Nonostante la sua breve durata, il film italiano The Truffle Hunters non è solo una sciocchezza | Recensioni e storie di film | Orlando

Come i misteriosi funghi che l’hanno ispirata, Cacciatori di tartufi misterioso. Non si riesce a capire il background giornalistico del documentario italiano, anche dopo aver cercato di leggere tra le sue righe semplificate. Forse i registi Michael Dweck e Gregory Kershaw avrebbero dovuto estendere la loro filmografia per fornire più contesto storico e cucina. O forse, in 84 minuti di visione straordinaria, il loro film è perfetto.

La verità è più vicina all’ultima, poiché il senso dell’umorismo e della bellezza del film oscura l’ambiguità del film e il suo debole per la noia. Sarai particolarmente entusiasta di trascorrere del tempo con Birba, Nina, Fiona, Charlie, Yara, Vasco, Leo – i cani da tartufo – e i loro anziani padroni, mentre puliscono le foreste del nord Italia alla ricerca di funghi sotterranei rari e preziosi.

Per quanto riguarda i suddetti funghi, se non ne sapessi molto prima di vedere il documento, probabilmente saresti un po ‘nell’oscurità quando il film sarà finito. Ad esempio, Dweck e Kershaw esplorano solo superficialmente il lato culinario dell’argomento. Inoltre, non hanno mai spiegato perché i tartufi fossero difficili da coltivare e perché il mondo dovrebbe invece fare affidamento sui “cacciatori”. Invece, la deliberata macchina fotografica pittorica si concentra a lungo e con forza sui vecchi e sui loro cani, fornendo meravigliosi scorci intimi delle loro vite.

La cinematografia e il ritmo intenzionali vengono interrotti solo occasionalmente quando Dweck e Kershaw collegano le telecamere ai cani, dandoci una panoramica della caccia. Questo stile canino personale aumenta l’impatto emotivo del film quando finalmente apprendiamo che il commercio di tartufi è così competitivo che alcuni cacciatori arriverebbero addirittura ad avvelenare i cani a vicenda.

READ  Il Mercato del Cinema Classico del Festival Lumière svela il suo programma Rebirth

Questa rivelazione trasforma il film, anche se solo brevemente, da uno spaccato di vita in qualcosa di simile a un film sui diritti degli animali, aggiungendo un necessario livello di complessità alla storia. Ma in un anno in cui i documenti sono più frustranti del solito, lo apprezzerai sicuramente Cacciatori di tartufi Non perdere capricci e abbondanza.

Il film è stato acclamato dalla critica al Florida Film Festival all’inizio di questo mese. Questo spettacolo ha visto Zoom Q&A con i registi, tra cui Dweck, che ha partecipato al festival del 2018 (a quell’evento, il suo documentario, L’ultima garaDestinatario del Premio Speciale della Giuria per la Visione Artistica.)

Questo documento è stato accolto calorosamente ai recenti Directors Guild Awards, in cui ha vinto il Top Documentary Award. In un anno in cui i grandi documenti piacciono Stato di Boise, Gonda E il Una specie di paradiso, Concedere Cacciatori di tartufi Il grande premio sembra esteso. Ma è una testimonianza dell’ammirazione e dell’originalità del film e dimostra che, nonostante la sua semplicità e la mancanza di una struttura narrativa tradizionale, il film non è banale.

Se stai guardando il film al Teatro Inziane nel Maitland, ti suggerisco di integrare la tua esperienza con un ordine di patatine fritte al tartufo. E la parte migliore è che non hai bisogno di un cane per trovarli. Basta chiedere al tuo server.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto