ATTUALITA' Notizie 

Replica della Dirigente dell’istituto Zannotti-Fraccacreta in merito alla cessione di alcuni locali della scuola Andersen alla Croce Rossa

Like
Like Love Haha Wow Sad Angry

Pubblichiamo integralmente una replica a firma dela Dirigente dell’Istituto Comprensivo Statale “Zannotti-Fraccacreta” in merito all’articolo “Nuova sede per la Croce Rosse che si trasferirà presso i locali della scuola Andersen”

Gentilissimo direttore
sono stata costretta a scriverle perché ancora una volta le parole usate negli articoli di stampa non descrivono esattamente i fatti che vorrebbero rappresentare.
Leggo dal vostro quotidiano on line che il comune di San Severo “ ha concesso alla C.R.I. per 6 anni i locali siti presso la
scuola materna ( dell’infanzia n.d.r) Hans Cristian Andersen ….attualmente non utilizzati a causa della diminuita presenza
di bambini e dato lo stato di fatiscenza degli stessi”
Le persone che hanno letto questo articolo hanno potuto sapere che i bimbi residenti nell’area servita dalla scuola
dell’infanzia di via D’Annunzio sono costretti a vivere in locali fatiscenti, e avranno magari supposto che questa sia la ragione della diminuzione delle iscrizioni o viceversa. Magari lettori attenti avranno pensato che la Cri possa essere ospitata in qualche aula in disuso, vista che la superficie concessa è solo di 64 mq.
Ora se non si fosse supponenti o superficiali come gli avventori dei bar , che parlano di formazione della nazionale di calcio o del governo del paese come se fossero allenatori o capi dello stato, si dovrebbe sapere che non è possibile creare condizioni di promiscuità tra attività scolastiche e attività di qualsiasi altro genere, comunque coerenti con le finalità educative a cui i locali sono destinati.
Un redattore accorto e desideroso di dare informazioni, piuttosto che dare fiato alle trombe , avrebbe dovuto farsi delle
domande e avrebbe trovato qualche risposta nella delibera comunale, nel cui preambolo è testualmente riportato :”…siti
all’interno del plesso scolastico (attualmente liberi e disponibili, in quanto alloggio del custode). Ergo i locali sarebbero
disponibili perché essi non erano destinatati fin dall’origine ad attività scolastiche.
Certo il redattore dell’articolo mi potrebbe rispondere che egli ha semplicemente riportato quanto scritto in delibera.
Allora mi chiedo qual è la funzione del giornalista in un periodo in cui l’accesso alle informazioni è totale e questo invece di favorire una partecipazione attiva dei cittadini , permette il diffondersi di notizie verosimili ma non vere.
Se l’articolo da lei pubblicato chiama in causa il ruolo del giornalista nella società dell’informazione e gli aspetti deontologici di questa professione ( è forse troppo per un giornale a diffusione locale?), ancor di più pone in rilievo le politiche della giunta che ha assunto la delibera, perché la fatiscenza di locali pubblici è rivelatrice della negligenza di chi ha gestito negli anni il patrimonio edilizio comunale, e non può essere invocata per giustificare la concessione ad associazioni private, benchè “benemerite”, quasi ad ammettere la propria impotenza nella gestione dei beni pubblici.
In ultimo ma non meno importante, la concessione dei locali scolastici a terzi da parte dell’Ente proprietario è subordinato, ai sensi dell’art. 38 del decreto 129/18 il cd Regolamento contabile, alla deliberazione del Consiglio d’Istituto e solo
temporaneamente.
Approfitto di queste pagine per ricordare agli assessori presenti nella seduta del 1^ marzo, personalmente conosciuti, che
rispetto istituzionale avrebbe voluto che qualche comunicazione arrivasse alla scuola interessata alla delibera. L’unica
giustificazione a tale comportamento la posso trovare nell’impegno nella campagna elettorale.
La ringrazio fin da ora per lo spazio fisico e di attenzione che vorrà

La Dirigente dell’Istituto Comprensivo Statale “Zannotti-Fraccacreta” – San Severo

Like
Like Love Haha Wow Sad Angry

Articoli sullo stesso argomento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: