SanSeveroTV

Più notizie quotidiane di qualsiasi altra fonte di notizie italiana sull'italiano.

No Time to Die – L’Aston Martin Valhalla cambia prima del debutto del film

James Bond di solito ha accesso ai giochi e alle tecnologie più recenti.

Ma la pandemia di coronavirus e un cambio di opinione da parte del nuovo capo dell’Aston Martin significano che Aston Martin Che le stelle del prossimo film di Bond scadranno quando arriveranno sugli schermi d’argento.

Aston Martin ha fornito i primi esempi della sua prossima supercar Valhalla da utilizzare sul set Non c’è tempo per morire, il prossimo capitolo della storia di Bond.

Il film era originariamente previsto per l’uscita nell’aprile 2020 ed è stato posticipato non prima dell’ottobre 2021.

Questo è scomodo per l’Aston Martin, poiché l’auto protagonista del film ora ha poca rilevanza per gli esempi di showroom.

Progettata per la prima volta presa in prestito dalla Aston Martin Valkyrie di punta della gamma e alimentata da un V6 turbo ispirato alla F1, la Valhalla ha adottato un nuovo look e un nuovo motore.

Allo stesso modo in cui il team Aston Martin di Formula 1 prende in prestito motori da Mercedes-Benz, Valhalla è alimentato dal motore più grande mai offerto dalla divisione AMG del marchio tedesco.

Il nuovo CEO di Aston Martin – ed ex capo della Mercedes-AMG – Tobias Mors ha sfruttato al massimo i collegamenti all’interno della Germania per realizzare il Benz V8 biturbo da 4,0 litri.

Alimentato da una versione speciale della Mercedes V8 precedentemente destinata ai wildflowers Mercedes-AMG GT Black Series, Valhalla ha una potenza a benzina potenziata di 550 kW.

I motori elettrici che azionano le ruote anteriori aumentano la potenza totale a circa 700 kW e 1.000 Nm, un tocco inferiore ai 735 kW della Ferrari SF90.

READ  L'elenco dei siti di esposizione al COVID nel Victoria aumenta da un giorno all'altro mentre il paese combatte contro le doppie catene di trasmissione

Ma l’Aston dovrebbe dimostrarsi più leggera e veloce, grazie a un telaio in fibra di carbonio e un’aerodinamica più robusta.

Mentre la show car originale sembrava esotica, il modello di produzione è facilmente riconoscibile come un’Aston Martin grazie alla forma della griglia anteriore e alla vernice strettamente correlata. L’ultimo crossover DBX.

Un cambio automatico a doppia frizione a otto velocità, pneumatici specifici Michelin e freni carboceramici contribuiscono a fornire prestazioni di livello mondiale.

Il marchio afferma che la sua strumentazione è in grado di circumnavigare il circuito tedesco del Nürburgring in circa 6 minuti e 30 secondi, rendendola l’auto di produzione più veloce in vendita con un margine.

I prezzi e le specifiche complete per l’edizione limitata per l’Australia devono ancora essere confermati, ma non prevediamo alcun cambiamento rispetto al milione di dollari.