HomeWorld'Omicida di massa': Kylie Moore-Gilbert reagisce alla morte del presidente iraniano Ebrahim...

‘Omicida di massa’: Kylie Moore-Gilbert reagisce alla morte del presidente iraniano Ebrahim Raisi dopo aver trascorso 804 giorni orribili nella brutale prigione iraniana

L’accademica australiana Kylie Moore-Gilbert ha dato una risposta emotiva alla morte del presidente iraniano Ebrahim Raisi, che ha supervisionato la sua orribile e illegale detenzione per 804 giorni in una prigione brutale, dicendo che ha “celebrato” la morte di un “assassino di massa”.

La morte del presidente Raisi è stata confermata lunedì dopo che i media statali del paese hanno riferito che “nessun segno di vita” è stato trovato sul luogo dell’incidente in elicottero.

Nessun sopravvissuto è sopravvissuto dopo che l’aereo che trasportava il presidente e ministro degli Esteri Hossein Amir Abdollahian si è schiantato domenica (ora locale) nella provincia iraniana dell’Azerbaigian orientale.

Parlando venerdì con Erin Mullan, conduttrice di Sky News Australia, la Moore-Gilbert ha affermato di essersi “unita” collettivamente al popolo iraniano nel difendere la morte del presidente, anche se avrebbe preferito vedere il presidente Raisi processato per “crimini di guerra”.

Ha aggiunto: “Mi unisco alle migliaia di persone in Iran che festeggiavano la sua morte perché, anche se sarebbe stato meglio vederlo… processato per crimini di guerra, che è dove merita di essere, questo è quello che sapete, alcuni sorta di punizione dopo.” “Sono passati quattro decenni di abusi dei diritti umani, esecuzioni e altri atti orribili commessi da quest’uomo e dai suoi compagni”, ha detto Moore-Gilbert.

“Allo stesso tempo, significa che quest’uomo non può più fare del male a nessun altro.”

“Ha causato molti danni fino al giorno della sua morte, quindi penso che in questo senso avere qualcuno meno come lui al mondo sia probabilmente una buona cosa.”

“Non penso che fosse necessario per noi (Australia) offrire alcun tipo di cordoglio a qualcuno che è ampiamente noto per essere un assassino di massa”.

READ  Gli Stati Uniti "molto preoccupati" per i caccia cinesi che entrano nello spazio aereo di Taiwan

La signora Moore-Gilbert è stata arrestata e interrogata dalle Guardie rivoluzionarie nel settembre 2018 mentre tentava di imbarcarsi su un volo dall’Iran per l’Australia.

È stata poi trasferita nella famigerata prigione iraniana di Evin e gettata in isolamento con l’accusa di spionaggio, che ha descritto come “tortura psicologica” volta a “spezzarti”.

L’accademia ha rivelato nuovi dettagli sul terribile arresto di Irene, rivelando che lei e altre detenute “hanno implorato” pietà dal presidente che era “responsabile” delle accuse di spionaggio “ridicole e illegali”.

“Noi detenute abbiamo chiesto di incontrarlo, ed è stato molto indicativo della sua ideologia e visione del mondo quando si è rifiutato di incontrare detenute e ha incontrato solo prigionieri di sesso maschile, il che la dice lunga”, ha detto.

“Era responsabile della magistratura iraniana; Era il capo della magistratura durante il mio processo, condanna e condanna a 10 anni di carcere con accuse di spionaggio assolutamente ridicole.

“Ha già firmato tutto ciò che gli ho scritto in diverse occasioni chiedendo clemenza, chiedendo il rispetto dei miei diritti umani e chiedendo un nuovo processo, e non ha mai ricevuto risposta”.

La nuova madre, 37 anni, ha parlato della sua vita dopo la sua brutale prigionia, dicendo che il suo bambino è stato una “vera gioia” e che “le piace davvero essere mamma”.

“Sto decisamente andando molto bene e le luci sono molto luminose alla fine del tunnel.”

Contrariamente alle opinioni della Moore-Gilbert, le Nazioni Unite hanno osservato un minuto di silenzio in occasione della morte del presidente iraniano, una mossa definita “oltraggiosa”.

Nel frattempo, la Casa Bianca ha inviato le condoglianze ufficiali all’Iran dopo la morte del presidente e del segretario di Stato nell’incidente in elicottero.

READ  Il presidente cinese Xi Jinping chiede una conferenza di pace e “giustizia” sulla guerra a Gaza mentre i leader arabi visitano Pechino

Il ministero degli Esteri cinese ha rilasciato una dichiarazione in cui esprime la sua “profonda preoccupazione” per la situazione e si impegna a sostenere l’Iran in seguito.

Il vicepresidente iraniano Mohammad Mokhber assumerà temporaneamente la carica di presidente ad interim del paese fino allo svolgimento delle elezioni entro 50 giorni.

Italo D'Amore
Italo D'Amore
"Pioniere televisivo a misura di hipster. Risolutore di problemi. Introverso umile e irritante. Lettore. Studente. Esperto di pancetta sottilmente affascinante."
Must Read
Related News