“Non era il nostro giorno”, dice Pogacar mentre la squadra degli Emirati fallisce

strada

La squadra del Tadej Pogačar Giro è all’altezza?

Tadej Bujar (Team Emirates) in attacco durante la prima tappa del Giro d’Italia 2024. Foto: © Cor Vos

È troppo presto per giudicare la forza di una squadra quando le previsioni sono un Grand Tour di tre settimane, ma quando ti metti saldamente sotto i riflettori e poi fallisci – e ammetti un po’ di delusione – tutti guardano nella tua direzione.

C’è stata una discreta quantità di danni arrecati dal team UAE sulla penultima salita del Colle Maddalena, una salita di 7,1 km con una media del 6,6%. Domen Novak, Felix Grosschartner e Mikkel Bjerg hanno preso il posto di Vegard Steck Lingen che è stato la figura principale della nave per gran parte della tappa di apertura di 140 km, mentre Romain Bardet (DSM-Firmenich PostNL) e Thamen Arensmann (Eneos Grenadiers) erano tra i nomi I più grandi sono stati gettati in mare durante la dura salita della Cat.2, e anche la maggior parte dei passeggeri sono stati gettati nel vento lungo il percorso.

Nel complesso posso essere soddisfatto. “È stata una tappa breve e una prima giornata veloce di questo Giro”, ha detto Pogačar poco dopo aver appreso di essere arrivato terzo al fotofinish dietro al più veloce Jhonatan Narváez. Ma non era il nostro giorno.”

Felix Grosschartner e Rafaje Majka in testa al gruppo al Colle Maddalena. Le strisce del campione nazionale sloveno sulle maniche dietro le strisce austriache del Großschartner appartengono a Domen Novak, con Pogačar nascosto dietro il palo magro: puoi vedere due dei suoi tratti distintivi.

In cima alla salita di 7,1 km, sembrava fosse rimasto solo Rafaje Majka a disposizione di Pogačar, lasciando all’erede tutto il lavoro sulla rampa di lancio finale a pochi chilometri dal traguardo, sia per catturare il potente gruppo di attaccanti . E lasciamo indietro tutti i concorrenti sul palco e in generale.

READ  Faccia ANZAC Day jumper clash, guernseys, Collingwood vs Essendon, Same Color, Rules Clash, On the Couch, Nick Riewoldt

“Peccato che ho dovuto attaccare da lontano sull’ultima salita, anche se devo ammettere che Narvaez era molto forte e si è rivelato in grado di seguire la mia ruota”, i vuoti ai piedi della salita di San Vito Ci sono stati circa 45 secondi tra l’unico leader Nicola Conce (Alpecin-Dekuinink) e il gruppo, con i suoi compagni d’attaccante inseriti più o meno in mezzo alla strada. “Il divario con il gruppo davanti a noi era enorme e ho dovuto fare tutto il possibile per colmarlo. Il fatto di essere riuscito a liberare tutti i ragazzi della classifica è un buon segno”.

Pujar ha provato più volte a lasciarsi alle spalle l’eroe nazionale ecuadoriano, ma Narváez ha fatto il suo dovere e non lo ha lasciato. Al duo si unisce presto Max Schachmann (Bora-Hansgrohe), anche lui non un anello debole nel tiro degli scalatori sulla linea.

“Una volta arrivati ​​in cima alla salita, ho capito che sarebbe stato difficile liberare Narvaez. Era da molto tempo che non dovevo correre contro due corridori. Sono partito molto presto, ma Narvaez era più veloce io non ho avuto molte occasioni, ma ho potuto guardare indietro e vedere che impegno ho fatto”.

Anche se non sembra bello che solo Pogačar sia riuscito a finire tra i primi 50 – considerando che Juan Sebastian Molano e il suo leader Rui Oliveira, insieme al cavallo di battaglia del Vegard Stake Laengen, dovrebbero essere lasciati indietro in una fase come questa. In quanto tale, la squadra degli Emirati Arabi Uniti è una delle poche squadre con un nome GC unico, una squadra che ha fatto carriera grazie a sforzi individuali stilizzati dopo che la sua squadra ha subito danni precoci. Tuttavia, probabilmente è stato più facile farcela con i numeri forniti nella relativamente breve Fase 1, il giorno in cui si erano prefissati, e più semplice nel grande schema delle cose rispetto a molte, se non la maggior parte, delle fasi successive.

READ  Gran Premio degli Stati Uniti: Max Verstappen batte Lewis Hamilton e conquista la 15a vittoria stagionale da record | Novità sulla Formula 1

Come ho detto, è troppo presto per valutare con precisione le prestazioni della squadra e, se altre squadre si lanciano, le credenziali di Pogacar come pilota più forte dovrebbero aiutarlo a salire sulle ruote prima di lanciarsi, ma l’UAE Team Emirates potrebbe aver bisogno di stare all’erta presto . Domani si concluderà il primo vertice. E poi, se vuole avere la possibilità di vincere una doppietta al Giro Tour, Bogar avrà bisogno della sua squadra più che mai.

Cosa ne pensi di questa storia?



EscapecollectiveGiro d’ItaliaTadej PogacarUAE Team UAE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto