“Non è nostro compito essere la polizia globale”: il candidato presidenziale Vivek Ramaswamy spiega perché gli Stati Uniti dovrebbero restare fuori da Israele

L’uomo d’affari e candidato alla presidenza Vivek Ramaswamy ha dichiarato che gli Stati Uniti “non dovrebbero essere coinvolti” nella guerra di Israele contro Hamas, pur sostenendo che Israele ha il diritto di “portare a termine il lavoro”.

Il 38enne repubblicano ha incontrato martedì il conduttore di Sky News Australia Piers Morgan, dove ha suggerito che non è più responsabilità degli Stati Uniti “essere la polizia globale”.

“Se si guarda agli ultimi 40 anni, questo è stato il ruolo degli Stati Uniti, quello di poliziotto globale”, ha detto Ramaswamy a Morgan.

“Il mio lavoro (come presidente) è prendermi cura degli interessi americani, e questo rappresenta un cambiamento da una prospettiva neoconservatrice”.

L’uomo d’affari miliardario ha affermato che la sua opposizione all’intervento diretto americano in Israele deriva dalla complessa eredità dell’intervento militare americano in Iraq e Afghanistan.

“Appartengo a una generazione diversa che ha visto il costo di seimila miliardi e mezzo di dollari del nostro debito nazionale attribuibile alle guerre in Iraq e Afghanistan che non hanno servito gli interessi degli Stati Uniti”, ha detto.

Migliaia e migliaia di vite sono state sacrificate solo in queste due guerre.

La mia domanda è: il nostro coinvolgimento militare aiuta il nostro interesse nazionale?

Nonostante abbia invitato gli Stati Uniti ad astenersi dall’intervento militare in Israele, Ramaswamy ha raddoppiato il suo sostegno a Israele e ha affermato il diritto della nazione a “proteggersi”.

“Questo è il diritto di Israele di proteggersi e portare a termine la sua missione. La mia opinione sull’Iran è che tu resti fuori e noi restiamo fuori”.

Ha anche messo in dubbio la continua legittimità delle Nazioni Unite e ha chiesto una “conversazione aperta” sul ritiro del sostegno americano alle Nazioni Unite.

READ  Israele Hamas: interrotta la protesta di Bondi Beach

Credo che le Nazioni Unite abbiano superato il loro scopo. “Dobbiamo avere un dialogo aperto sul continuo impegno degli Stati Uniti nelle Nazioni Unite”, ha affermato.

A febbraio, Ramaswamy ha annunciato formalmente la sua candidatura alle primarie repubblicane del 2024 per assicurarsi la nomina del partito alla presidenza.

Gli uomini d’affari nati nell’Ohio si troveranno ad affrontare un mix di contendenti in lizza per la nomina repubblicana, tra cui l’ex presidente Donald Trump, l’ex governatore del New Jersey Chris Christie, il governatore della Florida Ron DeSantis e l’ex ambasciatore degli Stati Uniti presso le Nazioni Unite Nikki Haley.

La settimana scorsa, l’ex vicepresidente Mike Pence ha ufficialmente sospeso la sua campagna, ma non ha ancora appoggiato nessuno dei candidati rimanenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto