inizialmente pianificato di vaccinare gli operatori dell’assistenza agli anziani nelle proprie strutture. Ma ha abbandonato il piano, lasciando i lavoratori dipendenti dalle restanti dosi inutilizzate della popolazione.

All’inizio di questo mese, la casa di cura di Baulkham Hills di SummitCare – il luogo dell’epidemia a Sydney – ho mostrato Due terzi dei suoi dipendenti sono rimasti vulnerabili. RSL LifeCare, che gestisce 28 case di cura nel Nuovo Galles del Sud colpito da Covid e nel Territorio della capitale australiana, ha dichiarato a Guardian Australia che il 27% del suo personale ha ricevuto una prima dose e il 15% è stato completamente vaccinato.

I bassi tassi di vaccinazione hanno suscitato critiche diffuse nei confronti del governo, che inizialmente si è impegnato a vaccinare il personale di assistenza agli anziani entro sei settimane dalla data di inizio di febbraio.

alleanza di Organi del settore degli anziani, sindacati e fornitori di assistenza agli anziani Gli operatori dell’assistenza agli anziani hanno chiesto le vaccinazioni Pfizer come priorità, vicino al loro posto di lavoro.

La coalizione ha chiesto permessi retribuiti per ottenere vaccinazioni, recupero dagli effetti collaterali e una campagna educativa sui vaccini mirati.

Chambers ha sostenuto queste chiamate, dicendo: “Il modo migliore per migliorare i tassi di vaccinazione è rendere più facile la vita ai lavoratori, piuttosto che incolparli”.

L’Australia rimane l’ultima nell’OCSE in termini di tasso di vaccinazione. Solo l’11% degli australiani era completamente vaccinato e il 17,4% ha ricevuto solo la prima dose.

Nella fascia di età ad alto rischio, oltre i 70 anni, il tasso di vaccinazione completo è del 30% e il tasso di prima dose è del 75%.

L’offerta di Pfizer, che è stata un problema perenne durante l’offerta, è stata potenziata lunedì da من Arrivo della spedizione milioni di dosi.

Il governo prevede che spedizioni simili arriveranno nelle prossime settimane e mesi.

Guardian Australia ha rivelato la scorsa settimana La produzione interna di AstraZeneca è diminuita drasticamente nelle ultime settimane, passando da circa 1 milione di dosi a settimana a maggio a 232.800 a giugno.

La produzione durante la prima metà di luglio è stata solo un decimo di ciò che il governo federale aveva promesso di distribuire a stati, medici, assistenza agli anziani e assistenza ai disabili.

Il governo non prevede problemi di approvvigionamento con AstraZeneca prodotta localmente.

READ  Lo SpaceX 52 di Musk lancia un altro satellite